Martedì, 29 settembre 2020 - ore 21.17

2010 Maledetto Sanmartino, di Kiro Fogliazza (video) e la poesia in dialetto di Chiappani

Nel giorno di Sanmartino presentato il libro del comandante Kiro. A seguire la poesia in dialetto di Giovanni Chiappani

| Scritto da Redazione
2010 Maledetto Sanmartino, di Kiro Fogliazza (video) e la poesia in dialetto di Chiappani 2010 Maledetto Sanmartino, di Kiro Fogliazza (video) e la poesia in dialetto di Chiappani 2010 Maledetto Sanmartino, di Kiro Fogliazza (video) e la poesia in dialetto di Chiappani 2010 Maledetto Sanmartino, di Kiro Fogliazza (video) e la poesia in dialetto di Chiappani


Caricato il 14 nov 2010. Sono intervenuti Renato A. Rozzi, Gian Carlo Corada, Mimmo Palmieri e Rodolfo Bona. A cura di Deo Fogliazza. Un libro sulla vita e la militanza di Kiro Fogliazza: 334 pagine, 230 di testo, con 57 fotografie e 19 documenti allegati, alcuni assolutamente inediti.  Rendiconto "a cuore aperto" sulla Liberazione, il dopoguerra, le lotte nelle campagne e per i diritti, a Cremona e nella pianura padana irrigua.

Sono intervenuti: Renato A. Rozzi, illustre intellettuale cremonese, già docente di psicologia nelle Università di Trento, Cosenza, Urbino e Verona;Gian Carlo Corada, insegnante, storico e scrittore. E' stato prima Presidente della Provincia poi Sindaco di Cremona;Mimmo Palmieri, Segretario provinciale della CGIL di Cremona;Rodolfo Bona, insegnante, fa parte della Presidenza provinciale dell'ANPI di Cremona?

L'incontro ha preso avvio dopo una breve narrazione in forma teatrale, sull'importanza della Memoria, attingendo all'esperienza di Kiro nel periodo di guerra partigiana in valle di Susa, presentata da Gian Luca Foglia in arte "Fogliazza" (autore dell'opera grafica "KIRO").

"Fogliazza" è Gianluca Foglia, autore teatrale, satirico, illustratore, fumettista e storyboarder cinematografico.  Nato a Parma, dove vive e lavora, è sposato con Anna e ha due figli, Jacopo e Nicolò, ai quali canta Bella Ciao perchè Giovinezza la cantano a Sanremo!

Nell'interevento conclusivo di Kiro Fogliazza fa inedite rilevazioni di un momento della insurrezione a Torino nel giorno della liberazione nell'aprile 1945.

Riprese a cura di Gian Carlo Storti, Direttore di www.welfarecremona.it Cremona 11-11-2010

--------------------

Il ricordo di Giovanni Chiappani,sindacalista della Cgil, di quella giornata che ha scandito per secoli la vita dei braccianti cremonesi.

Sàan Martìin de na vòolta di Giovanni Chiappani

Adès ’l ööndes de nuèember ’l è ’n dé

tàan ’me ’n àalter; sücéet nièent!

Ma in d’i tèemp indrée le stràade

de campàgna l éera pièene de càar e de

gèent.

’L éera ’l dé de Sàan-Martìin e i

salariàat, quàan j éera disdetàat, i gh’ìiva

de cargàa töt in s’i càr e trasferìise in de

n’àaltra casìna, magàari luntàan divèersi

chilòmetri da chéla in dùa i stìiva prima.

La disdèta i padròon i la mandàava

d’estàat; de le vòolte te cunusìivet gnàan

perchè te séeret stàt disdetàat.

Alùura te cuminciàavet a girulàa, a

’ndàa in céerca de n’àalter pòst de lauràa.

Quàan te séeret curdàat, te tiràavet en

suspìir: per ’n àaltr’an gh’éera cà e lauràa,

cusé la famìiglia te pudìiet sfamàa; àanca

se ’l penséer de’l pòst che te lasàavet ’l

éera séeri: te gh’ìivet de piantàa le

amicìsie, i parèent e quài vòolte àanca i

mòort a’l cimitéeri.

Te gh’ìivet séemper la

speràansa de truàa ’n pòst püèe bèl per el

lauràa e ìl anbièente, dàto che ìl padròon,

àanca se te ’l càambiet, ’l è sèemper chèl.

In de la nóova casìna, dùa te ghìivet de

’ndàa a stàa, te ghe menàavet i mòi, j

aréle, le scàale, i scalòon, le bùte e la tina

che le servìiva per schisàa.

El dè de Sàan-Martìin tri càr cun li

baròosi, tri pàar de cavàai e tri cavalèer j

èera a cà tùa de bùna matìna per cargàa la

ròba, te gh’ìivet da fàa na bèla lauràada in

sö ìn càr te ghe metìivet la càamera de lèt,

in sö ’n àalter la ròba de cuzina, in sö ’l

tèers la bataria che restàava: che j èera

casulìne, scàgn de la stàla, benasòol cu

dèent le vèerze, cavàgn, panèer e

cantunàal.

A j anéi d’i càr cu’l fìil de fèr gh’èera

tacàat j atrès de’l fugulèer, ma àanca

pügnàte, paròoi, sedéi, paròola de ràm

cun dèenter el gàt ligàat in de’n sàach.

In sö i càr truàava pòst àanca la

famìilia: i regàas j èera inturciàat in d’i

tabàr, le dóne in d’i sialpòon.

Salütàat i vezéen, i partìiva per nóova

destinasiòon.

De sòlit per Sàan-Matìin spiuvezinava e

le stràade j éera piène de mòolta; l’èera

pròpria na tristésa véder i sanmartìin de na vòolta.

Giovanni Chiappani

-----------------------

Chi era Giovanni Chiappani.Chiappani è stato segretario della Cgil di Cremona dal 1959 al 1970. *Giano* Chiappani, stimato dirigente del movimento operaio e democratico cremonese, segretario generale della CGIL di Cremona per un decennio, uomo delle istituzioni, Consigliere Regionale dal 1970 al 1980, nell'ultima parte della sua via fine ed apprezzato poeta dialettale. Nato a Malagnino (Cremona) il 4 novembre 1920 e deceduto il 31 dicembre 2008 proveniva da una famiglia di salariati agricoli. Egli stesso ha lavorato, prima come garzone da muratore, poi come salariato agricolo fino all'età di 19 anni, quando venne chiamato per il servizio militare. Prese parte al ricostituito Esercito Italiano - dopo la caduta del fascismo - partecipando alla liberazione del Paese, dai tedeschi e dai fascisti.Per due anni dalla Liberazione svolge la funzione di Collocatore a Malagnino. Dal 1947 al 1970 sindacalista della Cgil cremonese, prima come funzionario, poi dal 1959 al 1970 come segretario generale della Camera del Lavoro. Negli anni '60 Consigliere comunale di Cremona, dal 1970 al 1980 Consigliere Regionale eletto nelle liste del PCI e fino al 1985 Consigliere Provinciale.Raggiunta la pensione si é dedicato alla poesia in dialetto cremonese, che però già frequentava fin dagli anni '70, raccontando la vita, i mestieri e le lotte dei lavoratori agricoli. Poesie che il nostro sito ha ospitato in questi anni con grande piacere.

2013-11-11

 



1674 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria