Domenica, 26 gennaio 2020 - ore 03.17

Cremona HMC: SPORT, SOLIDARIETA’ E UN REGALO ALLA CITTA’ – CON 60 MINUTI NEL MIRINO IL 20 OTTOBRE

Passano gli anni, diventa maggiorenne, ma anche per l’edizione 2019 la HMC – Mezza Maratona Città di Cremona ha scelto la Scuola Internazionale di Liuteria per la conferenza stampa ufficiale di presentazione tenutasi sabato, 12 ottobre.

| Scritto da Redazione
Cremona HMC: SPORT, SOLIDARIETA’ E UN REGALO ALLA CITTA’ – CON 60 MINUTI NEL MIRINO IL 20 OTTOBRE

Cremona HMC: SPORT, SOLIDARIETA’ E UN REGALO ALLA CITTA’ – CON 60 MINUTI NEL MIRINO IL 20 OTTOBRE

Passano gli anni, diventa maggiorenne, ma anche per l’edizione 2019 la HMC – Mezza Maratona Città di Cremona ha scelto la Scuola Internazionale di Liuteria per la conferenza stampa ufficiale di presentazione tenutasi sabato, 12 ottobre.

Folto il pubblico dei presenti, ricco il parterre delle personalità e ben nutrito il tavolo dei relatori guidati da Monica Signani, per l’occasione moderatrice della mattinata cremonese.

Apertura d’obbligo a cura del Dottor Daniele Pitturelli, direttore scolastico della struttura, che, dopo i saluti di rito e una volta espressa la massima soddisfazione per questo ormai consolidato sodalizio tra musica e sport, introduce il Maestro di Tromba Giovanni Grandi: per enfatizzare ulteriormente il legame tra le note musicali e la corsa, proprio quest’ultimo, insieme ad alcuni alunni della scuola musicale, allieta i presenti sulle note de Gli Occhi Della Tigre eseguita con strumenti a fiato. Un avvio e un sostegno davvero efficace per la maratonina cittadina.

La parola passa quindi a Michel Solzi, presidente dei Cremona Runners che organizzano e gestiscono la prova lombarda. “Siamo ormai diventati grandi, 18 anni di corsa durante i quali la nostra HMC è davvero entrata nel cuore dei cremonesi,” esordisce il patron della maratonina. “E questo non solo grazie al nostro impegno, ma anche grazie al continuo e crescente supporto delle autorità comunali, dei volontari e degli sponsor senza i quali non saremmo riusciti a fare di Cremona il cuore sportivo pulsante della corsa su strada in Lombardia.” Amareggiato per la concomitanza con altri eventi sportivi su strada nelle vicinanze, Solzi è fiducioso tanto nel numero degli iscritti quanto nel nuovo crono della manifestazione. “Lo desideriamo da anni, puntiamo da tempo al muro dei 60 minuti e speriamo che lo sbriciolamento odierno delle due ore in maratona sia di buon auspicio – 1:59’40” a Vienna, ndr. Oltre al nostro supporto solidale ad AID – Associazione Italiana Dislessia, e ai progetti Diamo il Meglio di Noi e #thisability, quest’anno vogliamo fare un regalo speciale alla nostra città: il Campo Scuola di Cremona è il fiore all’occhiello non solo per i cremonesi, ma per tutta la Lombardia. Una struttura di primissimo livello dove praticare sport e tenersi in forma, un parco a cielo aperto nel quale correre tra il verde delle piante e l’azzurro delle fontane; un palazzetto che tutti ci invidiano … ma le cui condizioni non sono più quelle che tutti noi ci ricordiamo: la pista è da rifare, le tribune sono da sistemare e gli spogliatoi sono decisamente da rinnovare. E’ per questo motivo che proprio oggi diamo con piacere al nostro Assessore allo Sport, Dottor Luca Zanacchi, il contributo economico della HMC – Mezza Maratona Città di Cremona per rifare le docce degli spogliatoi maschili e femminili, augurandoci che il nostro gesto sia l’innesto ad un auspicabile processo di sistemazione del nostro amato Campo Scuola. Perché chi si avvicina allo sport, si avvicina alla vita e non si avvicina a cose negative; e questo vale tanto per i nostri giovani, quanto per gli appassionati più adulti.”

