Sabato, 21 settembre 2019 - ore 07.10

Il Cav Arvedi in difficoltà nella gestione della Ferriera di Trieste . Stanco di attacchi continui e clima ostile abbandona.

Il presidente di Siderurgica Triestina annuncia la volontà di sospendere al più presto la produzione e cede il passo al nipote. "In 4 anni risanati sito e impianti e in cambio solo attacchi". Cgil-Cisl-Uil chiedono subito un tavolo di confronto

| Scritto da Redazione
Il Cav Arvedi in difficoltà nella gestione della Ferriera  di Trieste . Stanco di attacchi continui e clima ostile abbandona.

Il Cav Arvedi in difficoltà nella gestione della Ferriera  di Trieste . Stanco di attacchi continui e clima ostile abbandona.

Il presidente di Siderurgica Triestina annuncia la volontà di sospendere al più presto la produzione e cede il passo al nipote. "In 4 anni risanati sito e impianti e in cambio solo attacchi". Cgil-Cisl-Uil chiedono subito un tavolo di confronto

Arvedi : "Prendo atto delle decisioni delle Istituzioni regionali del Friuli Venezia Giulia e del Comune di Trieste riferite alla chiusura dell'area di produzione 'a caldo' della Ferriera di Servola (Trieste) e confido in proposte di soluzione corrette, che tengano conto della situazione reale e dei posti di lavoro’ .

Così in una nota diffusa il 5 settembre , Giovanni Arvedi, fondatore e presidente dell'omonimo gruppo siderurgico con base a Cremona, che quattro anni fa ha rilevato lo stabilimento triestino dà il suo addio alla città. "La vicenda Servola - prosegue il presidente di Siderurgica Triestina - purtroppo, è stata per me un'esperienza amara, unica e molto sofferta, mai vissuta prima in sessant'anni di lavoro nel nostro Paese".

Ferriera, l'appello di Cgil-Cisl-Uil Fvg: «Subito un tavolo»

Il 2 settembre i lavoratori della Ferriera avevano  occupato la direzione. Le RSU convocate da Arvedi a Cremona

La rapida accelerazione che è stata impressa negli ultimi giorni sull’ipotesi di riconversione parziale della Ferriera non può che lasciarci profondamente preoccupati. Il rischio concreto, a maggior ragione dopo la lettera aperta in cui il cavalier Arvedi annuncia l’intenzione di chiudere «nel più breve tempo possibile» la produzione nell’area a caldo, è di una transizione tutt’altro che indolore verso un futuro in cui siderurgia e logistica possano convivere nel sito di Servola. Si è interrotto, in sostanza, il percorso tracciato quattro anni fa con l’Accordo di programma, per consentire da un lato la progressiva riduzione dell’impatto ambientale della Ferriera, dall’altro la continuità produttiva e occupazionale del sito. Due obiettivi che fin qui sono stati contemperati.

Il possibile, o a questo punto probabile, prematuro addio di Arvedi, apre pesanti interrogativi non solo sull’immediato futuro occupazionale dei 400 lavoratori impegnati nell’area a caldo e nell’indotto, ma sulle prospettive dell’intero stabilimento. Il tutto senza essere davanti ad alcuna concreta ipotesi di investimento alternativo nel sito. Ecco perché riteniamo indispensabile, prima che la prospettiva di rapida chiusura dell’area a caldo si trasformi in realtà, convocare immediatamente un tavolo con Governo, Regione, proprietà, Comune e parti sociali, per cercare di riprendere il filo di un confronto trasparente basato sui reciproci impegni presi tra le parti al momento della sottoscrizione dell’Accordo di programma. Questa resta l’unica strada per continuare a contemperare i diritti e gli interessi in campo, gestendo in modo equilibrato e responsabile la transizione verso una riconversione i cui tempi non appaiono oggi ancora maturi.

I segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Fvg

Villiam Pezzetta, Alberto Monticco, Giacinto Menis

05 SETTEMBRE 2019  Fonti :Ansa ,Il Piccolo di Trieste  e Cgil Trieste

408 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online