Mercoledì, 29 giugno 2022 - ore 11.13

Cremona MDV IL GRANDE JAZZ INTERNAZIONALE serata 27 maggio

Dal 22 aprile al 27 maggio, torna CremonaJazz che, con la direzione artistica di Roberto Codazzi, è giunta ormai alla settima edizione.

| Scritto da Redazione
Cremona MDV IL GRANDE JAZZ INTERNAZIONALE serata 27 maggio Cremona MDV IL GRANDE JAZZ INTERNAZIONALE serata 27 maggio

IL GRANDE JAZZ INTERNAZIONALE ALL’AUDITORIUM GIOVANNI ARVEDI Cremona 

Ivan Lins, Sarah McKenzie, Paolo Fresu & Omar Sosa, Sergio Cammariere con Ares Tavolazzi e Alfredo Golino e il trio Tullio De Piscopo-Dado Moroni-Aldo Zunino protagonisti della settima edizione di CremonaJazz (22 aprile -27 maggio)

 Cremona, 17 marzo 2022 - Una rassegna di respiro internazionale, con artisti prestigiosi: all’Auditorium Giovanni Arvedi del Museo del Violino di Cremona, dal 22 aprile al 27 maggio, torna CremonaJazz che, con la direzione artistica di Roberto Codazzi, è giunta ormai alla settima edizione.

 Cinque i concerti in cartellone; si parte venerdì 22 aprile (ore 21), con un gigante della musica brasiliana e del jazz: Ivan Lins, al suo debutto assoluto a Cremona. Alcuni critici affermano che, se Caetano Veloso è il Bob Dylan di Bahia, Ivan Lins è il James Taylor della musica popolare brasiliana. Cantautore e interprete pluripremiato e vincitore di Grammy, compositore di deliziosa complessità armonica e affascinante senso del ritmo, Lins si è fatto conoscere in Brasile e all'estero non solo per le sue canzoni interpretate da artisti del calibro di Sarah Vaughan, Sting, Manhattan Transfer, Michael Bublé, Ella Fitzgerald, ma anche per le colonne sonore realizzate per film e telenovelas brasiliane e che sono diventate gli standard della musica pop internazionale.

 L’appuntamento di venerdì 6 maggio (ore 21) vede protagonista la compositrice, cantante e pianista di origini australiane Sarah McKenzie, artista capace di veleggiare dagli standard jazz del Novecento a composizioni originali, basate su una fusione fra jazz e blues arricchita da suggestioni di musica latino-americana. All’Auditorium Giovanni Arvedi Sarah presenta il suo ultimo album, Secrets of my Heart, conducendo il pubblico in un viaggio emozionante fra Europa, Australia e Brasile che racchiude, come suggerisce il titolo dell'album, i segreti del cuore dell’artista. Sul palco con lei Hugo Lippi (chitarra), Pierre Boussaguet (contrabbasso) e Sebastiaan de Krom (batteria).

 Sabato 14 maggio (ore 21) è la volta di Paolo Fresu, artista in residenza di CremonaJazz e autentica icona della musica contemporanea, qui insieme al fenomenale pianista e percussionista cubano Omar Sosa. Se esistono formazioni in grado di cambiare il modo di sentire la musica, nel caso del duo composto da Fresu e Sosa quel “sentire” non è soltanto questione di mero ascolto, ma anche di cuore, anima, empatia; insieme, i due artisti creano ponti sonori tra due mari e due continenti, in un mix vincente di jazz, musica cubana, Africa e world music. 

 Venerdì 20 maggio (ore 21) la voce eclettica di Sergio Cammariere debutta a Cremona con un progetto in esclusiva per CremonaJazz nel quale l’artista calabrese è affiancato per la prima volta da due dei più importanti musicisti del panorama musicale internazionale, Alfredo Golino alla batteria e Ares Tavolazzi al contrabbasso. Le molteplici sonorità del trio compongono un variegato ventaglio di melodie e colori, grazie alla scelta accurata del repertorio che rende omaggio a mostri sacri quali Burt Bacharach, Keith Jarrett e Don Grolnick, oltre a proporre brani dello stesso Cammariere.