Non puo’ quindi che ringraziare il Dottor Luca Zanacchi, neo-assessore allo sport del Comune di Cremona facente oggi le veci del sindaco, dottor Gianluca Galimberti, “oggi impegnato in altri appuntamenti, ma sicuramente al via domenica prossima alla staffetta HMC – You&Me. E’ la mia prima maratonina in veste da assessore e non avrei potuto inaugurarla al meglio. Questo è un regalo molto importante non al Comune, ma alla città e a tutti i cremonesi. Come già ricordato, il Campo Scuola è una delle migliori strutture lombarde dove praticare sport, e l’amministrazione si sta impegnando per fare i necessari lavori di rifacimento e miglioramento.” Ricordando e ribadendo il pieno supporto delle autorità comunali alla HMC, l’assessore Zanacchi riconosce l’ottimo lavoro fatto dall’organizzazione della maratonina: “unendo passione e duro lavoro, la HMC è riuscita a crescere nel corso degli anni, creando opportunità di sviluppo per tutta la città Esprimo e condivido il rammarico di Michel per la concomitanza di altri eventi sportivi, ma sono certo che una prova come la HMC, unita alle bellezze della nostra città, porterà comunque un buon numero di partecipanti e visitatori.”

Si impegna a perorare la causa di Cremona con FIDAL Roma Roberto Goffi, vicepresidente FIDAL Lombardia che, oltre a complimentarsi per l’ottimo lavoro svolto negli anni dai Cremona Runners, promette che “come sempre ci batteremo per evitare quanto più possibili sovrapposizioni di eventi vicini nelle stesse date. Non è semplice, ma faremo del nostro meglio affinchè questa situazione non si ripeta il prossimo anno anche perché una maratonina come la HMC che regala sport, musica, cultura, natura e arte è una prova che gli appassionati di corsa su strada non possono perdersi. E’ un regalo a 360 gradi, non solo sportivo, al quale tutti dovrebbero partecipare.”

Come sempre conciso, ma efficace Tiziano Zini, Delegato Provinciale Coni Cremona con un lungo passato proprio nell’atletica leggera. Oltre a portare i saluti del Presidente Oreste Perri, cremonese doc, Zini si complimenta con gli organizzatori per la crescita registrata dalla HMC anno dopo anno e per le numerose iniziative collaterali nate intorno alla maratonina e grazie alle quali “Cremona è al primo posto tra le città di sport in Lombardia, un primato che deve renderci orgogliosi e che dobbiamo essere capaci di mantenere a lungo.”

Per il secondo anno consecutivo la HMC sposa l’iniziativa Diamo il Meglio di Noi ricordata anche sulle magliette ufficiali dell’edizione 2019. “Sono soddisfatto di questa collaborazione”, esordisce il Dottor Alberto Bonvecchio, direttore medico ASST Cremona e coordinatore provinciale per l’espianto degli organi. “Questa prova sportiva ha un valore aggiunto rispetto a tutte le altre manifestazioni: lo sport non è solo passione, salute e sudore, ma anche vitalità, vita ed energia; e anche chi dona gli organi trasmette e dona vitalità , vita ed energia. Ecco perché, così come nella staffetta i compagni di squadra si passano il testimone, anche con l’espianto degli organi si passa il testimone alla continuità della vita: ed è proprio per questo motivo che, oltre a ringraziarvi a nome del coordinamento dell’associazione e di tutti i trapiantati, saremo in molti a correre la HMC –You&Me.”

Nato lo scorso anno e per la seconda volta consecutiva a braccetto con la HMC è poi il progetto #thisability che oggi vede protagonista Alessandro Corbari e due ragazze dell’associazione. “Siamo emozionati, felici e soddisfatti di essere ancora al fianco di Mario e Michel”, racconta durante la presentazione del progetto che coinvolge giovani con diverse abilità nelle normali attività quotidiane. “La HMC ha creduto fin da subito nella nostra iniziativa e ci sentiamo di ringraziarli con tutto il cuore sia per la donazione dello scorso anno, sia per averci nuovamente voluto con sé, ma soprattutto per aver inserito in cartella stampa la nostra brochure: questi sono i gesti che contano per riuscire a portare la nostra idea, il nostro messaggio in quante più città possibili. Ed è per questo motivo che i l16 novembre correremo una staffetta dalla Piazza del Duomo di Milano a quella di Cremona: 85km con la fiaccola accesa prima di ricevere il Torrone d’Oro; 85km per condividere con quanta più gente possibile che anche con abilità diverse è possibile integrarsi nel quotidiano.”

La solidarietà della HMC sposa quest’anno anche l’associazione AID – Associazione Italiana Dislessia, sezione di Cremona, presente con Paolo Feroldi. “Mai avrei pensato di riuscire a correre una mezza maratona, potete quindi immaginare la mia emozione al traguardo e il mio rammarico per non poter essere al via quest’anno. Non posso non ringraziare i Cremona Runners per aver risposto positivamente alla nostra chiamata: è grazie a loro che potremo continuare nei nostri progetti di formazione ed educazione di docenti, tecnici, genitori e ragazzi con problemi di apprendimento perché lo sport è il collante anche in situazioni non semplici.”

In chiusura, ma per questo non meno importante, l’intervento di Loretta Pagliarini e dell’Avvocato Maria Luisa Garatti. “Supportati dal Gruppo Bossoni per la seconda volta siamo riusciti a dar vita ad un circuito di tre prove su strada – la Brescia Half Marathon, la Mezza Maratona di Orzinuovi e la HMC – Mezza Maratona Città di Cremona,” esordisce l’anima della gara bresciana. “Chi partecipa alle tre gare sarà automaticamente iscritto al Gruppo Bossoni Trophy Art Marathon che, proprio a Cremona, vedrà la premiazioni delle migliori prestazioni maschile e femminile. Con questa iniziativa l’intento è quello di avvicinare quanta più gente possibile allo sport, supportando anche il progetto Road to New York perché la malattia non è invalidante, ma stimolante per la pratica sportiva e il ritorno alla vita.” Cremona sarà infatti tappa dell’ultimo allenamento per un gruppo di persone malate di sclerosi multipla e capitanate dall’avvocato Garatti: “Gli ostacoli sono solo nella nostra mente, nessuna patologia puo’ fermarci nel fare sport e nel tornare alla nostra vita. E’ per questo motivo che abbiamo deciso di partecipare alla maratona più conosciuta al mondo dove saremo un gruppo composto da sei malati di SLA, tre con il morbo di Parkinson, altrettanti malati di tumore, un ragazzo con la sindrome di Down e il gruppo di San Patrignano. Piu’ si parla di sport, più si esce dal guscio della malattia e si torna alla vita: io stessa sono l’esempio di essere rinata proprio grazie alla corsa con la quale ho messo da parte l’apatia seguita alla malattia.”

Dal punto di vista sportivo, il piatto forte della diciottesima edizione della HMC è la prova maschile: è qui infatti che, almeno sotto il profilo cronometrico, si sono concentrati gli sforzi degli organizzatori, il cui obiettivo dichiarato è quello di centrare i 60 minuti di gara.

E ben nutrito è il nugolo dei pretendenti alla corona d’alloro con tanto di nuovo primato della corsa.

A guidare la compagine africana degli atleti al via per iscrivere il proprio nome nell’albo d’oro della manifestazione e abbattere quel 1:01’33” corso nel 2015 da Solomon Kirwa Yego, è JAMES MURITHI MBURUGU. Keniano, classe 1989, l’alfiere di run2gether volerà in Italia direttamente dal Kenya la prossima settimana proprio per prendere parte alla prova cremonese della quale è una giovane vecchia conoscenza – sua la vittoria nel 2017 in 1:02’51”. Atleta maturo e in buona condizione, vanta un personale sulla distanza di 1:01’37”, crono con cui lo scorso maggio ha conquistato la Moonlight Half Marathon di Jesolo.

