Martedì, 15 giugno 2021 - ore 23.33

Galli, su coprifuoco a mezzanotte ci vuole attenzione

Per immunità gregge vaccino va aggiornato a varianti principali

| Scritto da Redazione
Galli, su coprifuoco a mezzanotte ci vuole attenzione

Si può posticipare il coprifuoco a mezzanotte? "Guardiamo i numeri. Per me il segnale deve essere ancora di attenzione" dice Massimo Galli, direttore del dipartimento Malattie Infettive dell'ospedale Sacco.

 "Se apriamo veramente tutto e comunque, non ci sarà più un segnale di attenzione, già non c'è da 15-20 giorni e dobbiamo ancora vedere, alla fine del mese, quale sarà il bilancio dei 28 giorni successivi alle aperture", aggiunge. Parlando degli effetti dei vaccini, Galli sottolinea: "Credo ci si possa attendere una ulteriore flessione delle infezioni gravi con il crescere delle vaccinazioni. Accade in tutto il mondo e accadrà anche da noi". Poi Galli parla delle nuove dosi vaccinali. "O questo vaccino verrà aggiornato a tutte le varie varianti principali, o altrimenti con questo vaccino l'immunità di gregge non la facciamo, ammesso che si possa conseguire. - prosegue - Su questo il sottosegretario Sileri ha ragione, in queste condizioni non riusciremo ad avere un'immunità di gregge, questo è uno dei messaggi per cui se riusciamo a far circolare il virus il meno possibile con qualche restrizione, forse potremmo avere meno risultati nefasti".

"Se il virus è pressato molto ma non è messo con le spalle al muro, come potrebbe succedere con una vaccinazione di massa fatta tutta assieme e con un vaccino veramente efficace, il virus tira fuori delle varianti che compaiono casualmente e ricomincia, come fosse il gioco dell'oca", conclude. (ANSA).

105 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Un anno di Sputnik V, tra necessità e sfiducia

Un anno di Sputnik V, tra necessità e sfiducia

La sperimentazione di nuovi vaccini è stato fin dallo scorso anno uno dei temi che hanno accompagnato la pandemia e il contrasto al Covid-19. La Russia, tra molte perplessità, è stato il primo paese ad approvare un vaccino, lo Sputnik V, impiegandolo tanto come strumento di immunizzazione interna quanto, soprattutto come strumento di politica estera, in un momento di fragilità interna ed internazionale della Federazione Russa.