Venerdì, 17 agosto 2018 - ore 20.38

Abolire l’Atomica L’ interessante incontro si è svolto lo scorso 9/2 a Cremona organizzato da Liberi e Uguali

Liberi e Uguali hanno promosso a Cremona un incontro pubblico sul Trattato internazionale di interdizione delle armi nucleari a cui hanno partecipato Mario Agostinelli Presidente Energiafelice. Hanno introdotto l’incontro Lapo Pasquetti, Paolo Bodini e Annamaria Abbate

| Scritto da Redazione
Abolire l’Atomica L’ interessante incontro  si è svolto lo scorso 9/2 a Cremona organizzato da Liberi e Uguali Abolire l’Atomica L’ interessante incontro  si è svolto lo scorso 9/2 a Cremona organizzato da Liberi e Uguali Abolire l’Atomica L’ interessante incontro  si è svolto lo scorso 9/2 a Cremona organizzato da Liberi e Uguali Abolire l’Atomica L’ interessante incontro  si è svolto lo scorso 9/2 a Cremona organizzato da Liberi e Uguali

Abolire l’Atomica L’ interessante incontro  si è svolto lo scorso 9/2 a Cremona organizzato da Liberi e Uguali

Liberi e Uguali hanno  promosso  a Cremona un incontro pubblico sul Trattato internazionale di interdizione delle armi nucleari a cui hanno partecipato Mario Agostinelli Presidente Energiafelice. Hanno introdotto l’incontro Lapo Pasquetti, Paolo Bodini e Annamaria Abbate

122 Paesi hanno approvato in sede ONU il nuovo Trattato di interdizione di tutte le armi nucleari, compreso il Vaticano, l 'Italia no. 

Da questo fatto ha preso le mosse l'incontro di Liberi e Uguali con Mario Agostinelli. La cosa piu' inquietante e' la rimozione di questo tema dai media e dalla campagna elettorale, quando il nostro futuro dipende innanzitutto da queste sfide: disarmo globale, cambiamenti climatici, economie di pace.

Nel silenzio del Governo e dei partiti di centrodestra si stanno investendo in Italia cifre gigantesche per fare di Livorno un porto strategico per la Nato e per fare della Sicilia la più importante base di telecomunicazioni militari del Mediterraneo.

Nel frattempo si sostituiscono con bombe nucleari all'idrogeno più potenti gli arsenali di Ghedi e di Aviano all'insaputa della popolazione. Il nuovo Trattato supera il vecchio trattato di non proliferazione nucleare e la logica che la pace possa essere garantita solo dalla minaccia nucleare come deterrenza.

598 visite

Articoli correlati