Sabato, 13 aprile 2024 - ore 05.21

BiometaNO Lipara ribadisce il NO ed attacca Galimberti e l'intera giunta

L’amministrazione Galimberti ha scaricato la responsabilità dell’operazione sul proponente e sull’Ente Provincia tramite l’espediente dell’autorizzazione Unica

| Scritto da Redazione
BiometaNO Lipara ribadisce il NO ed attacca Galimberti e l'intera giunta

BiometaNO Lipara ribadisce il NO ed attacca Galimberti e l'intera giunta

In queste settimane in Comune è in corso l’esame delle osservazioni alla variante del Piano di Governo del Territorio da parte della competente commissione consiliare e puntualmente in città c’è chi torna a parlare del cosiddetto “Parco dell’economia circolare” come se si trattasse di qualcosa di  più reale dell’Isola che non c’è di Peter Pan.

Il Comitato BiometaNO Cremona ritiene che sia necessario spronare la politica  locale affinché abbandoni il piano delle narrazioni fantasiose, cominciando a chiamare le cose con il proprio nome:

-l’unico parco esistente nella zona interessata dal mega progetto di A2A è il PLIS del Po e del Morbasco, con i relativi  vincoli.

Il resto ha il valore di un mero enunciato inserito nella relazione del PGT e, nella migliore delle ipotesi, è frutto di una visione superficiale in nulla supportata da amministrazioni  che ne legittimino l’esistenza.

Come denunciamo da un anno a questa parte, in virtù delle vigenti norme in materia di consumo di suolo il Comune non dispone legittimamente di un ambito di trasformazione così esteso;

-pertanto, si è inventato un castello di carta del tutto arbitrario introducendo nel PGT un titolo vuoto.

Successivamente A2A, a forte di un protocollo d’intesa che in realtà non ha alcuna valenza regolatoria, ha a sua volta presentato il progetto dell’impianto per la produzione di biometano motivando la scelta del sito in questione sulla base dell’inesistente destinazione urbanistica di cui sopra.

Così facendo, l’amministrazione Galimberti ha scaricato la responsabilità dell’operazione sul proponente e sull’Ente Provincia tramite l’espediente dell’autorizzazione Unica che, laddove venisse concessa, potrebbe avere automaticamente titolo di variante in deroga al PGT. I

In sintesi, chi sostiene questo progetto sta tentando di mettere a segno un’autentica porcata sotto il profilo urbanistico senza assumersene la responsabilità.

Il nostro Comitato, supportato in questo anche da alcune affermazioni che gli stessi tecnici comunali hanno avanzato nel corso della prima conferenza dei servizi oltre che da solida giurisprudenza amministrativa, sostiene fin dalla sua costruzione che tale deroga sia da intendere come applicabile alla procedura di variante urbanistica e non certo ai parametri di legge sul consumo di suolo che tali rimangono.

 Al netto della prevedibile retorica dei difensori d’ufficio dell’impianto, sono proprio alcuni orientamenti assunti in questi  giorni dalla stessa commissione territorio a confermare la solidità delle nostre affermazioni.

 Se si pensa che, per esempio, non è stato dato luogo a procedere ad un’osservazione relativa alla possibilità di realizzare in quel comparto un impianto fotovoltaico proprio perché non consentito dall’attuale sistema delle regole. Il re è nudo!

 Il Comitato stigmatizza pertanto la grande superficialità di chi anziché rimediare agli errori del passato continua a vaneggiare di un parco dell’economia circolare che finirebbe per trasformare piratescamente l’unico vero parco esistente in un’area industriale di dimensioni abnormi.

 Ci opporremo sempre e in ogni sede a un progetto che vorrebbe trasformare il sud della città in un autentico immondezzaio anteponendo per l’ennesima volta gli interessi di un colosso privato a quelli della collettività, scaricando sui cittadini i costi  ambientali e sanitari dell’operazione e minacciando la qualità della vita e il valore dei patrimoni immobiliari e agricoli circostanti.

 I cittadini chiedono alle forze politiche maggiore serietà nella tutela dell’ambiente e della salute pubblica, non sudditanza ai soggetti  privati che intendono estrarre valore dal nostro territorio rastrellando contributi  pubblici e perpetuando operazioni di green washing nella pretesa di realizzare la transizione ecologica inondando di traffico, odori e polveri sottili un territorio già sovraccarico ed estraendo dalla materia organica carbonio che naturalmente dovrebbe essere sequestrato al suolo per spararlo in atmosfera solo forma di gas climalteranTI.

 Luigi Lipara – Presidente Comitato BiometaNO Cremona

343 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online