Mercoledì, 18 settembre 2019 - ore 13.20

PONTE CASALMAGGIORE: LEGAMBIENTE (BALOTTA), E' EMERGENZA SERVE UNA NAVETTA FERROVIARIA CON PARMA

Vista l’emergenza, va garantita la mobilità delle persone e assicurato il potenziamento del servizio di trasporto pubblico

| Scritto da Redazione
PONTE CASALMAGGIORE: LEGAMBIENTE (BALOTTA), E' EMERGENZA SERVE UNA NAVETTA FERROVIARIA CON PARMA

Data la funzione strategica che assume la linea ferroviaria Casalmaggiore-Parma,essendo chiuso a tempo indeterminato il ponte stradale che collega le province di Cremona e Parma, è indispensabile istituire una navetta ferroviaria sulla tratta per ridurre pesanti disagi alle popolazioni del casalasco che debbono raggiungere la città emiliana. Vista l’emergenza, va garantita la mobilità delle persone e assicurato il potenziamento del servizio di trasporto pubblico. La decisione deve essere presa dagli Enti istituzionali, in primis dalla Regione Lombardia che non può lasciare la decisione in mano alla sua controllata Trenord. Sorprende che nella riunione del 22 scorso, tenutasi presso il Comune di Casalmaggiore, Trenord abbia approntato un complesso meccanismo di prenotazione del servizio di navetta, come se fosse il Freccia Rossa. Stazione di partenza ed arrivo, orario di andata e di ritorno. L’ emergenza si configura come la necessità di istituire un servizio di trasporto pubblico; non è quindi da ritenersi un servizio a mercato, come pensano a Trenord (cioè che si debba finanziare con i ricavi dell’utenza). Per questo è sorprendente che vengano  pretesi ai potenziali fruitori della “navetta”,obbligatoriamente a corredo della richiesta,  documenti, come il contratto di lavoro o il libretto universitario. I lavoratori che raggiungono Parma in automobile non sono necessariamente lavoratori dipendenti. Possono essere liberi professionisti, artigiani, commercianti, badanti, pensionati o studenti medi, e non solo di Casalmaggiore e i motivi per raggiungere Parma i più disparati (Ospedali, Amministrazioni pubbliche ecc.). La chiusura del ponte, che costringe ad un allungamento significativo del percorso in automobile sia con l’alternativa del ponte di  Viadana che di quello di S.Daniele Po, determina un aggravio dei costi, dei tempi ed un maggior inquinamento atmosferico. Inoltre il bacino di fruitori non riguarda solo Casalmaggiore, ma può interessare anche utenti che provengono da Sabbioneta, Bozzolo, Rivarolo del Re, Piadena, Gussola ecc.

Dario Balotta responsabile trasporti Legambiente Lombardia

 

1236 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online