Venerdì, 14 dicembre 2018 - ore 08.12

Gussola VIA MADONNINA E NON SOLO …, rendiconto amministrativo anni 1970-75 di Sante Gerelli

Egregio Direttore,In questi giorni stavo sistemando dei documenti mi balzò all’occhio un pieghevole Rendiconto Amministrativo ai cittadini 1970-75.Come spesso accade la curiosità mi coinvolse , iniziandolo a leggere notai il grosso impegno in quegli anni verso il problema ambientale , assieme alle tante idee e realizzazioni a favore dei cittadini di Gussola. Mi ha colpito il tema ambientale perché si parlava dell’acquisto degli alberi di via Madonnina, ( quegli alberi che ora sono a rischio taglio per far posto alla ciclabile) , era l’anno 1

| Scritto da Redazione
Gussola VIA MADONNINA E NON SOLO …,  rendiconto amministrativo anni 1970-75 di Sante Gerelli

Gussola VIA MADONNINA E NON SOLO …,  rendiconto amministrativo anni 1970-75 di Sante Gerelli

Egregio Direttore,In questi giorni stavo sistemando dei documenti mi balzò all’occhio un pieghevole Rendiconto Amministrativo ai cittadini 1970-75.Come spesso accade la curiosità mi coinvolse , iniziandolo a leggere notai il grosso impegno in quegli anni verso il problema ambientale , assieme alle tante idee e realizzazioni a favore dei cittadini di Gussola. Mi ha colpito il tema ambientale perché si parlava dell’acquisto degli alberi di via Madonnina,  ( quegli alberi che ora sono a rischio taglio per far posto alla ciclabile) , era l’anno 1973.

Siccome il tema di quegli alberi piantati 45 anni fa ,  ovvero quasi mezzo secolo , sono tutt’ora di attualità la cosa mi spinge a fare alcune considerazioni, innanzitutto il passaggio su parchi e giardini nell’opuscolo è molto corposo, vi si scrive “ giardino con monumento ad Angelo Bergamonti, sistemazione  area pesa pubblica con piante e panchine, aiuola di via 13 Martiri, 50 piante in via Madonnina , 90 in via Dossi, 50 con lavoro volontario in via  Mentana Borgolieto e parte di via Toselli, 50 piante in via Bellena  con contributo  del 50% della spesa a carico degli abitanti della borgata Bellena.

Spesa per l’acquisto delle piante di Via Dossi, via Madonnina, via Bellena lire 909.000.

Questo dimostra come i cittadini siano interessati al loro paese e condividono le scelte e le difficoltà degli amministratori comunali.”

Siccome il pieghevole dell’amministrazione comunale elencava tutte le opere realizzate nel quinquennio, si premurava anche di non tralasciare alcuni servizi essenziali per i cittadini che si andavano a delineare strada facendo, ad esempio vi è un passaggio sulla prossima costruzione dell’asilo nido, il primo ad essere costruito nell’intero territorio Casalasco.

Si dice” inoltre, nel quinquennio, sempre non previsto nel programma, è stato affrontato il problema della costruzione di una SCUOLA-NIDO . la scuola-nido è una delle esigenze più volte manifestata dalle operaie-madri, circa la necessità di una adeguata assistenza ed educazione all’infanzia.

Per la costruzione dell’edificio si è in attesa dell’assegnazione del finanziamento di lire 40.000.000, nel 1975. “

Erano gli anni dove le tante fabbriche di compensato presenti sul territorio di Gussola  davano lavoro a tantissime donne di Gussola e anche dei paesi limitrofi.

Nell’introduzione del rendiconto vi è anche uno spazio ai rapporti politici tra maggioranza e opposizione       “ l’amministrazione comunale di Gussola ha sempre  voluto qualificarsi come amministrazione  di sinistra, anche se i rapporti  con la minoranza  sono sempre stati improntati con la massima correttezza e lealtà ed ha sempre apprezzato il contributo costruttivo della stessa minoranza sia nelle riunioni consigliari che in altre sedi.

Non di meno , unitariamente , l’amministrazione Comunale  ha manifestato la propria solidarietà ed appoggio alle lotte del popolo Spagnolo, Vietnamita e Cileno, impegnati nella battaglia per la libertà e la democrazia.

Essa cioè non si è mai chiusa  in una visione municipalistica dei problemi.”

Questo e altro si scriveva nel rendiconto dell’Amministrazione Comunale di Gussola del  quinquennio 1970-1975

Contributi importanti detti con parole semplici. Un ripassare la storia locale con lo sguardo rivolto al futuro aiuterebbe soprattutto oggi .

Nei giorni scorsi un compagno mi ha scritto in merito al travaglio della sinistra che ho affrontato poche settimane fa anche sul Vostro giornale. “ CHI SI E’ IMPEGNATO PER IL BENE COMUNE  HA DELLE STORIE DA RACCONTARE. CHI HA PENSATO SOLO A SE STESSO NON HA NULLA DA TRASMETTERE. “

Questo compagno lo voglio ringraziare pubblicamente.

Gerelli Sante  Gussola.

27 novembre 2018

 

 

 

210 visite

Articoli correlati