Martedì, 17 settembre 2019 - ore 10.58

Milano, sequestrata sala slot, De Cesaris: obiettivo è Milano città no slot

| Scritto da Redazione
Milano, sequestrata sala slot, De Cesaris: obiettivo è Milano città no slot

Milano, 14 luglio 2014 – “Ottimo lavoro della Polizia di Stato, che ha messo sotto sequestro una sala scommesse non autorizzata in via Solari 41. Questo intervento della Questura conferma che il lavoro di squadra tra istituzioni è importante per contrastare il gioco d’azzardo e allontanare dalla città criminalità e degrado a tutela dei cittadini”. Lo ha detto la vicesindaco e assessore all’Urbanistica Ada Lucia De Cesaris, che ha aggiunto: “Vogliamo che Milano diventi sempre più ‘città no slot’: per questo vanno messi in campo tutti gli strumenti e tutte le armi della legalità a disposizione delle diverse istituzioni, per non dare tregua a un fenomeno che è diventato una vera e propria emergenza sociale”. 

Il Comune di Milano ha già bloccato 11 locali nelle ultime settimane, dalle periferie verso il centro: si trovano in via Astesani 29, via Medeghino 34, via Ciaia 3, corso Indipendenza 6, viale Corsica 64, via Bernardino De Conti 6, corso Garibaldi 49, via Bugatti 9, piazza Bolivar 4, via Padova 79 e corso Vercelli-via Cimarosa 4. 

684 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

CAP CON LA NUOVA TARIFFA DELL’ACQUA, PER I CITTADINI DEI COMUNI DEL MILANESE RISPARMIARE È FACILE, BASTA COMUNICARE LA RESIDENZA

CAP CON LA NUOVA TARIFFA DELL’ACQUA, PER I CITTADINI DEI COMUNI DEL MILANESE RISPARMIARE È FACILE, BASTA COMUNICARE LA RESIDENZA

Risparmiare sulla bolletta dell’acqua è ancora più facile. Quota fissa per ogni componente del nucleo famigliare, costo agevolato per ben 33 metri cubi d’acqua, sono solo alcuni degli elementi inseriti a vantaggio del consumo responsabile degli abitanti dell’hinterland milanese. L’importante è comunicare i propri dati al gestore del servizio idrico.
Fridays For Future Milano . La Casa è in Fiamme

Fridays For Future Milano . La Casa è in Fiamme

Nella mattinata di sabato 20 u.s. l’Italia ha assistito alla prima grande mobilitazione contro i finanziamenti all’industria del fossile. In decine di città lungo tutto lo stivale gli attivisti di #fridaysforfuture – il movimento di giovani nato dalla sedicenne svedese Greta Thunberg – hanno inscenato proteste e flash mob di fronte alle sedi di Unicredit e Intesa San Paolo, tra i maggiori finanziatori delle corporations del gas, del petrolio e del carbone.