Lunedì, 19 agosto 2019 - ore 22.14

La sinistra cremonese con la Fiom

| Scritto da Redazione
La sinistra cremonese con la Fiom

SCIOPERO DEI METALMECCANICI INDETTO DALLA FIOM PER IL 28 GENNAIO
Contro ogni previsione, la metà degli operai della Fiat Mirafiori ha votato No all’accordo imposto da Marchionne, deludendo le aspettative di chi voleva la vittoria schiacciante dei sì. 
Solo con il voto degli impiegati (prevalentemente quadri e capi, non toccati dall’accordo) il Sì è passato di stretta misura.
La portata immediata di questo voto è enorme e apre la via per mettere in discussione l’accordo stesso, ponendo un freno a quella gravissima deriva che intende sostituire la contrattazione nazionale con accordi aziendali imposti ai lavoratori dalle condizioni del precariato o sotto minaccia di chiusura.
Il NO degli operai di Mirafiori ci dice che la politica del lavoro usa e getta, l’assenza di piani industriali credibili non possono essere spacciati come la modernità che risolve la crisi.
Il NO degli operai Fiat parla a tutto il mondo del lavoro che non vuole più piegare la testa, parla ai giovani, agli studenti, ai disoccupati e a tutti i movimenti.
Quest’ondata di NO dice a tutti che è possibile respingere il ricatto e incrinare quel metodo di ingiustizie e sopraffazioni che si sta diffondendo nel Paese.
Questo NO parla al Governo che si è schierato a fianco di Marchionne abbandonando i lavoratori Fiat al proprio destino. Parla a tutta la Sinistra affinché ritrovi unità e slancio sui temi importanti del lavoro, dell’occupazione e sulla questione sociale, rimettendo al centro della discussione politica l’irrisolto problema del conflitto tra capitale e lavoro.
Per questo è doveroso il nostro ringraziamento ai militanti della FIOM e del sindacalismo di base, alle loro RSU che a Mirafiori, sfidando il regime mediatico e le intimidazioni, hanno creduto in questa battaglia.
Con lo sciopero dei Metalmeccanici indetto dalla FIOM per il 28 gennaio inizia un’importante campagna di sensibilizzazione e lotta che vuole indicare una visione alternativa di occupazione e sviluppo nel rispetto della Costituzione e dei diritti dei lavoratori, coniugando tutela dell’ambiente, salute e occupazione.
A questa battaglia diamo la nostra piena solidarietà invitando tutte le forze che sono dalla parte del lavoro a partecipare.

Firmano:

Federazione della Sinistra (PdCI, PRC Cremona, PRC Crema), Sinistra Ecologia Libertà CR, Federazione dei Verdi, Federazione dei Comunisti Anarchici, Unione Sindacale di Base, Lega di Cultura di Piadena, ANPI CR, Comitato Difesa del Territorio, Comitato Beni Comuni, Comitato No Autostrade, Centro Sociale Kavarna, Centro Sociale Dordoni, Movimento Studentesco CR

1297 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria