Venerdì, 05 giugno 2020 - ore 04.21

Agg. Domenica 23 febbraio ore 21 #CremonaCoronaVirus In provincia ora sono 16 gli infetti. Donna morta a Crema

Chiuse le scuole ed i musei ,sospesi tutti gli eventi sportivi e culturali Davanti all'Ospedale di Cremona, che rimane aperto, presidi della Protezione Civile Le autorità invitano alla tranquillità

| Scritto da Redazione
Agg. Domenica 23 febbraio ore 21 #CremonaCoronaVirus  In provincia ora sono 16 gli infetti. Donna morta a Crema Agg. Domenica 23 febbraio ore 21 #CremonaCoronaVirus  In provincia ora sono 16 gli infetti. Donna morta a Crema Agg. Domenica 23 febbraio ore 21 #CremonaCoronaVirus  In provincia ora sono 16 gli infetti. Donna morta a Crema Agg. Domenica 23 febbraio ore 21 #CremonaCoronaVirus  In provincia ora sono 16 gli infetti. Donna morta a Crema

Cremona CoronaVirus Situazione grave Ospedale aperto Per emergenze sanitarie tel. al 112 Chiudono molte attività

Chiuse le scuole ed i musei ,sospesi tutti gli eventi sportivi e culturali Davanti all'Ospedale di Cremona, che rimane aperto, presidi della Protezione Civile Le autorità invitano alla tranquillità 

Aggiormento domenica 23 febbraio ore 21

Agg. Domenica 23 febbraio ore 21 #CremonaCoronaVirus  In provincia di Cremona ora sono 16 gli infetti. Una donna morta a Crema

In una conferenza stampa l’assessore Regionale Gallera ha comunicato  che nella provincia di Cremona  ora gli infetti  sono 16 di cui una donna morta a Crema

All’ospedale di Cremona i casi confermati sarebbero invece 14 purtroppo si attendono altre conferme.

La ripartizione per comuni dovrebbe essere:

  • 1 Sesto Cremonese
  • 1 Pizzighettone
  • 4 Soresina
  • 1 Crema
  • 1 Bonemerse
  • 8 comuni non ancora comunicati

“In ogni caso #CREMONA NON È ZONA ROSSA”- è quanto afferma il sindaco di Cremona che ha partecipato ad un videoconferenza con Regione Lombardia.

Le autorità sanitarie stimano che il numero complessivo potrebbe avvicinarsi alla ventina

Il nosocomio cremonese, nonostante la forte pressione, sta reggendo ed i medici ed il personale infermieristico  lavorano senza sosta da oltre ore  per cercare di accogliere tutti.

Tre dei casi positivi sono residenti a Soresina. Come comunica il sindaco, Diego Vairani, “Si tratta di una famiglia che in questi giorni era in vacanza ed è stata trasferita all’Ospedale di Bergamo. La loro condizione di salute è buona”.

Un nuovo caso di contagio da Coronavirus è stato riscontrato a Bonemerse. Si tratta di un 32enne tornato dal continente asiatico, dove lavorava, e che dopo qualche giorno ha manifestato sintomi simili all'influenza. Le sue condizioni non sono gravi.

A Crema la seconda vittima lombarda Angela Denti Tarzia, classe 1952, era ricoverata nel reparto di Oncologia. Nata a Bagnolo Cremasco, era residente a Trescore Cremasco.

La Regione Lombardia ha comunicato di utilizzare il numero verde 800894545 per informazione sul Coronavirus. Solo per emergenze sanitarie chiamare il 112. Mentre il numero 1500 fornisce informazioni di carattere generale.Si raccomando di diffondere alla cittadinanza il contenuto di questo comunicato.

----------------------------

 Aggiormento domenica 23 febbraio ore 15.30

Asst SORESINA POLO OSPEDALIERO NUOVO ROBBIANI

Resta attiva l’attività salvavita della Dialisi, sono sospese a data da definire tutte le altre attività (Punto prelievi, Consultorio, Neuropsichiatria Infantile)

Si ricorda che le norme comportamentali da adottare sono quelle divulgate in questi giorni anche da Regione Lombardia: per coloro che riscontrino sintomi influenzali o problemi respiratori l’indicazione perentoria è di non recarsi in Pronto Soccorso, ma di contattare direttamente il numero 112 che valuterà ogni singola situazione e attiverà percorsi specifici per il trasporto nelle strutture sanitarie preposte.

Per le informazioni è attivo a livello nazionale un numero dedicato: 1500

Si invitano i cittadini a dare credito alle sole fonti ufficiali, in questo caso è bene consultare il sito di Regione Lombardia www.regione.lombardia.it  o il sito del Ministero della Salute www.salute.gov.it

Per le informazioni è attivo a livello nazionale un numero dedicato: 1500

--------------------------------

ASST DI CREMONA | 23.02.2020 |ore 13.00

OSPEDALE DI CREMONA, GARANTITE TUTTE LE PRESTAZIONI IN URGENZA

L’Ospedale di Cremona è attivo in tutte le sue funzioni e sta garantendo tutte le prestazioni in urgenza.

A scopo cautelativo si consiglia ai visitatori di recarsi in Ospedale solo in caso di reale necessità.

ATTIVE TUTTE LE SEGUENTI ATTIVITA’: Dialisi, Chemioterapia e Radioterapia, TAO (Terapia Anticoagulante),          MAC per Terapie Antibiotiche, SERD (Servizio Dipendenze),CPS (Centro Psicologia di Cremona),Servizio di Medicina Trasfusionale

A SCOPO CAUTELATIVO SONO STATE TEMPORANEAMENTE SOSPESE A DATA DA DEFINIRE TUTTE LE ALTRE ATTIVITA’(I pazienti verranno richiamati appena possibile dagli operatori dell’ASST di Cremona)

Nello specifico sono sospese:Attività chirurgica in elezione (Programmata),Attività di Day Surgery,         Punti Prelievo di Cremona (Ospedale Cremona, Via Dante, Via Bonomelli),Attività Ambulatoriale Ospedaliera (tutte le specialità), Attività Ambulatoriale Territoriale (Consultori, Servizio Vaccinazioni,  Sportelli di Scelta e revoca,  Medicina Legale - Commissione invalidi, patenti e porto d’armi –, Protezione giuridica,

Servizio valutazione e integrazione Fragilità): Centro Servizi, Front office URP (Ufficio Relazioni con il Pubblico),Lezioni e tirocini dei Corsi di Laurea delle professioni sanitarie,Corsi di Formazione Continua,        Convegni,Asilo nido Aziendale

SORESINA POLO OSPEDALIERO NUOVO ROBBIANI: Resta attiva l’attività salvavita della Dialisi. sono sospese a data da definire tutte le altre attività (Punto prelievi, Consultorio, Neuropsichiatria Infantile e attività di piccola chirurgia in elezione)

Si ricorda che le norme comportamentali da adottare sono quelle divulgate in questi giorni anche da Regione Lombardia: per coloro che riscontrino sintomi influenzali o problemi respiratori l’indicazione perentoria è di non recarsi in Pronto Soccorso, ma di contattare direttamente il numero 112 che valuterà ogni singola situazione e attiverà percorsi specifici per il trasporto nelle strutture sanitarie preposte.

Aggiornamento domenica 23 ore 11,30

Monitoraggio CORONAVIRUS a Cremona

*Cremona ore 15 Giunta straordinaria (all’ordine del giorno anche il tema di dare risposte circa la gestione nei prossimi giorni di bambini e ragazzi da parte di genitori lavoratori. Un tema importante se vengono confermate anche nelle prossime ore le misure attualmente in vigore e che stiamo affrontando con categorie economiche e sindacati)

*ore 16.30 Conferenza stampa in Prefettura di Cremona con autorità per un aggiornamento sulla situazione

*ore17.45 Riunione con i capigruppo del Consiglio comunale Cremona

I tre contagiati ricoverati a Cremona e Crema  riportano al lodigiano:  Tutto è riconducibile al comune fantasma di Castiglione d’Adda, il paese del Paziente 1 . Il resto dei ricoverati all’ospedale di Cremona arriva direttamente dalle zone di primo contagio. Lo stesso per l’ospedale di Crema dove tutti i ricoverati per Coronavirus arrivano dal lodigiano, ad eccezione dell’anziano contagiato di Soresina su cui si stanno facendo indagini per capire la dinamica della sua infezione.

