Sabato, 02 luglio 2022 - ore 15.25

Area Donna 150 cremonesi inviano lettera aperta alla Moratti

Le firme sono state raccolte in pochissimi giorni, l'iniziativa è APOLITICA ed APARTITICA ed è motivata esclusivamente dalla ricerca del bene comune

| Scritto da Redazione
Area Donna 150 cremonesi inviano lettera aperta alla Moratti

Area Donna 150 cittadine cremonesi sottoscrivono lettera aperta alla Moratti. |Maria Luisa Paroni

In allegato la lettera aperta corredata da numerose adesioni (quasi 150 firme, più alcune associazioni) relativa alla riorganizzazione dell'Ospedale Maggiore di Cremona ed in particolare al reparto AREA DONNA.

Le firme sono state raccolte in pochissimi giorni, l'iniziativa è APOLITICA ed APARTITICA ed è motivata esclusivamente dalla ricerca del bene comune ed in particolare alla tutela della salute femminile (nell'ottica olistica della medicina di genere) messa a dura prova dall'incremento di patologie dovute all'inquinamento ambientale.

Maria Luisa Paroni (in rappresentanza delle firme raccolte) 

Gentilissima signora Moratti, abbiamo appreso dai media che l'Area Donna dell'ospedale di Cremona è in corso di “riorganizzazione”: siamo sorprese e sconcertate da una simile notizia, poiché un servizio così prezioso e unico, nel panorama provinciale, dedicato esclusivamente alla salute del genere femminile (e quindi all'avanguardia, dal momento che della medicina di genere si è appena iniziato a parlare) non può essere soppresso dopo anni di onorato servizio, premiato addirittura con una specifica certificazione, nel corso dei quali ha rappresentato un essenziale punto di riferimento per un ampio bacino di utenza. Dopo il progressivo smantellamento degli ospedali di zona del distretto OglioPo, che abbiamo già subito, è giocoforza per le pazienti affette da patologie peculiari femminili (non dimentichiamo le gravi ripercussioni dell'inquinamento sui tumori agli apparati riproduttivi e al seno...) affluire a Cremona, dove finora hanno sempre ricevuto un'attenzione competente e specifica… ci chiediamo quindi: a che pro disperdere questo patrimonio di conoscenze ed esperienza per lasciare sole le donne nei momenti più drammatici della loro esistenza? A che pro costringerle a penosi e costosi pellegrinaggi da una struttura ad un'altra, aggravando le loro sofferenze, quando già c'era un centro d'eccellenza a Cremona sul quale convergevano, con approccio olistico, tutte le specifiche esigenze, dalla prevenzione, alla cura, all'accompagnamento nelle diverse fasi della salute femminile?

Lei ha la facoltà di rimediare a questa incresciosa situazione: non mettiamo assolutamente in discussione l’alta professionalità degli operatori del reparto oncologico, ma vogliamo invece evidenziare l’alto valore aggiunto che da tantissimi anni ha caratterizzato la nostra Area Donna, grazie alla sua equipe multidisciplinare dedicata, che ha reso un percorso di cure e di attenzioni individuali, benché pur sempre doloroso, più umano e davvero a misura di donna. Le chiediamo, da donna a donna: ha mai riflettuto su come vorrà essere ricordata in futuro? Confidiamo che preferisca distinguersi come colei che si è battuta per tutelare al meglio la salute pubblica a vantaggio di cittadine e cittadini anziché come colei che, come tanti altri, si è curata solo di interessi economici… Come cittadine lombarde che per anni hanno potuto sentirsi accudite e protette all’interno di un luogo che hanno vissuto come rifugio sicuro, non possiamo che auspicare un ripensamento al riguardo.

In attesa di un positivo riscontro, ringraziamo per l'attenzione ed auguriamo un buon lavoro

Leggi tutta la lettera aperta

Allegati Pdf:

Allegato PDF 1

570 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online