Sabato, 15 maggio 2021 - ore 09.50

Sondaggio: STRADA SUD Cremona Ecco come voterei se ci fosse il referendum Clicca qui

Un comitato di cittadini della zona di Via Giordano, sostenuti da esponenti del centrodestra hanno presentato e formalizzata la richiesta che sul tema della Strada SUD di Cremona si possa fare un referendum.

STRADA SUD Cremona Ecco come voterei se ci fosse il referendum Clicca qui Un comitato di cittadini della zona di Via Giordano, sostenuti da esponenti del centrodestra hanno presentato e formalizzata la richiesta che sul tema della Strada SUD di Cremona si possa fare un referendum. Nel consiglio comunale di giovedì 30 novembre verranno nominati i tre ‘garanti’: si tratta dei professionisti esperti di diritto amministrativo che dovranno essere scelti ad ampia maggioranza (i due terzi del consiglio, 23 voti su 32) e che dovranno poi esprimersi sul referendum. Nella stessa seduta verrà nominata la commissione referendaria. La decisione sull’ effettuazione del referendum o meno sarà assunta quindi ‘ i tre garanti’ e non dalla Giunta Galimberti e nemmeno dalla sua maggioranza. In caso di referendum che cosa voteresti? SI Perché la STRADA SUD la ritengo necessaria a risolvere il problema della viabilità di via Giordano e zone limitrofe NO In quanto una nuova strada attirerebbe nuovo traffico e non risolverebbe i problemi di via Giordano e zone limitrofe NON SO Non ho ancora deciso, la decisione è competenza del consiglio comunale di Cremona

Risposte del sondaggio

  • SI

    Perché la STRADA SUD la ritengo necessaria a risolvere il problema della viabilità di via Giordano e zone limitrofe

  • NO

    In quanto una nuova strada attirerebbe nuovo traffico e non risolverebbe i problemi di via Giordano e zone limitrofe

  • NON SO

    SO Non ho ancora deciso, la decisione è competenza del consiglio comunale di Cremona

Altri sondaggi

Dopo Covid-19 Il 14 settembre riaprono le scuole. Ritieni che il sistema scolastico sia pronto?

Dopo molte polemiche, che durano ancora, il Governo ha deciso di riaprire le scuole il prossimo 14 settembre. Le polemiche vanno dai banchi , alle mascherine , alle distanze , alle mense, all’uso dei mezzi pubblici. Alcuni osservatori politici dicono addirittura che il governo Conte rischia addirittura di cadere e di essere travolto alle prossime elezioni regionali.