Martedì, 28 giugno 2022 - ore 13.47

Crema Aperta contro l'omofobia

I diritti sono sempre una priorità - Crema Città Aperta contro ogni discriminazione per orientamento sessuale

| Scritto da Redazione
Crema Aperta contro l'omofobia

La giornata internazionale contro l’omo-bi-transfobia, ovvero contro odio e pregiudizi nei confronti delle persone omosessuali, bisessuali e transessuali, che si celebra il 17 maggio, ci riguarda tutti, perché il diritto alla libertà di essere se stessi e di amare chi si vuole è di ognuno, perché tutti hanno diritto di essere felici e rispettati, di avere gli stessi diritti e le stesse libertà.

Una persona su tre, secondo un’indagine Istat e Unar, subisce discriminazioni per il proprio orientamento sessuale, e sono ancora tante le persone che subiscono violenza, morale e fisica, sul lavoro, a scuola e perfino in famiglia, perché omosessuali, bisessuali o transessuali. E così, per timore, oltre il sessanta per cento non dichiara apertamente il proprio orientamento sessuale.

La Giornata internazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia ci ricorda che (solo) il 17 maggio 1990 l’Organizzazione mondiale della sanità rimosse l’omosessualità dall’elenco delle malattie mentali. Da allora dei passi sono stati fatti, ma molta strada è ancora da fare.

Il riconoscimento giuridico delle unioni civili tra persone dello stesso sesso è stato un momento importante ma non elimina la discriminazione di fondo, prevedendo una tutela solo parziale delle coppie omosessuali: i bambini nati durante l’unione civile vengono considerati figli del solo genitore biologico.

E allora bisogna proseguire con politiche attive che traducano nei fatti la parità di diritti e che promuovano una cultura di eguaglianza e di rispetto.

Non può esserci alcuna ambiguità. Auspichiamo che il disegno di legge Zan contro i crimini di odio e le discriminazioni contro omosessuali, transessuali, donne e disabili, dopo mesi di stallo possa essere finalmente approvato in Parlamento.

C’è chi cerca di giustificare la propria contrarietà sostenendo che non si tratta di una priorità. Che cosa significa? Viene da pensare che tale affermazione nasconda in realtà la volontà di lasciare le cose come stanno e racconta di una politica che non riesce ad accompagnare la società nelle trasformazioni che l’attraversano. A costoro noi diciamo che i diritti, tutti i diritti, sono sempre una priorità.

La lista Crema Aperta è impegnata e si impegnerà fortemente contro ogni forma di discriminazione perché pensiamo che il ruolo della politica e delle istituzioni sia quello di accompagnare ogni singola cittadina e cittadino, senza eccezione, ad avere uguali possibilità di vivere una vita piena, nel quotidiano, nel concreto, in questa vita, difendendo il loro diritto alla felicità. Lo faremo continuando l’impegno dell’Amministrazione Comunale uscente che è stata in prima linea sui temi e sui diritti della comunità LGBT+ aderendo da subito alla Rete RE.A.D.Y (Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere).

Teresa Caso Sabrina Ferrari Matteo Tammaccaro candidati della Lista Crema Aperta

165 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria