Giovedì, 18 luglio 2019 - ore 22.00

“Il Limbo dantesco”: incontro il 5 giugno al Filo

L'incontro è organizzato dalla Società La Dante di Cremona

| Scritto da Redazione
“Il Limbo dantesco”: incontro il 5 giugno al Filo

Mercoledì 5 giugno, alle ore 16:30, si terrò l'incontro “Il Limbo dantesco: il primato della coscienza” presso la Sala Filodrammatici Cremonese. La proposta è giunta da Angiola Agarossi, docente di Letteratura Italiana con la sua passione di educare e formare giovani alla professione e alla vita.

Il tema, che ha una sua specificità precisa e una sua valenza culturale, mira a far conoscere una problematica dantesca non abitualmente considerata: “Il Limbo dantesco: il primato della coscienza”. Qui, anime che “senza speme vivono in desio”: questa pensosa malinconia, che non turba la gravità e la saggezza, è attributo costante della figura di Virgilio, così come apparve al genio di Dante...e del resto la stessa poesia di Virgilio ne è improntata.

Ma, in questi luoghi, la malinconia e la gravità è di tutti gli “spiriti magni”, le anime dei grandi del passato, che occupano un posto a parte nel Limbo, pur essendo come le altre, riconosce Dante, “sospese”: al margine del dolore e tuttavia incapaci di gioia. Quegli spiriti, nella loro saggezza, sanno che mancò alla loro perfezione terrena un elemento essenziale, e che pertanto la loro posizione è giusta; l'accettano, ma non possono impedirsi di desiderare la pienezza del bene, essi che nella vita tanto operarono per il bene.

Il loro desiderio senza speranza e senza rassegnazione è degno della loro nobiltà (e sono quattro grandi poeti dell'antichità, Omero, Orazio, Ovidio e Lucano...gli eroi che ebbero parte nella fondazione dell'Impero romano, tra cui Cesare, i filosofi e gli scienziati, e tra essi Aristotele, il “maestro di coloro che sanno”).

274 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online