Sarà al suo fianco tanto in gara, quanto sul volo in arrivo dal Kenya HENRY KIMANI MUKURIA: Compagno di squadra e di allenamenti di Mburgu, questo atleta nato a Naivasha il 15.05.1990 e residente a Kiambogo, villaggio dove ha sede il campo di allenamento del team austriaco, ha un primato di 1:02’39” corso alla Placentia Half Marathon nel 2017; anno in cui si è classificato al quinto posto alla HMC – Mezza Maratona Città di Cremona in 1:06’50”.

Conosce il nuovo tracciato cremonese anche il terzo portacolori run2gether: classe 1994, il giovane RONCER KIPKORIR KONGA lo scorso anno ha chiuso la HMC al terzo posto in 1:04’20”. Da un anno nella squadra bianco-arancio-nera, la sua miglior prestazione sui 21km è di 1:01’19” - Bucharest Half Marathon 2018.

La rappresentativa austro-keniana schiera a Cremona anche JAMES KIBET. Classe 1998, lo specialista dei 5.000mt, distanza sulla quale vanta un pb di 13’11” (Berlino 2017), annovera nel proprio palmares la vittoria del Cross del Campaccio nel 2018. Residente a Iten e per la prima volta al via nella città dei violino, il suo pb sui 21km è di 1:03’56” – Torino Half Marathon 2019.

Difende i colori della bandiera keniana, ma è tesserato per l’Atletica Virtus CR Lucca, HOSEA KIMELI KISORIO. Nato il 22.11.1990, la sua miglior prestazione sulla distanza risale al maggio del 2015 quando, in occasione della Half Lucca Marathon, ha fermato il cronometro a 1:01’59”. Tra i top runner maschili al via, è senza ombra di dubbio quello con il maggior numero di presenze in città - ben sei: settimo nel 2011 in 1:03’48”; terzo nel 2012 in 1:02’05”; quarto nel 2013 in 1:03’52”; quinto nel 2014 in 1:04’00”; sesto nel 2015 in 1:05’35”; sesto nel 2016 in 1:04’31”.

E’ del Kenya anche la bandiera più quotata per la vittoria della HMC al femminile.

Cercherà senza dubbio di replicare il primo posto già fatto suo nel 2017 con uno strepitoso 1:09’50” WINFRIDAH MORAA MOSETI. Nata il12.11.1996 e schierata da Club Atletica 2005, quest’anno ha fatto registrare il proprio miglior crono sui 21km a settembre a Udine (1:09’07”), per correre poi qualche settimana più tardi 1:10’52” alla Telesia Half Marathon a Telese Terme.

E’ stata invece seconda lo scorso anno (1:14’23”) LENAH JEROTICH. Compagna di squadra della Moseti, la sua miglior prestazione è datata 2016 (1:11’23” a Cardiff), mentre quest’anno ha messo al collo la medaglia d’argento alla Moonlight Half Marathon – 1:13’08”.

Tra le due si inserisce la giovanissima ESTHER WANGUI WAWERU di run2gether. Classe 1995, è un’atleta alle prime esperienze internazionali che vanta un tempo di 1:12’29” corso quest’anno alla Torino Half Marathon.

Inevitabile citare le azzurre al via, prima tra tutte l’inossidabile Claudia Gelsomino che torna a Cremona per il terzo anno consecutivo: la portacolori della CardAtletica ha infatti già gareggiato sia nel 2017 (1:18’59”), sia nel 2018 (1:20’03).

Al suo fianco, le gemelle siciliane del fondo: difendono i colori della Polisportiva Atletica Bagheria Barbara e Francesca Vassallo: nate il 31.08.1996, la prima ha fatto registrare la miglior prestazione italiana della categoria juniores nel 2014 proprio a Cremona (1:22’55); all sue spalle la sorella Francesca – 1:31’36” il suo tempo.

Appuntamento quindi a domenica 20 ottobre pv con la HMC – Mezza Maratona Città di Cremona e la staffetta HMC-You&Me.

 

 

348 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online