Venerdì, 21 gennaio 2022 - ore 16.10

Solidarietà del Partito Democratico e di Liberi e Uguali alla Cgil di Crema per le provocazioni fasciste

Lo scorso venerdì 22 giugno il portone della Cgil è stato oggetto di provocazioni fasciste. Matteo Piloni Consigliere regionale PD e Paolo Losco e Marta Andreola Coordinatori Liberi e Uguali Crema esprimono la solidarietà

| Scritto da Redazione
Solidarietà  del Partito Democratico e di Liberi e Uguali alla Cgil di Crema per le provocazioni fasciste

Solidarietà  del Partito Democratico e di Liberi e Uguali alla Cgil di Crema per le provocazioni fasciste

Lo scorso venerdì 22 giugno il portone della Cgil è stato oggetto di provocazioni fasciste. Matteo Piloni Consigliere regionale PD e Paolo Losco e Marta Andreola Coordinatori Liberi e Uguali Crema esprimono la solidarietà

Matteo Piloni Consigliere regionale PD: Piena solidarietà alla Cgil di Cremona e Crema per le preoccupanti azioni di un noto movimento di estrema destra che ha "colpito" la sede cremasca, oltre ad altre sedi in Lombardia, figlie di un evidente e pericoloso clima di intolleranza.

La politica ha bisogno di confronti nel merito e non di queste provocazioni.

Deve essere chiara la responsabilità della politica tutta nel non banalizzare questi episodi e contribuire, soprattutto, a ripristinare un clima di rispetto e confronto.

----------------

Paolo Losco e Marta Andreola Coordinatori Liberi e Uguali Crema Inaccettabili intimidazioni di Progetto Nazionale contro la CGIL

La sede CGIL di Crema, ma anche quelle di Mantova e Pavia, sono state coperte, nella notte tra il 21 e il 22 giugno, di volantini e striscioni con frasi razziste e omofobe, con quello che non può essere interpretato in modo differente da una chiara intimidazione fascista.

Il gruppo Liberi e Uguali Crema esprime la totale solidarietà alla CGIL di Crema, come alla CGIL Lombarda e Nazionale.

Questi attacchi di propaganda fascista, abusivi e soprattutto vili, portati a compimento di notte, non sono solo inaccettabili, ma rendono indispensabile una riflessione sul clima di tensione che si pone sui temi dei diritti, della tolleranza e dell’umanità.

I gruppi che hanno rivendicato e firmato queste azioni sono a nostro avviso di chiaro stampo neofascista e non sono da legittimare in alcun modo, nel rispetto delle leggi, nel rispetto della costituzione nel rispetto del buonsenso.

Aggiungiamo constatando che questo atto è solo uno dei molti che nelle ultime settimane sono stati effettuati in tutta la Lombardia e in tutta Italia: dall’apertura provocatoria annunciata con un linguaggio aggressivo e inneggiante all’odio di una sede di Forza Nuova in un quartiere popolare e multietnico di Brescia, alle ronde neofasciste e minacciose di Rimini, passando per le minacce di morte subite da Luca Caputa (Sentinelli di Milano) e Cathy La Torre (avvocata LGBT di Bologna) e come questi a numerose altre iniziative intimidatorie e con metodologie basate sull’odio, il razzismo e l’omofobia.

Il clima di intolleranza, odio ed intimidazione che si respira in queste settimane, non è più accettabile né sostenibile.

Auspichiamo che, con senso di responsabilità, chi sta ogni giorno fomentando questo clima con dichiarazioni sempre al di sopra delle righe e del buonsenso, inizi a vestire i panni del ruolo istituzionale che ricopre, abbassi i toni e, soprattutto, inizi a fare il proprio lavoro.

Saremo sempre al fianco di chi, come la CGIL, difende i Lavoratori, i diritti, le uguaglianze.

602 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online