Sabato, 22 gennaio 2022 - ore 07.16

OMICIDIO DI VERGONZANA: ECCO LE DICHIARAZIONI DI ALESSANDRO PASINI

Nell'interrogatorio di Garanzia

| Scritto da Redazione
OMICIDIO DI VERGONZANA: ECCO LE DICHIARAZIONI DI ALESSANDRO PASINI OMICIDIO DI VERGONZANA: ECCO LE DICHIARAZIONI DI ALESSANDRO PASINI OMICIDIO DI VERGONZANA: ECCO LE DICHIARAZIONI DI ALESSANDRO PASINI OMICIDIO DI VERGONZANA: ECCO LE DICHIARAZIONI DI ALESSANDRO PASINI
OMICIDIO DI #VERGONZANA: LE DICHIARAZIONI DI ALESSANDRO PASINI NELL'INTERROGATORIO DI GARANZIA🛑
Dal carcere di Cremona, ecco le dichiarazioni di Alessandro Pasini, ritenuto autore dell'omicidio e distruzione di cadavere, tentata strage e uccisione di animale;
nell'interrogatorio di garanzia davanti al G.I.P.,dove racconta la serata della vigilia di Ferragosto,e del 15 di agosto(ferragosto) giorno del decesso di Sabrina Beccalli,la mamma di 39 anni cremasca trovata bruciata nella sua auto tra le campagne di Vergonzana di Crema(CR).
 
"Generalmente io e Sabrina fumiamo cocaina. Quella sera lì abbiamo preso quello che serviva e l'abbiamo pippata. Io avevo anche una siringa ... A un certo punto mi sono mezzo addormentato, sono mezzo svenuto. Dopo poco mi sono alzato e ho visto del sangue per terra, ho visto delle macchie anche sul muro. Ho visto Sabrina sdraiata a faccia in giù, con le braccia dentro la vasca da bagno. Ho provato a muoverla e lei non si muoveva, non faceva niente. Ho provato a scuoterla, non faceva niente. Sono andato in panico. Mi manca quel pezzo lì, mi sono fatto ancora due ... che c'erano ancora sul tavolo. Poi sono tornato indietro e ho visto che lei non dava segni di vita, non respirava". Molto sangue attorno. Sangue che cola nella vasca.
Ore 5- 6. "Con una fatica immane l'ho portata giù dalle scale fino alla macchina. Ho spostato la macchina dietro casa mia, poi sono tornato a vedere la casa ... Ho aspettato un attimo e sono andato a pulire in casa di ... (fa il nome dell'ex compagna - ndr). Poi ho pensato di chiamare e dire che era successo a casa mia". Pulisce con quello che trova, uno straccio e forse il mocio. Dichiara che se fosse accaduto nella sua abitazione avrebbe avvisato immediatamente. Teme che gli addossimo la colpa di avere lasciato morire l'amica. Pensa alla madre di sua figlia, morta vent'anni prima, anche se lui non ha colpe, non era con lei, era lontano.
Ferragosto.
"Sono andato a bere un birra al bar Stati Uniti. Poi sono andato al pranzo di Ferragosto e dopo il primo ho fatto una tirata di coca. Sono andato a casa e ho pensato 'devo fare qualcosa, devo fare qualcosa' e ho pensato di portare via la macchina da lì .... Ho finito di usare la cocaina, ho bevuto ancora. Poi mi sentivo completamente sfasato. Sono andato ad Antegnate a prendere cocaina. Poi sono passato ancora a vedere la situazione in casa di (...). Ho pensato di bruciare la macchina la sera" L'idea lo accompagna dal mattino, quando è stata dal benzinaio a procurarsi del gasolio. Lo ha trattenuto la confusa speranza che Sabrina potesse essere ancora viva. "Anche se poi non ci sono riuscito (a dare fuoco - ndr) perché sono tornato diverse volte per vedere se si era svegliata, se si era ripresa. Poi la sera ho spostato la macchina in mezzo a questo campo. Avevo preso questa tanica di gasolio e dei pezzi di carta". Dopo avere dato alle fiamme la Panda di Sabrina nelle campagne di Vergonzana, rincasa in monopattino. Finisce di consumare la cocaina. Una sosta al bar. Una puntata ad Antegnate in cerca di eroina.
Perchè è stato tagliato il tubo del gas?
"All'inizio avevo pensato di bruciare la casa. Poi però ci ho ripensato ... Non mi ricordo se avevo chiuso o spento la caldaia. Comunque dopo avere tagliato il tubo ci ho ripensato e non ricordo se ho chiuso o spento il gas. Però avevo fatto qualcosa in modo che non succedesse niente".
1385 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria