Mercoledì, 22 gennaio 2020 - ore 08.39

Milano, illegalità diffusa alla Festa della Cannabis dello ZAM

Lo riferisce Marco Bestetti, Coordinatore dei giovani di Forza Italia a Milano

| Scritto da Redazione
 Milano, illegalità diffusa alla Festa della Cannabis dello ZAM

Milano Sabato sera ho voluto fare un sopralluogo al centro sociale ZAM - riferisce Marco Bestetti, Coordinatore dei giovani di Forza Italia a Milano - per vedere in prima persona la 'THC FEST' organizzata nella ex scuola occupata abusivamente di Via Santa Croce, 19. Già da lontano si sentiva l'odore intenso della marijuana, tutto intorno al Parco delle Basiliche. Alla cassa all'ingresso, accanto a un murales con l'effige di Carlo Giuliani - il bravo ragazzo che stava lanciando un estintore contro i carabinieri al G8 di Genova - era appeso un cartello che prometteva un 'biscotto alla ganja' da ritirare al primo piano, mentre alcuni ragazzi distribuivano un volantino contro lo sgombero del Lambretta. Nel cortile un centinaio di ragazze e ragazzi erano intenti a fumarsi ognuno il proprio spinello, mentre dall'interno arrivava musica assordante. Dopo aver preso una birra, rigorosamente senza scontrino, tra un cartello contro i fascisti e uno contro la polizia, accanto ad un tavolino che distribuiva tutto l'occorrente per una canna, mi sono recato al primo piano per ritirare il mio biscotto alla marijuana. Qui, dietro il vetro di quella che era la segreteria della scuola, integralmente coperto da un grosso telo nero per un far vedere chi ci fosse dietro, da una piccola fessura si consegnava un ticket preso all'ingresso e si riceveva in cambio, da una mano anonima, un biscotto di marijuana. Dopo un giro del cortile tra murales e foglie di cannabis appese ai muri, rifiutando il bis di biscotto alla ganja, ho guadagnato l'uscita, dove un ragazzo con i rasta barcollava in strada sorretto da un fido kompagno. Lo ZAM è un monumento all'illegalità a cielo aperto - attacca Bestetti - una zona franca dove tutto è concesso con le leggi dello Stato che si fermano all'ingresso.Una vergogna coperta dalla complicità politica di una Giunta irresponsabile dalla quale spero Milano si liberi presto. La riscossa del centrodestra per la riconquista della città deve partire da qui, dove si tocca con mano la distanza siderale tra noi e la sinistra. Tra chi strizza l'occhio ai centri sociali, vere e proprie fabbriche di illegalità diffusa, e chi invece sgombera questi spazi per riconsegnarli alla città. Forza Italia dovrebbe organizzare dei tour allo ZAM aperti alla cittadinanza - conclude -per far vedere ai milanesi le conseguenze del grave errore di aver votato Pisapia e soci. Sperando che non perseverino.

Marco Bestetti

797 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria