Lunedì, 21 settembre 2020 - ore 20.17

Piacenza Discorso per la commemorazione della tragedia della Pertite

E’ alla consapevolezza di quel dolore, che oggi facciamo appello, nell’impegno a onorare responsabilmente, con profondo rispetto, le donne e gli uomini che l’8 agosto del 1940 caddero inermi, indifesi mentre svolgevano il proprio lavoro

| Scritto da Redazione
Piacenza Discorso per la commemorazione della tragedia della Pertite

Piacenza Discorso per la commemorazione della tragedia della Pertite

“Mia mamma lavorava alla Pertite dal 1935, era giovane, aveva appena trent’anni. Ricordo che quando noi figli la baciavamo aveva la pelle amara, probabilmente a causa delle polveri della fabbrica. Ma era così bella: quando l’hanno trovata aveva su un vestito blu a righe rosse che ricordo ancora, probabilmente era a fine turno e aspettava di uscire… è morta alla sera, per un’emorragia interna”.

Così, l’anno scorso, la signora Bianca Rossi raccontava alla stampa locale cosa significasse, per lei, prendere parte a questa cerimonia e rendere omaggio alle vittime della Pertite. Nella ricorrenza solenne che segna l’80° anniversario della tragedia, credo non si possano evocare parole più autentiche e cariche d’amore, capaci di restituirci il fermo immagine di una vita intera e del momento in cui tutto si spezza: perché la voce della signora Bianca, che mi permetto di citare oggi, è quella dei 39 bambini e ragazzi, tutti sotto i quindici anni, che in quel pomeriggio d’estate rimasero orfani, perdendo sotto le macerie della fabbrica, sventrata da due forti esplosioni ravvicinate, ciò che avevano di più caro.

E’ alla consapevolezza di quel dolore, che oggi facciamo appello, nell’impegno a onorare responsabilmente, con profondo rispetto, le donne e gli uomini che l’8 agosto del 1940 caddero inermi, indifesi mentre svolgevano il proprio lavoro. Nel boato violento e inappellabile delle deflagrazioni, nel fragore dei vetri infranti, nell’eco delle urla, per loro ci fu solo silenzio

Leggi tutto

Allegati Pdf:

Allegato PDF 1

228 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online