Sabato, 29 gennaio 2022 - ore 05.12

Alla Casa dei Diritti, Milano sportello legale gratuito per cittadini più deboli

Sportello è aperto a tutte e tutti: lunedì su tema lavoro, martedì su famiglia, mercoledì per consulenza penale, giovedì su casa e venerdì su immigrazione

| Scritto da Redazione
Alla Casa dei Diritti, Milano sportello legale gratuito per cittadini più deboli

Avvocati ed esperti a disposizione dei cittadini più deboli o in difficoltà per offrire assistenza legale gratuita sui temi del lavoro, della famiglia, su questioni di carattere penale, della casa, dell’immigrazione, della violenza di genere, delle pari opportunità. E' l'iniziativa presentata oggi alla Casa dei Diritti dove, sempre oggi, il Comune ha intitolato la Sala degli incontri a Franco Bomprezzi, il giornalista milanese recentemente scomparso, per ricordare il suo impegno a favore delle persone con disabilità.

“Lo sportello legale è una nuova scommessa voluta da questa Amministrazione perché nessuno resti indietro e per difendere i diritti di tutti, con’attenzione particolare agli ultimi e al tema della violenza sulle donne – ha detto Pierfrancesco Majorino, assessore alle Politiche Sociali e Cultura della Salute -. La Casa dei Diritti sarà il centro di coordinamento che ospiterà professionisti ed esperti che saranno gratuitamente al servizio del cittadino, in modo che tutti possano davvero ritrovare in un unico luogo gli strumenti concreti di aiuto. Ed è anche per questo che abbiamo deciso di dedicare una sala a Franco Bomprezzi, perché la sua vita è stata un vero esempio di come ci si batte a difesa e a sostegno delle persone che troppo spesso la nostra società dimentica”.

“I servizi offerti da questo sportello si inseriscono nella lunga tradizione di punti ascolto del Comune, ossia quella di essere il primo punto di riferimento sul territorio per i propri cittadini – ha detto Franco D’Alfonso, assessore al Commercio, Attività produttive, Turismo, Marketing territoriale, Servizi civici –. Questa tradizione di offerta pubblica di servizi è ben rappresentata dalle migliaia di cittadini che ogni giorno si rivolgono ai nostri servizi, come ad esempio l’anagrafe, e dai tanti professionisti che da sempre mettono a disposizione le loro competenze, in associazioni di categoria per il bene della città”.

“L’apertura dello sportello legale conferma l’attenzione che questa Amministrazione ha nei confronti delle persone che sono più in difficoltà – commenta Basilio Rizzo, presidente del Consiglio comunale -. Bisogna continuare a informare i cittadini di servizi che sono a loro disposizione sul territorio. I diritti sociali devono, infatti, accompagnare quelli individuali ed è necessario portare la conoscenza di questi diritti soprattutto nelle periferie, dove spesso maggiori sono le situazioni di bisogno andando sempre più incontro alle esigenze dei cittadini”.

La Casa dei Diritti sarà dunque il luogo dove convergeranno due servizi: lo sportello “Diritto Donna” attivato dal Comune, in collaborazione con il Comitato Pari Opportunità dell’Ordine degli Avvocati, che offre alla cittadinanza colloqui gratuiti di orientamento legale e da sempre attivo nella lotta alla violenza contro le donne. A questo si aggiunge lo sportello di orientamento legale “Diritti e diritto: per meglio orientarsi” che opera sui diritti inalienabili ed imprescindibili che garantiscono la coesione sociale e la qualità della vita.

Grazie al nuovo sportello presentato oggi, avvocati ed esperti presteranno la propria collaborazione gratuitamente per fornire informazione ed orientamento su temi riguardanti il lavoro, i rapporti familiari, il diritto penale, la casa, l’immigrazione, la violenza sulle donne, le pari opportunità. In particolare, sulle questioni della lotta alla violenza di genere, lo sportello si occuperà di prevenzione del maltrattamento, della violenza contro le donne e dell’assistenza alle vittime, e metterà a disposizione delle cittadine un luogo che possa accoglierle, ascoltarle e orientarle, dove ricevere il primo sostegno legale con informazioni, pareri e consulenze. Gli avvocati potranno essere affiancati a turno anche da operatrici di accoglienza dei Centri e dei Servizi antiviolenza in modo da attivare un punto d’ascolto multifunzionale gestito da un’équipe professionale dell’Ufficio maltrattamento e violenza, utile anche ad orientare verso la rete dei servizi della città e a diventare un riferimento per le Cittadine.

La disponibilità di avvocati ed esperti rappresenta un importante contributo per realizzare un sistema integrato di interventi e servizi di welfare nella città di Milano che valorizzi la partecipazione attiva dei cittadini e il rapporto sinergico tra enti pubblici, enti del privato sociale, terzo e quarto settore, imprese private e singoli, ponendo al centro il tema dei diritti quale strumento necessario per creare pari opportunità e maggiori condizioni di equità per tutti. Ai cittadini verranno anche offerti orientamento ed informazioni utili, pareri sulla fondatezza giuridica e sulla proponibilità eventuale di un’azione giudiziaria, chiarendo tempi e costi della giustizia, con indicazioni semplici e chiare circa gli adempimenti necessari per l’inizio di un giudizio e un orientamento su eventuali soluzioni alternative all’apertura di una causa.

Lo sportello è aperto a tutte e tutti i cittadini milanesi con queste modalità: il lunedì sul tema lavoro, il martedì sulla famiglia, il mercoledì per la consulenza penale, il giovedì sulla casa e il venerdì sull’immigrazione. Lo sportello sarà aperto per i temi che riguardano la violenza e i diritti delle donne il giovedì pomeriggio dalle ore 14.30 alle ore 16.30 per due volte al mese (ogni quindici giorni). Per prenotare un appuntamento è possibile contattare la Casa dei Diritti dalle ore 9.00 alle ore 18.00, telefonando ai numeri: 02/88463045 - 02/88453385 - 02/88441641 oppure inviando una e-mail all’indirizzo: pss.casadeidiritti@comune.milano.it.

I lavori di questa mattina alla Casa dei Diritti sono stati aperti dall’incontro “L’esperienza della Rete Alzheimer. Le cose fatte, i nuovi progetti” dove, insieme all’assessore Majorino e Giuseppe Landonio sono intervenuti Saverio Chirchiglia, Elisabetta Farina, Isabella Menichini, Giuseppe Salvato, Marco Trabucchi, Stefania Zazzi, rappresentanti del Tavolo e della Rete Alzheimer, operatori e familiari. 

Fonte:Comune di Milano

5695 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria