Lunedì, 25 ottobre 2021 - ore 17.52

Covid Invito ai no-vax: riflettete per il bene comune |Euro Paulinich Cremona

Abbiamo a che fare con una forma virale estremamente pericolosa nel suo continuo mutare e che può colpire chiunque, dovunque ed in qualsiasi momento

| Scritto da Redazione
Covid Invito ai no-vax: riflettete per il bene comune |Euro Paulinich Cremona

Invito ai no-vax: riflettete per il bene comune |Euro Paulinich Cremona

Caro direttore, vorrei poter esprimere un’opinione sulla vicenda tipicamente nostrana dei pro vax – no vax, quasi una riedizione moderna della divisione Guelfi-Ghibellini.

Premetto che non intendo introdurmi in una materia che non conosco; mi sembra però di poter dire che abbiamo a che fare con una forma virale estremamente pericolosa nel suo continuo mutare e che può colpire chiunque, dovunque ed in qualsiasi momento, lasciando dietro di sé, fra coloro che guariscono, pesanti ripercussioni e strascichi sanitari assai lunghi da risolversi.

Abbiamo di fronte, insomma, un nemico pericoloso sotto molteplici aspetti, un po’ come essere in guerra e, mi si perdoni la similitudine alquanto grossolana, dove espugnare una posizione avversaria espone a perdite: gli strateghi studiano come minimizzarle; perdite che, comunque, ci saranno.

In attesa che la ricerca scientifica metta a disposizione della Medicina un farmaco in grado di debellare questa forma virale, abbiamo un solo modo di contrastarla che consiste nella vaccinazione, senza se e senza ma, come si suol dire.

Come riferimento storico ricordo la locuzione latina: «Salus populi suprema lex esto», che letteralmente significa: «Il bene del popolo sia la legge suprema» (Cicerone, De legibus, IV). Questa massima dell’antico diritto romano stabilisce che quando ci sono di mezzo il bene e l’incolumità del popolo, l’individuo deve scomparire.

Questa massima, modificata in: «Salus rei publicae suprema lex esto» è il motto dell’Esercito Italiano e figura sullo stemma delle nostre Forze Armate. Spero di aver offerto ai no vax orgogliosi della loro «italianità» qualche motivo di riflessione.

 Euro Paulinich Cremona

238 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online