Destinato a fare scintille è il trio composto da Tullio De Piscopo, autentica leggenda della batteria e collaboratore di Pino Daniele, Dado Moroni, unanimemente riconosciuto come uno dei migliori pianisti jazz viventi, e Aldo Zunino, contrabbassista che ha collaborato con il gotha del jazz nazionale e internazionale. Per il gran finale di venerdì 27 maggio (ore 21) propongono un repertorio che è non solo un omaggio in chiave jazz a Pino Daniele, ma anche un incontro fra due città di mare: la Genova di Dado e Aldo e la Napoli di Tullio, a cui si aggiunge la Milano dove De Piscopo si è trasferito. Tre luoghi, tre storie che confluiscono in una musica, il jazz, che fin dalle origini è un genere ibrido, capace di accogliere e fondere esperienze diverse. 

Dopo un'edizione tutta tricolore, per le difficoltà di spostamenti determinate dall'emergenza sanitaria, quest'anno CremonJazz torna a presentare un profilo internazionale, come è logico sia per una rassegna dedicata a un genere musicale che è il più cosmopolita di tutti”, commenta il direttore artistico, Roberto Codazzi. “Manifesto di questa tendenza è il concerto inaugurale affidato a Ivan Lins, che è cresciuto a Boston e che mescola i colori di samba e bossanova con quelli del jazz. E negli USA si è formata la bravissima performer australiana Sarah McKenzie, mentre dalla Cuba ricca di suggestioni musicali arriva il formidabile pianista Omar Sosa per duettare con Paolo Fresu, che quest'anno riafferma il suo legame strettissimo con la nostra città diventando artista residente di CremonaJazz. Bellissimi i due progetti italiani che suggellano il cartellone, dal debutto all’Auditorium Arvedi dello Special Trio riunito apposta da Sergio Cammariere, con Alfredo Golino alla batteria e Ares Tavolazzi al contrabbasso, al Trio di virtuosi formato da Tullio De Piscopo, Dado Moroni e Aldo Zunino, da cui è facile aspettarsi veri e propri fuochi d’artificio musicali”.

 “Ogni edizione di CremonaJazz coniuga, in forme sempre rinnovate, la consueta apertura alle espressioni emergenti della creatività contemporanea e la consapevole attenzione alla lezione del Novecento”, dichiara Virginia Villa, direttore generale del Museo del Violino. “È un dialogo tra epoche e culture, strumenti, interpreti e linguaggi, ogni volta coinvolgendo il pubblico. Per questo la rassegna ha una posizione rilevante nell’offerta musicale del Museo del Violino e dell’Auditorium Giovanni Arvedi. Assume maggior significato oggi: la recente pandemia e le crisi politiche hanno dimostrato quanto irrinunciabile e prezioso sia il confronto. Voglio dunque ringraziare il direttore artistico Roberto Codazzi, Fondazione Arvedi Buschini, MdV friends, Unomedia e quanti, attraverso il sostegno economico o condividendo competenze e idee, rendono possibile il progetto”.

 CremonaJazz è promosso da Museo del Violino e Unomedia e il sostegno della Fondazione Arvedi Buschini, MDV friends, Adecco, Air Liquide e Marsh.

 Tutte le informazioni e gli aggiornamenti sulla rassegna sono disponibili sul sito www.cremonajazz.it.

 Informazioni e prevendita biglietti 

I biglietti sono in vendita presso la biglietteria del Museo del Violino e online sul sito www.vivaticket.it.

 Prezzi:

Settori A/B/C/D/E/H/I 25 €         

Settori F/G 20 €               

Promozione studenti (settori G/F): 12 €

 Biglietteria

Museo del Violino, piazza Marconi 5, Cremona

Tel. 0372/080809

da mercoledì a venerdì: 11.00 – 17.00

sabato e domenica: 10.00 – 18.00

 

 Qui il programma completo

Allegati Pdf:

Allegato PDF 1

2169 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online