Venerdì, 21 giugno 2024 - ore 02.40

#PD CREMA Medio Oriente: condanna attacchi terroristici di Hamas

IL PD Crema condanna nel modo più netto e fermo l’attentato terroristico e ogni altre violenze perpetrate da Hamas nei confronti popolazione civile israeliana.

| Scritto da Redazione
#PD CREMA Medio Oriente: condanna attacchi terroristici di Hamas

#PD CREMA Medio Oriente: condanna attacchi terroristici di Hamas



Il Partito Democratico di Crema condanna nel modo più netto e fermo l’attentato terroristico e ogni altro atto di violenza perpetrato da Hamas nei confronti della inerme popolazione civile israeliana. Il nostro primo pensiero è rivolto alle numerose vittime ed a tutte quelle persone che in questi giorni vedono, impotenti, la perdita dei loro affetti più cari. Sono giorni di enorme tristezza, tremenda sofferenza ed infinita angoscia resi ancora più drammatici dalla consapevolezza che le vittime delle stragi sono per lo più donne e bambini.

 Hamas è un’organizzazione terroristica che si alimenta cavalcando il malcontento e la disperazione di milioni di persone costrette a vivere dietro un muro, private di diritti e di libertà e che cinicamente espone i propri connazionali a subire soprusi e violenze. Purtroppo, con enorme timore ed apprensione, assistiamo alla risposta di Israele che è durissima ma che auspichiamo si mantenga entro i confini del diritto internazionale cui è normalmente allineata affinché non si alimenti la spirale di crudeltà anche verso la popolazione civile palestinese anch’essa provata da anni di sofferenze

 Questa situazione deve finire il prima possibile, ed auspichiamo che le organizzazioni internazionali preposte si mobilitino per fermare questa escalation di brutalità che porta solo morte e distruzione e che mira unicamente a distruggere ogni aspettativa di dialogo. Ed invece è proprio il dialogo l’unica prospettiva possibile per raggiungere una pacifica convivenza tra popoli che porti, nel rispetto delle diversità, una situazione di normalità senza che nessuno debba preoccuparsi dei razzi che cadono sulla propria testa.

 Una convivenza civile e pacifica è possibile. In passato ci sono state delle esperienze positive che sopravvivono ancora oggi. In questi momenti di angoscia, di ansia e di fortissima preoccupazione viene in mente la figura di Bruno Hussar, che il cardinale Carlo Martini aveva definito “un profeta di riconciliazione e di pace in Israele”. Hussar è stato l’iniziatore di un cambiamento sociale su lunga scala e si è posto, come unico obiettivo, quello di arrivare a creare relazioni pacifiche ed egualitarie tra il popolo israeliano e quello palestinese. La scuola bilingue Shalom/Wahat, da lui fondata a Gerusalemme, è una concreta testimonianza di come ebrei, cattolici e musulmani possono convivere pacificamente insieme. E allora, oggi più che mai facciamo nostre le parole di Bruno Hussar: “la pace non si impone, la pace deve essere insegnata

Partito Democratico Cremasco

 

 

419 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online