Lunedì, 30 gennaio 2023 - ore 19.17

Ristampa 'Storia Coronavirus a Bergamo e Brescia'

Ad anno pandemia testo Spatola diventato sorta manuale crisi

| Scritto da Redazione
Ristampa 'Storia Coronavirus a Bergamo e Brescia'

Covid, anno uno. A 12 mesi dalla scoperta del paziente 1 a Codogno (Lodi), si torna a parlare dei primissimi giorni dell'emergenza sanitaria, l'atto di inizio dell'incubo coronavirus.

Che a Bergamo e Brescia ha avuto il suo epicentro: una storia segnata da immagini simbolo che mai dimenticheremo. Ma anche da tante vicende private che si intrecciano alle grandi storie e ai protagonisti dell'era Covid.

"A un anno dall'inizio - afferma il giornalista Giuseppe Spatola, autore de 'La Storia del Coronavirus a Bergamo e Brescia' ristampato da Typimedia Editore dopo aver scalato le classifiche di Amazon - il volume torna di attualità. Il libro è nato come cronaca dei 100 giorni che hanno cambiato le nostre vite, con l'idea di mettere insieme fatti avvenuti troppo velocemente. È un manuale sull'approccio all'emergenza, sul come attrezzarsi per far fronte alla nuova fase. Rileggerlo oggi può servire a mettere a fuoco similitudini con il presente, ma anche la capacità di non commettere gli stessi errori".

Lo scritto ripercorre i momenti bui e luminosi dell'emergenza sanitaria che ha visto le città di Bergamo e Brescia, storicamente rivali, unite in un abbraccio che ha trasformato il dolore in forza. "Mentre scrivevamo il libro - continua Spatola - avevamo la percezione di un progressivo ritorno alla normalità. Ma il #tuttoandrabene è stato smentito dai fatti e oggi la certezza è che il mondo pre-Covid non tornerà. Il libro chiudeva sulla scoperta a Brescia di tre diversi ceppi del virus, un'anticipazione del presente. Mentre l'attualità ci riporta in piena emergenza, con Brescia - sesta provincia per rapporto contagi-abitanti - da oggi zona arancio rinforzata con tutte le scuole chiuse, e Bergamo la provincia che ha subito il massimo incremento nelle ultime due settimane per la variante inglese". (ANSA).

   

492 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria