Lunedì, 21 settembre 2020 - ore 08.46

ITALIA - CONTINUA LA SCIA DEI PESTAGGI: VITTIME SEMPRE GIOVANISSIMI

UN RAGAZZO DI 16 E UNO DI 22 ANNI Continua la scia di aggressioni come Willy

| Scritto da Redazione
ITALIA - CONTINUA LA SCIA DEI PESTAGGI: VITTIME SEMPRE GIOVANISSIMI

Continua la scia di aggressioni come quasi quella di Willy.

Una a Forte Dei Marmi e una a Savona:

A Savona, a giugno, un 22enne è stato picchiato da un branco di ragazzi tra i 20 e i 33 anni per più di un'ora senza che nessuno intervenisse.

Secondo quanto ricostruito, con un pretesto, il giovane era stato avvicinato da due dei ragazzi,arrestati, accusandolo del furto, mai avvenuto, di una borsetta di un'anziana iniziando a picchiarlo.

Uno dei cinque ha fermato la vittima nei pressi della stazione di Savona, l'ha trascinato per i capelli fino a una via limitrofa e lì l'ha percosso e minacciato con un coltello. Poi l'ha portato in un parco della zona, dove l'attendevano gli altri quattro componenti del branco.

Qui il giovane è stato ripetutamente colpito con calci alla testa, anche quando era già a terra completamente inerme svenuto, procurandogli numerose lesioni e una frattura allo zigomo.

Ricoverato inizialmente con prognosi riservata, il giovane è stato poi dimesso dopo giorni e con trenta giorni di prognosi e ora-per fortuna- sta bene

I cinque responsabili sono stati identificati grazie alle telecamere di videosorveglianza, che hanno inquadrato le fasi dell'aggressione, permesso di rintracciare alcuni testimoni e poi di arrestare tutti e 5 componenti .

Il presunto furto della borsetta era solamente un pretesto per aggredire una persona incapace di difendersi.

Durante l'arresto,i carabinieri hanno sequestrato anche un "tirapugni", due coltelli a serramanico e uno sfollagente/manganello.

 

A Forte dei Marmi,invece, la notte di Ferragosto,un 16enne è stato picchiato da coetanei,per vendetta, dopo esser stato scambiato per il presunto responsabile di un'aggressione sessuale ai danni di una sedicenne, anche questo episodio mai realmente avvenuto. 

Da subito era emerso che la brutale aggressione al ragazzo 16enne fiorentino era legata a motivi di difesa di una giovane. Inizialmente però sembrava che fosse stata la vittima del pestaggio a intervenire per difendere dal branco una fantomatica ragazza.

La vicenda si è chiarita quando due giorni dopo il pestaggio,sempre una sedicenne ha raccontato alla polizia di essere stata aggredita qualche sera prima in spiaggia da un ragazzo.

Poco dopo, i ragazzi denunciati, amici della ragazza giovane che aveva denunciato, avevano raggiunto sul pontile di Tonfano il 16enne fiorentino e, scambiandolo per l'aggressore, l'avevano pestato per vendetta con calci e pugni.

La polizia poi è riuscita a individuare e a sua volta denunciare per violenza sessuale anche il responsabile dell'aggressione alla sedicenne, a sua volta minorenne anche lui e pare facesse parte del gruppo dei ragazzi che aveva pestato il 16enne al ponte.

 

#ZONACHECK

 

 

241 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria