Giovedì, 28 ottobre 2021 - ore 03.28

ASST CREMONA | Il DG ROSSI NOMINA I DIRETTORI

REGIONE LOMBARDIA APPROVA IL PIANO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Due atti concreti a favore della ripartenza

| Scritto da Redazione
ASST CREMONA | Il DG ROSSI NOMINA I DIRETTORI

ASST CREMONA | Il DIRETTORE GENERALE ROSSI NOMINA I DIRETTORI DI DIPARTIMENTO

REGIONE LOMBARDIA APPROVA IL PIANO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Due atti concreti a favore della ripartenza

Molte le novità, a partire dal Dipartimento per l’Innovazione e lo sviluppo strategico e la Struttura complessa di Ortopedia all’Oglio Po.

Buone notizie per l’ASST di Cremona. Le modifiche al POAS (Piano di Organizzazione Aziendale Strategico) proposte dalla Direzione Generale alla fine dello scorso anno, sono state approvate dalla Regione Lombardia con Delibera n. XI/5164 del 2 agosto 2021. Contestualmente, allo scopo di dare corpo alle innovazioni contenute nel POAS, il Direttore Generale Giuseppe Rossi nomina i Direttori di Dipartimento aziendali.

“Due atti concreti che rappresentano il fondamento di una vera ripartenza - spiega Rossi. L’accoglimento da parte di Regione Lombardia delle modifiche al POAS -  in vigore dal 2017 (DGR X/6330) - ci dà la possibilità di proseguire e rafforzare il percorso intrapreso sino ad oggi. L’emergenza Covid non ci ha impedito di perseguire l’innovazione e di guardare al futuro dell’azienda. Anzi. Sul piano logistico e organizzativo è stata una palestra (dolorosa) per individuare le criticità e i punti di forza dell’organizzazione e – al contempo - un’occasione per ripensare la sanità del nostro tempo e del futuro. La nomina dei Direttori di Dipartimento è la conseguenza fisiologica all’approvazione del POAS, funzionale a conseguire gli obiettivi che ci siamo prefissati.”

“Le modifiche apportate al POAS sono molte e di diversa entità - continua Rossi. Nel complesso tendono a disegnare un’organizzazione più armonica e flessibile, dove i servizi ospedalieri e territoriali si attraggono vicendevolmente per integrarsi.”

“Il documento contiene alcune novità sostanziali a partire dall’istituzione del Dipartimento ‘Innovazione e sostenibilità di sviluppo strategico’ che giocherà un ruolo determinante per la realizzazione del nuovo ospedale, ma non solo. Si tratta di un Dipartimento funzionale, in staff alla Direzione Generale, che coinvolgerà Unità Operative trasversali e interdisciplinari per raggiungere obiettivi di ampio respiro, anche in tema di innovazione tecnologica e digitale. Con lo stesso principio, è prevista anche una Unità Operativa Complessa denominata ‘Nuovo Ospedale’ che avrà il compito di seguire tutte le fasi di questo progetto ambizioso e rivoluzionario per Cremona. Avrà inoltre competenze di governo delle funzioni di stazione appaltante che saranno in capo direttamente all’ASST di Cremona.”

 “Il POAS riserva un ruolo centrale all’Ospedale Oglio Po, sia in tema di evoluzione che di potenziamento; e a questo tengo moltissimo – afferma Rossi. L’Ortopedia, da Unità Operativa Semplice Dipartimentale, diventa Complessa e il Pronto soccorso, da Struttura Semplice, diventa Struttura Semplice Dipartimentale. Inoltre è contemplata la costituzione di tre Unità Operative Semplici: Urologia (afferente alla Struttura Complessa Urologia di Cremona); Proctologia (afferente alla Struttura Complessa Chirurgia Generale Oglio Po); Oculistica (afferente alla Struttura Complessa Oculistica di Cremona).”

“Il POAS sarà pubblicato a breve nella sua completezza, pertanto ci sarà modo di conoscerlo nei dettagli – precisa Rossi. Qualche anticipazione: fra le Unità Operative di nuova costituzione ci saranno quelle per il Coordinamento Donazioni di Organi e Tessuti e per l’Accreditamento, Qualità e Rischio clinico (in capo alla Direzione Sanitaria). Mentre in capo alla Direzione Socio Sanitaria, oltre al Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze, ci saranno le strutture complesse dedicate ai Servizi per la fragilità, ai Servizi distrettuali per la famiglia e alle Cure Palliative.”

“La giusta attenzione – continua Rossi - è stata riservata anche al settore amministrativo che vedrà la presenza di due Unità Operative Complesse dedicate rispettivamente ai ‘Servizi di accoglienza aziendali’ e ai Sistemi informativi. A queste si aggiungono alcune Unità Operative Semplici dedicate a settori decisivi per lo sviluppo dei processi, come ad esempio la gestione dei flussi sanitari e sociosanitari, il controllo di gestione, la trasparenza e l’anticorruzione, gli approvvigionamenti e la logistica.”

“Tutto il documento è frutto di un grande lavoro progettuale realizzato a più mani con il Direttore Amministrativo (Gianluca Bracchi), il Direttore Sanitario (Rosario Canino), il Direttore Socio Sanitario (Paola Mosa) e con i tecnici. I passaggi salienti sono stati condivisi in itinere con le parti sindacali. Il contributo di tutti è stato determinante” – conclude Rossi.

UOS Comunicazione | ASST di Cremona

869 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online