Domenica, 23 gennaio 2022 - ore 02.57

La Coop. Di Vicinato Lombardia si è ‘dimenticata’ della festa della Sinistra di Gussola

Esprimo una mia valutazione tra discrezione e regole, attraverso una lettera che ho inviato agli organismi dirigenti della Coop. Vicinato Lombardia.

| Scritto da Redazione
La Coop. Di Vicinato Lombardia si è ‘dimenticata’ della festa della Sinistra di Gussola

Egregio Direttore, colgo l'occasione della sua rubrica lettere al giornale per  esprimere una mia valutazione tra  discrezione e regole, attraverso una lettera che ho inviato agli organismi dirigenti della Coop. Vicinato Lombardia.

In occasione dell'assemblea di bilancio tenutasi a Milano, mi avevate contattato dicendomi che  da quest'anno i rapporti con i partiti sarebbero cambiati, in pratica il piccolo contributo per la nostra festa a Gussola non ce lo avreste più consegnato ( credo che si trattasse di 200 euro). Sapete anche che la mia reazione  fu di stupore e aggiunsi se non ricordo male che i rapporti era  meglio interromperli con personaggi come Buzzi. E' stato uno sfogo naturale, perchè nella mia mente passarono i volti dei tanti compagni onesti che nel corso dei mesi estivi organizzano varie feste sul nostro territorio e poi perchè i partiti dovrebbero essere alla base della nostra democrazia. Il giorno successivo vi feci pervenire  uno scritto dove specificavo che la nostra era un'associazione  legalmente registrata , che ha contatti con i partiti o sarebbe meglio precisare con militanti o simpatizzanti dei partiti della sinistra, per questo la sua denominazione è “a Sinistra” non mi è giunta più nessuna notizia in merito a quel mio scritto, quindi misi il cuore in pace.

Ci sarebbero serviti certamente i Vostri 200 euro per affrontare alcune spese, ma se questo non era possibile ,pazienza, tanto era una scelta che coinvolgeva tutti e quindi non si creavano differenze tra diverse realtà. Poi amaramente in questi giorni in cui si è svolta la nostra festa  alcuni compagni di altri paesi che organizzano anche loro  una iniziativa simile alla nostra  distribuirono la loro pubblicità  e nello sfogliarla  notammo che bene in grande  vi era il logo della COOP. di vicinato, fu come ricevere un pugno nello stomaco, ci dicemmo ma come è possibile che  una scelta fatta solo un mese fa fosse già vanificata o meglio fosse entrata in vigore solo per noi. Nel contempo seguirono alcune considerazioni amare, si sa che in una società privata è discrezione del proprietario fare determinate scelte, mentre per le imprese pubbliche  o meglio ancora per il movimento Cooperativo quelle che dovrebbero valere per tutti sono le regole approvate dagli organismi competenti. Questo sta anche scritto nell'editoriale del giornalino della Cooperazione Trentina, del mese di agosto in cui si dice “ Di qui la necessità di rimetterci in discussione, di esaminare se la cooperazione abbia ancora un senso qui da noi o non si sia snaturata nei suoi valori istitutivi per adeguarsi al mercato e alla finanza, anziché contrastarli a vantaggio di chi ha più bisogno” leggendo  interamente questo editoriale mi sono reso conto e in mè si è rafforzata l'idea  che la Vostra scelta sia stata sbagliata sopratutto sotto l'aspetto  sia sociale che umano, non vorrei che le mie posizioni  a volte critiche siano alla base del vostro comportamento, personalizzandole e rendendole punitive.

Devo dire che mi sono sentito offeso nel vedere che quello che negavate a noi  lo davate ad altri. La dignità di una persona spesso e per me sempre, vale più dei 200 euro. Quindi vi ho messo a conoscenza di quello che penso , ma nel contempo coinvolgerò la stampa locale  per far conoscere il mio punto di vista tra la discrezionalità e le regole. Una lettera la si può anche cestinare , mentre le parole scritte sulla carta stampata danno la possibilità a chi le legge di farsi un'opinione su determinati comportamenti. Credetemi il passo che sto facendo non è consuetudine  per la mia persona ,sopratutto pensando ai tanti anni che ho trascorso nel movimento Cooperativo, sia io che mio padre. Pazienza , oggi le cose hanno preso questo verso e me ne duolo parecchio scusatemi

Gerelli Sante, Socio Coop. Vicinato Gussola

 

Gussola 22 luglio 2015

1006 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online