Martedì, 26 marzo 2019 - ore 09.29

Barbara Gamba Sono indignata A Cremona svastiche sui giochi e striscione da Forza Nuova

Mi riferisco alle svastiche apparse sui giochi di Parco Sartori e, ancora una volta uno striscione affisso da Forza Nuova all'esterno della Casa dell'Accoglienza.

| Scritto da Redazione
Barbara Gamba  Sono indignata A Cremona  svastiche sui giochi e striscione da Forza Nuova

Barbara Gamba  Sono indignata A Cremona  svastiche sui giochi e striscione da Forza Nuova

Mi riferisco alle svastiche apparse sui giochi di Parco Sartori e, ancora una volta uno striscione affisso da Forza Nuova all'esterno della Casa dell'Accoglienza.

Negli ultimi giorni sono accaduti due fatti che devono farci indignare profondamente per contenuti e per tempistiche.

Mi pare che le reazioni delle istituzioni ai fatti di Parco Sartori siano state inadeguate. Parlare di imbrattamenti e danneggiamenti non coglie per niente il senso di quello che è successo.

“Imbrattare” è scrivere “Forza Cremo” o “Pierino ti amo” col pennarello indelebile, lo spray, o inciderlo col taglierino. “Deturpare il bene comune” vuol dire danneggiare. Disegnare svastiche è molto di più. Fa parte di una categoria di azioni che le due che il Sindaco ha citato nel suo commento le comprende, vero, ma è molto più estesa. Ha a che fare con la memoria che noi dobbiamo coltivare, affinché gli errori ed orrori del passato non si ripetano più. Una memoria che nella nostra Costituzione è fissata, in particolare, nell’articolo 3 e nel divieto di ricostituzione del partito fascista.

Finché continuiamo a girarci intorno, senza chiamare le cose col loro nome trincerandoci dietro condanne generiche, non prenderemo atto di un fatto: la società, la politica hanno spesso utilizzato il concetto di “memoria” come un paravento, pensando, sbagliandosi, di non correre più rischi, di avere raggiunto una immunizzazione permanente, o, peggio, utilizzandola per nascondere connivenze di vario genere. E il fatto che questo “imbrattamento” sia avvenuto a ridosso della Giornata della Memoria non credo possa ritenersi casuale. Tra l’altro, a poche centinaia di metri dal parco Sartori c’è la sede di Forza Nuova, partito fondato da Roberto Fiore, terrorista nero già condannato in via definitiva per associazione sovversiva e che non ha mai scontato la pena perché fuggito all’estero. E FN proprio questa notte si è resa protagonista dell’ennesimo gesto intimidatorio nei confronti della Casa dell’Accoglienza. Ancora una volta, un attacco a chi si fa carico dei più fragili. È un attacco al concetto di inclusione, a chi si batte per garantire il rispetto dei diritti, purtroppo sdoganato dagli atteggiamenti del Governo.

Una svastica è un attacco alla democrazia, ai valori che sono parte della nostra Costituzione in quanto patrimonio di civiltà, riconquistati liberandoci da chi faceva della discriminazione, della violenza e del sopruso un modo di agire per conquistare e mantenere il potere. Uno striscione è istigazione alla discriminazione.

Un partito come Forza Nuova non dovrebbe nemmeno esistere, non dovrebbe permettersi di istigare all’odio, sulla base di Costituzione, Legge Scelba e Legge Mancino. E noi non dobbiamo farci distrarre da uno striscione, finalizzato ad indicare un nuovo nemico in aggiunta, o sostituzione, di quelli vecchi, dobbiamo continuare a ricordare e ad agire concretamente perché nessuno possa permettersi di mettere in dubbio i principi democratici su cui si basa la nostra vita di cittadini.

 Barbara Gamba - Comitato Possibile "La Fiumana"

 

454 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online