Mercoledì, 08 aprile 2020 - ore 04.45

Patto Salva Formaggio Coldiretti bene risposta del Governo a ultimatum comunitario

Coldiretti Cremona: "Il nostro grazie a migliaia di cremonesi che hanno firmato la petizione"

| Scritto da Redazione
Patto Salva Formaggio Coldiretti bene risposta del Governo a ultimatum comunitario

E’ stato rispettato Il patto salva formaggio italiano simbolicamente siglato dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi e dal Ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina davanti a 30mila agricoltori della Coldiretti ad Expo, dove il premier aveva “adottato” le specialità casearie tricolori contro il diktat europeo sul via libera all’utilizzo delle polveri. E’ quanto ha affermato il Presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nell’esprimere apprezzamento per la decisione del Governo di confermare il no alla produzione di formaggi senza latte fresco alla scadenza dell’ultimatum da parte della Commissione Europea.

Una decisione - sottolinea la Coldiretti - supportata anche dalla petizione popolare alla quale hanno aderito decine di migliaia di italiani dopo la mobilitazione degli agricoltori dal Brennero a Bruxelles fino all’Expo. Nella lettera indirizzata a Bruxelles il Governo rileva che la materia non è armonizzata, quindi c'è libertà per gli Stati membri di avere norme più restrittive rispetto a quelle Ue e che la legge italiana non produce effetti distorsivi della concorrenza.

Il 29 settembre - ricorda la Coldiretti - scadeva "l’ultimatum” fissato dalla Commissione Europea sulla richiesta all’Italia di porre fine al divieto di detenzione e utilizzo di latte in polvere, latte concentrato e latte ricostituito per la fabbricazione di prodotti lattiero caseari previsto storicamente dalla legge nazionale. La lettera di “diffida” della Commissione Europea sull’infrazione n.4170 - precisa la Coldiretti - voleva imporre all'Italia di produrre “formaggi senza latte” ottenuti con la polvere con il rischio di far sparire 487 formaggi tradizionali censiti dalle Regioni italiane ottenuti secondo metodi mantenuti inalterati nel tempo da generazioni. Secondo la Coldiretti si tratta di un inganno per i consumatori che mette a rischio un patrimonio gastronomico custodito da generazioni, con effetti sul piano economico, occupazionale ed ambientale.

Con un chilo di polvere di latte, che costa sul mercato internazionale 2 euro - sottolinea la Coldiretti - è possibile produrre 10 litri di latte, 15 mozzarelle o 64 vasetti confezioni di yogurt e tutto con lo stesso identico sapore perché viene a mancare quella distintività che viene solo dal latte fresco dei diversi territori.

"L'importante decisione del Governo è frutto anche della straordinaria mobilitazione che, a partire dalla nostra petizione, ha visto cittadini e agricoltori unirsi nel dire no alla produzione di formaggi senza latte - sottolineano Paolo Voltini, Presidente di Coldiretti Cremona, e Tino Arosio, Direttore della Federazione -. Anche a Cremona, presso i nostri Uffici e presso i Mercati di Campagna Amica, sono state raccolte numerosissime firme. Accanto ai cittadini, anche i parlamentari del territorio, i consiglieri regionali e persino interi consigli comunali hanno firmato a sostegno di una battaglia buona e giusta. Perché i formaggi si devono fare con il latte, non con le polveri. E, naturalmente, i formaggi italiani si devono fare con il latte italiano, la cui eccellenza è garantita dai nostri allevatori"

660 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online