Venerdì, 05 marzo 2021 - ore 21.03

CASO PAMIRO: CONTINUANO I MISTERI

DEPOSITATA LA CONSULENZA

| Scritto da Redazione
CASO PAMIRO: CONTINUANO I MISTERI CASO PAMIRO: CONTINUANO I MISTERI
Su quell’impalcatura non c’è traccia del Dna di Mauro Pamiro.
È quello emerso dalla perizia depositata sul caso di Mauro Pamiro, il professore di 45 anni trovato morto in un cantiere in via don Mazzolari, ai Sabbioni di Crema(CR), la mattina del 29 giugno 2020 ed eseguita su incarico della procura di Cremona dal responsabile del gabinetto regionale lombardo della polizia scientifica Roberto Giuffrida.
 
Secondo l’esperto, sono state trovate tracce del profilo genetico della moglie di Pamiro, Debora Stella, ancora indagata come atto dovuto, sulla maglietta, sui pantaloni e sugli slip del professore. Inoltre, sono stati rinvenuti due pezzetti di polistirolo con tracce del Dna di Pamiro. Vicino a lui, in cantiere, una penna Bic con Dna sconosciuto, e tracce di sangue appartenente alla vittima su un pezzo di tegola sulla quale Pamiro - secondo l’autopsia - avrebbe battuto la testa e che ne avrebbe causato il decesso: frammento di tegola compatibile con la ferita sulla fronte esaminata anche se Pamiro è caduto di schiena(altro mistero).
 
Nessuna traccia di Dna, invece, sull’impalcatura dalla quale il professore si sarebbe buttato, ma va detto che sono stati esaminati sei campioni della sola parte che si trova davanti al punto in cui è stato ritrovato il cadavere.
Infine, sono spuntate tracce di Dna dei due coniugi anche sull’unico sandalo utilizzato dalla moglie e ritrovato nel cestello della bicicletta lasciata chiusa nel posteggio davanti al cimitero, bici in seguito rubata da sconosciuti.
 
Il caso rimane aperto e molte domande ci poniamo ancora:
Pamiro si è buttato? Da dove? il professore è stato portato nel cantiere già senza vita?. E se Palmiro è stato trovato di schiena, come ha fatto a procurarsi il buco sulla fronte?
E ancora, la frattura della vertebra cervicale è compatibile con l’impatto con il terreno o potrebbe essere stata procurata da altro trauma?
E poi : è un caso che il superconsulente Luciano Garofano, l'ex comandante dei RIS, si stia occupando sia di questo caso che quello di Sabrina Beccalli?
E ultima non trascurabile:
le tracce di trascinamento riscontrate sulle gambe come se le è procurate il professore che, dai risultati dell’autopsia, sarebbe morto su colpo?
 
Nella perizia di Giuffrida, 140 pagine, molti i chiarimenti, ma nessuno di questi porta ancora alla risposta delle domande prima poste.
449 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria