Martedì, 23 luglio 2024 - ore 19.49

Crema Educatori: siglato accordo economico per gli addetti

Accordo che riguarda il ruolo delle figure professionali degli ‘educatori’ e che contempla anche una parte economica.

| Scritto da Redazione
Crema  Educatori: siglato accordo economico per gli addetti

Crema  Educatori: siglato accordo economico per gli addetti

Siglato l’accordo di rete in favore di un sistema di politiche sociali tra Comunità Sociale Cremasca, Comune di Crema, Confcooperative Cremona, Lega delle Cooperative, AGCI, CGIL, CISL e UIL. Accordo che riguarda il ruolo delle figure professionali degli ‘educatori’ e che contempla anche una parte economica.

La premessa fatta è che “si riscontrano la crescita significativa delle cosiddette ‘fragilità sociali’ ed anche l’emersione di nuove problematicità, specie nelle fasce più giovanili della popolazione”.

Nella stesura dell’accordo sono stati presi in considerazione: la lettura della situazione; la necessità di rivedere i modelli organizzativi per attuare politiche-sociali; la condivisione e la promozione di incontri a carattere di confronto ed anche formativo che possano vedere coinvolti sia i sottoscrittori dell'accordo, sia essere aperto ad altri soggetti interessati per arrivare anche a tutta la comunità e cittadinanza; l'analisi di alcuni snodi che riguardano la relazione tra pubblica amministrazione privato sociale; la capacità di avere approcci orientati alla qualità dei servizi di assistenza educativa scolastica e domiciliare.

“Tale personale - si legge nell’accordo siglato facendo riferimento agli educatori  - è il fulcro delle prestazioni di cura e per metterlo in grado di esprimere la qualità necessaria deve godere dei giusti riconoscimenti anche economici”. Si tratta di adeguamenti che vanno a ritoccare quanto già era stato concordato nel 2020, quando si era registrato un aumento del 6%. Un tavolo è già in calendario per il prossimo autunno, quando verrà fatta una ulteriore verifica e - nel caso la ricognizione lo evidenzi - apportati ulteriori miglioramenti economici. Nel frattempo gli inquadramenti lavorativi (valori di costo orario sotto i quali non è possibile andare) prevedono per il servizio SAD (assistenza domiciliare) 20,20 euro e 24 euro per il festivo. Per il servizio SAP (assistenza alla persona nelle scuole) 20,20 euro (posizione D1)  e 21,50 euro (posizione D2). Per il servizio ADM (assistenza domiciliare ai minori) 22,5 euro. Per il servizio SIP (incontri protetti) 22,7 euro. Importi a cui va aggiunta l’Iva.

Infine nell’accordo raggiunto viene stabilito “di promuovere momenti di condivisione circa la valutazione degli impatti dei servizi sull’utenza, al fine di possibili riorientamenti e/o cambiamenti organizzativi nell’erogazione delle prestazioni o in quant'altro si rendesse necessario per migliorare o efficientare gli stessi, assumendo e proseguendo il rilevante lavoro che da tempo viene svolto in sede di Tavoli tecnici discendenti dal Piano di Zona”.

 

687 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online