Mercoledì, 24 luglio 2024 - ore 22.48

Firma la petizione: Patto per i Beni Comuni per chiudere l'inceneritore di Cremona

Di fronte alle troppe incertezze sulla futura chiusura dell'inceneritore di San Rocco sottoscrivi il Patto

Firme raccolte finora: 111

Firma ora la petizione!

Compila tutti i campi per firmare la petizione.
Il tuo indirizzo email non verrà mostrato
.
(max 300 caratteri)
Nome e Cognome CAP Data Commenti

Di fronte alle troppe incertezze sulla futura chiusura dell'inceneritore di San Rocco, malgrado sia stato inserito tra i 4 impianti in Lombardia da poter spegnere nel brevissimo periodo;

dopo il fallimento del tavolo di Lavoro presso il Comune di Cremona che ha visto stracciata persino la mediazione di programmarne la chiusura entro 3 anni;

preso atto che si è voluto rinviare la scelta ricorrendo allo strumento del Protocollo d'intesa tra Regione Lombardia, Provincia e Comune di Cremona che prevede un Gruppo di lavoro interistituzionale  a supporto tecnico di una futura decisione politica che spetterà comunque agli Enti locali cremonesi;

considerando i rifiuti come risorsa e l' innovazione sociale, ambientale ed  economica della raccolta differenziata porta a porta , del Riciclo e del Riuso dei materiali come parte della cultura e delle buone pratiche dei Beni Comuni;

sottoscriviamo l'impegno

a perseguire l'obiettivo della chiusura dell'inceneritore di Cremona  senza incertezze e senza prestarci a manovre “truccate” da chiunque provengano;

a contribuire a definirne tempi e modalità di spegnimento, puntando da subito sulla  scelta, progettazione e realizzazione delle alternative che sono  la Fabbrica dei materiali e, in particolare, il Trattamento Meccanico Biologico;

a sostenere la raccolta differenziata porta a porta in ogni parte della città, fino ad arrivare a garantire ad ogni cittadino un trattamento più giusto attraverso l'adozione della tariffa puntuale;

a proporre agli attuali candidati e ai futuri amministratori di Cremona di utilizzare il Protocollo d'intesa con La Regione ricorrendo a competenze scientifiche, tecniche ed economiche orientate alle soluzioni tecnologiche più innovative e sostenibili e non al revamping dell'inceneritore;

a risolvere la questione dei rifiuti speciali dentro un quadro regionale di  collaborazioni e di uso razionale degli impianti.

Associazioni di Cremona che promuovono il Patto : Giovanna Perrotta, Legambiente; Bruno Tagliati, Acli; Benito Fiori, AmbienteScienze; Matteo Salti, Partecipolis; Laura Rossi, Filiera Corta Solidale; Carla Bellani, Sì rinnovabili No nucleare; Marco Pezzoni, CreaFuturo

Cremona 16 maggio 2014

Altre petizioni