Lunedì, 19 novembre 2018 - ore 03.49

(Video) MARTEDì 23 OTTOBRE VOLANTINAGGIO DEL PD NELLE STAZIONI FERROVIARIE Appello di Matteo Piloni

Il Partito Democratico la mattina di martedì 23 farà un volantinaggio nelle stazioni ferroviarie lombarde per chiedere treni sicuri, efficienti e puntuali e per segnalare la mancanza di risposte della Regione ai problemi dei pendolari.

| Scritto da Redazione
(Video) MARTEDì 23 OTTOBRE VOLANTINAGGIO DEL PD NELLE STAZIONI FERROVIARIE Appello di Matteo Piloni


(Video) MARTEDì 23 OTTOBRE VOLANTINAGGIO DEL PD NELLE STAZIONI FERROVIARIE Appello di Matteo Piloni

Il Partito Democratico la mattina di martedì 23 farà un volantinaggio nelle stazioni ferroviarie lombarde per chiedere treni sicuri, efficienti e puntuali e per segnalare la mancanza di risposte della Regione ai problemi dei pendolari.

Il giorno scelto non è casuale: il 23 ottobre era previsto il Consiglio regionale ad hoc sulla condizione del trasporto ferroviario in Lombardia, ma su richiesta della Giunta regionale la discussione è stata rinviata di tre settimane, al 13 novembre.

I consiglieri regionali, insieme a militanti e volontari, saranno presenti dalle ore 7.00 alle 8.30 nelle stazioni di Milano Cadorna, Rho, Bergamo, Brescia, Varese Ferrovie Nord, Lodi, Cremona, Crema, Soresina, Castelleone, Casalmaggiore, Lecco, Pavia, Vigevano, Voghera, Morbegno, Mantova, Como San Giovanni.

“Negli ultimi mesi – dichiara il capogruppo del Pd in Regione Fabio Pizzul - abbiamo visto un incidente terribile come quello di Pioltello, molti guasti alle linee e ai treni, cancellazioni di corse e innumerevoli ritardi. A fronte di tutto questo la Regione ha prima intrapreso trattative per cambiare la governance di Trenord, fino a pensare di archiviarla, per poi decidere di cambiare solo l'amministratore delegato. Non va meglio sui convogli, che sono in buona parte vecchi e usurati, e mentre tutto il resto d'Italia avrà treni nuovi, grazie agli investimenti degli anni scorsi, la Lombardia deve accontentarsi di una manciata di treni usati. Le cose, così, non vanno e la Regione non sta facendo nulla per migliorare davvero le condizioni del servizio ferroviario.”

1090 visite

Articoli correlati