Sabato, 15 maggio 2021 - ore 20.39

Cremona PREMIO PAOLO BRIANZI 2018 Il primo premio è stato vinto ex-aequo da Gentilia Ardigò e Gianluigi Pettenuzzo

Si è concluso felicemente, nella sala conferenze della Confartigianato di Cremona, il premio letterario “Paolo Brianzi 2018”, attivato per la quarta volta grazie alla volontà delle nipoti Paola e Rosamaria di ricordare la figura del nonno, famoso a livello locale come raccoglitore di proverbi in dialetto cremonese, ed in tutta Europa come veterinario allevatore di cavalli e della razza canina dello “spinone bianco-arancio”. Tema conseguente del Concorso: “L’amore per gli animali”.

| Scritto da Redazione
Cremona PREMIO PAOLO BRIANZI 2018 Il primo premio è stato vinto ex-aequo da Gentilia Ardigò e Gianluigi Pettenuzzo Cremona PREMIO PAOLO BRIANZI 2018 Il primo premio è stato vinto ex-aequo da Gentilia Ardigò e Gianluigi Pettenuzzo

Cremona PREMIO PAOLO BRIANZI 2018 Il primo premio è stato vinto ex-aequo da Gentilia Ardigò e Gianluigi Pettenuzzo

   Si è concluso felicemente, nella sala conferenze della Confartigianato di Cremona, il premio letterario “Paolo Brianzi 2018”, attivato per la quarta volta grazie alla volontà delle nipoti Paola e Rosamaria di ricordare la figura del nonno, famoso a livello locale come raccoglitore di proverbi in dialetto cremonese, ed in tutta Europa come veterinario allevatore di cavalli e della razza canina dello “spinone bianco-arancio”. Tema conseguente del Concorso: “L’amore per gli animali”.

  A far gli onori di casa è stato Vittorio Pellegri, animatore della sezione cultura e turismo di Ancos- Confartigiato, lasciando poi la parola al prof. Angelo Rescaglio, presidente della Giuria esaminatrice, insieme al cav. Giovanni Scotti e alla prof. Rosa Maria Brianzi.  Il senatore emerito nel suo intervento ha voluto sottolineare il valore culturale ed umano della manifestazione, alla quale sono giunti elaborati non solo dalla Lombardia, ma anche dal Veneto, dal Friuli e dagli Abruzzi.  

   Quindi il presentatore Pierantonio Bonetti ha letto l’encomio attribuito agli ospiti della Fondazione E. Germani di Cingia de’ Botti, per i numerosi testi giunti al Concorso. Fra questi, un premio speciale è stato accreditato alla poesia “La cavalìna Balìla” di  Eliseo Tonani. 

   Nell’ambito delle poesie in dialetto, il primo premio è stato vinto ex-aequo dalle liriche “ ‘L uzelìin de’l frèt” di Gentilia Ardigò (Casalbuttano) e “La farfàla” di Gianluigi Pettenuzzo (Sospiro), seguite dalla poesia “Lucki” di Giampietro Tenca (Gussola). La sezione delle poesie in italiano ha visto invece la vittoria di “Piccolo grande eroe” di Giovanna Gizzi di Sulmona (AQ), seguita dalle liriche “Per un cane” di Maria Grazia Frassi (Robecco d’Oglio) e  “Istanti di tenerezza” di Elena Maneo ( Mestre-Venezia). Nella prosa in italiano la palma del vincitore è stata assegnata al testo “Incondizionato” di Maddalena Scialdoni  (Milano), seguito dalle pagine di “La gattina dell’argine” di Renato Azzoni (Cremona), e da quelle di “Impossibile separarcene” di Maria Grazia Frassi (Robecco d’Oglio). Le poesie e le prose, lette da Lole Boccasasso e da Agostino Melega, sono state intervallate dal violino del liutaio Jaeg Rosenbloum, magicamente suonato da Margherita Ceruti, studentessa al liceo musicale di Cremona e al Conservatorio di Milano.

  Al termine, il direttore della Confartigianato Roberto Mafezzoni ha ringraziato i membri della Giuria, composta, oltre che dal prof. Rescaglio, dal cav. Giovanni Scotti, dalla prof.ssa Rosamaria Brianzi e dal dott. Agostino Melega, oggetto alla fine di un gesto fuori programma. Infatti, il direttore Roberto Mafezzoni ha voluto cogliere l’occasione per donargli una pregiata tavoletta in ceramica policroma dedicata a San Giuseppe artigiano, a motivo della fattiva collaborazione culturale messa a disposizione negli anni  nei confronti della stessa associazione artigiana.

   A sponsorizzare la manifestazione sono state la Cassa Padana, la Latteria Soresinese, il Salumificio Santini di Torre Picenardi e la ditta Massimo Rivoltini di Vescovato, tutte realtà economiche che non si sono risparmiate nel donare ai vincitori dei primi tre posti del Concorso, ai membri della Giuria, al presentatore, agli attori, libri, formaggi, dolci e ghiottonerie veramente prelibate.

Fonte: Agostino Melega

 

1432 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online