Lunedì, 15 luglio 2019 - ore 20.19

Cremona Esordio positivo e partecipato quello del‘Forum delle idee’ ieri in sala Zanoni con Ferruccio Capelli

La prima iniziativa si è tenuta sabato 18 novembre in sala Zanoni a Cremona con il direttore della Casa della cultura di Milano Ferruccio Capelli sul tema “ Pensiero critico e nuovo umanesimo nell’Europa che cambia”

| Scritto da Redazione
Cremona Esordio positivo e partecipato quello del‘Forum delle idee’ ieri in sala Zanoni con Ferruccio Capelli Cremona Esordio positivo e partecipato quello del‘Forum delle idee’ ieri in sala Zanoni con Ferruccio Capelli Cremona Esordio positivo e partecipato quello del‘Forum delle idee’ ieri in sala Zanoni con Ferruccio Capelli Cremona Esordio positivo e partecipato quello del‘Forum delle idee’ ieri in sala Zanoni con Ferruccio Capelli

Daniele Aglio, Anna Delbarba e Matteo Lodigiani hanno introdotto il tema partendo dalla loro esperienza di giovani universitari che si interrogano su quale futuro li attenda e se sia ancora possibile incidere sulla situazione che si sta profilando in Italia e in Europa.

 " La nostra societa' globalizzata - ha iniziato Ferruccio Capelli, direttore della Casa della cultura di Milano - e' come un aereo senza pilota. Facciamo fatica a capire dove andiamo, ancora piu' fatica a incidere sul percorso. Globalizzazione, finanziarizzazione, digitalizzazione stanno cambiando rapidamente la nostra vita. L'economia schiaccia la politica che rinuncia alla fatica della idee e si trasforma in spot pubblicitario." Secondo Ferruccio Capelli " la stessa comunicazione e'profondamente cambiata e la stessa tv ha perso audience ed autorevolezza a favore dei social.

Ma i social ti illudono di essere dentro una rete sociale, in realta' sei profondamente solo". " In questo quadro si afferma la politica del pubblico al posto della politica dei partiti e dei corpi intermedi. Il leader illude il suo pubblico di rappresentarlo e dunque la partecipazione e' ridotta a delega. La disintermediazione in atto non ha bisogno di attori sociali, di sindacati, di associazioni e nemmeno di giornali e di libri.

Trump polemizza ogni giorno con i giornali perche' pensa di farne a meno. Cosi' ogni mattina twitta a 44 milioni di sostenitori fidelizzati" ."Il populismo non ha bisogno di idee, non ha bisogno della cultura che e' conoscenza della complessita'". Passando all'Europa Ferruccio Capelli si e'detto preoccupato di cio' che sta avvenendo in Austria e nel gruppo di Visegrad dove il poulismo si vena di xenofobia e nazionalismo.

 "Oggi il fenomeno piu' pericoloso per la democrazia in Europa e' il nazionalismo populista. Ma girare la testa all'indietro non ci aiutera' a risolvere i problemi che abbiamo di fronte." Se usciamo dal conformismo, dal "non c'e' niente da fare'" ci rendiamo conto che bisogna uscire dal silenzio delle idee e mettere analisi, pensiero, risposte e proposte complessa a trainare l'azione, a guidare la politica.

 Individualismo e neoliberismo ci hanno portato in un mondo dove le disuguaglianze sono cresciute. Per questo"ha concluso Capelli dobbiamo mettere in campo una utopia ragionevole, che si occupi del destino comune e non solo di quello dei pochi privilegiati. Un nuovo umanesimo che proietti nel futuro quello che la  civilita' europea ha prodotto di buono in fatto di diritti, welfare universalistico, pluralismo.

 Rilanciare l'uguaglianza e una poltica che guardi ai cambiamenti climatici come occasione per la riconversione ecologica dell'economia. Battere i nazionalismi e costruire un Europa dei popoli e della convivenza tra fedi ed etiche diverse, ma tutte amiche della democrazia e rispettosa dello Stato di diritto".

M.P.

1217 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online