Venerdì, 21 giugno 2024 - ore 08.56

CNA Lombardia: Codice degli appalti, opportunità per investire nella qualità

Bozzini: “Passi avanti sui consorzi ordinari e sugli affidamenti diretti. Rischioso il subappalto a cascata. Offensiva l’equazione tra affidamento diretto e malaffare”

| Scritto da Redazione
CNA Lombardia: Codice degli appalti, opportunità per investire nella qualità

CNA Lombardia: “Codice degli appalti, opportunità per investire nella qualità dell'economia reale e diffusa”

 Bozzini: “Passi avanti sui consorzi ordinari e sugli affidamenti diretti. Rischioso il subappalto a cascata. Offensiva l’equazione tra affidamento diretto e malaffare”

 Il Presidente di CNA Lombardia, Giovanni Bozzini, saluta con favore il testo del nuovo Codice degli Appalti licenziato dal Consiglio dei Ministri: “La conferma dell'inserimento dei consorzi ordinari tra i soggetti che possono presentare offerte sembra rappresentare finalmente un'apertura tangibile nei confronti delle micro e piccole imprese, permettendo in questo modo alle dinamiche di investimento di indirizzarsi  direttamente anche verso le PMI che rappresentano il DNA del nostro tessuto economico.''

 “Secondo i dati elaborati dal Centro Studi di CNA Nazionale, analizzando le classi di importo delle gare di appalto relativi all’anno 2021, le micro imprese - che rappresentano oltre il 96% del totale delle imprese italiane - possono attualmente potenzialmente accedere solo al 17% del mercato degli appalti pubblici e possono ambire ad aggiudicarsene circa il 5%”, prosegue il Presidente di CNA Lombardia.

In Italia, nel 2021, l’importo totale degli affidamenti sopra i 40mila euro è stato di 199,4 miliardi di euro, con un aumento del 6,6% rispetto al 2020 e del 13,4% rispetto al 2019. Numeri potenzialmente molto rilevanti , ma che risultano – allo stato attuale - prerogativa delle imprese di maggiori dimensioni. Il mercato contingente, infatti, è concentrato per oltre due terzi su bandi di importo superiore a 5 milioni, e di questi, la fetta più ampia è sopra i 25 milioni.

Anche per questa ragione”, conclude il Segretario regionale CNA, Stefano Binda“accogliamo positivamente la semplificazione burocratica per gli affidamenti diretti e per le opere sotto il milione di euro, che rappresenta un elemento di responsabilizzazione e rinnovata fiducia verso le amministrazioni (per prime quelle locali).”

Su questo particolare aspetto del nuovo Codice Appalti il Presidente Bozzini lancia tuttavia un avvertimento: “La connessione diretta che si legge tra le righe di alcune dichiarazioni di queste ore tra procedura di affidamento diretto o negoziale e fenomeni di malaffare suona alquanto fuorviante. La maggiore persistenza dei lavori e degli investimenti pubblici sul territori con i cosiddetti affidamenti a km 0 e la selezione dei committenti tramite procedure diverse dalle gare non può essere derubricata come familismo. Da mesi le micro e piccole imprese del sistema casa si trovano al centro di polemiche connesse a frodi o irregolarità che non ne rappresentano in alcun modo le consuetudini. Anche in materia di superbonus è stato fatto mediaticamente passare il messaggio che la bolla dei crediti si sia generata a causa delle PMI, così anche ora si rischia di far credere all’opinione pubblica che quando un sindaco affida un’opera o una fornitura di beni ad un’impresa del luogo e non invece ad un grande general contractor estraneo al territorio o dall’estero ci siano di mezzo fenomeni corruttivi. Affermazione totalmente irricevibile e che respingiamo con forza!”

CNA Lombardia ravvisa infine nella pratica del subappalto a cascata un potenziale rischio di eccessiva compressione dei margini di subalternità della filiera per le imprese artigiane eventualmente coinvolte in questa pratica.

 

 

933 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online