Le riflessioni del Sindaco Gianluca Galimberti :Ci siano svegliati in una #cremona comunque diversa oggi. Qualcuno non è nemmeno andato a dormire in queste ore. Abbiamo una tensostruttura davanti all’ospedale che comunque resta attivo e siamo in attesa delle notizie sulle persone contagiate. I musei e i cinema sono chiusi. Le messe non vengono celebrate. Non ci sono manifestazioni ed eventi né pubblici né privati, domani le scuole saranno chiuse, ma NON siamo in isolamento. NON siamo un Comune in quarantena perché escluso dalla zona rossa (secondo le indicazioni di Ministero e Regione) ma questo Coronavirus sicuramente ci segna nel quotidiano e non solo.

Sono già in contatto con l’Ats per avere notizie e oggi ho convocato un’altra Giunta straordinaria.

‼ï¸Â Come Sindaco e come cittadino vi chiedo di attenervi anche oggi alle disposizioni che daremo in sinergia con Prefettura, Ats, Regione e Ministero con la massima scrupolosità ma senza allarmismi.

In caso di sintomi è importante non recarsi al Pronto Soccorso ma chiamare il 112 o contattare il medico di base. E per informazioni é attivo il numero 1500.

Sono giorni difficili, siamo tutti preoccupati, ma riusciremo a venirne fuori. Cremona e i cremonesi sono forti. Stiamo uniti, non trasformiamo tutto in polemica, e ci riusciremo!

DAREMO ANCHE OGGI AGGIORNAMENTI DA QUESTA PAGINA. Aiutateci a diffondere le corrette informazioni!

---------------------

Prefettura Cremona Terminato il terzo Comitato in merito all’aggiornamento dei casi del nuovo Coronavirus che ha interessato anche questa Provincia nelle giornate di ieri e di oggi e la situazione non è sostanzialmente cambiata.

 Le Autorità Sanitarie locali hanno rassicurato che tutti i dispositivi e tutte le scelte e i provvedimenti assunti dai sindaci del cremonese e del cremasco sono idonei a fronteggiare l’emergenza anche perché di ora in ora il livello di attenzione del problema subisce delle mutazioni.

La drasticità delle misure valgono per la “zona rossa” ovvero per l’area del lodigiano e quindi dei dieci comuni che da ieri sono stati destinatari di un’ordinanza del Ministero della Salute che prevede una serie di limitazioni e in particolare che i residenti in quei siti non devono effettuare spostamenti dalle loro abitazioni.

L’attenzione resta sempre alta e soprattutto per le scuole, l’Ufficio Scolastico Territoriale ha disposto di inibire a tutto il personale ATA degli Istituti Scolastici di ogni ordine e grado, l’accesso ai locali delle medesime scuole, nei giorni del 24 e del 25 febbraio 2020 e, pertanto, si stabilisce la chiusura totale delle scuole in tutto il territorio provinciale.

La raccomandazione che viene rivolta alla popolazione è di evitare gli assembramenti, per lungo tempo, di persone in luoghi ristretti; per quanto concerne le realtà economiche e produttive non si intravedono al momento elementi tali che possano portare ad una chiusura di imprese o di esercizi commerciali, così come già avvenuto per la zona della bassa lodigiana colpita ieri dal nuovo Coronavirus.

-----------------------------

Cremona Prevenzione nuovo coronavirus, disposte ulteriori misure a scopo precauzionale: Fermo restando l'annullamento delle manifestazioni e degli eventi pubblici in programma su aree pubbliche o all'interno di musei e teatri, nonché di tutte le manifestazioni e le attività sportive non professionistiche promosse da federazioni, enti, associazioni e società sportive, il Sindaco, con un supplemento all’ordinanza emessa in mattinata, ha disposto il divieto di organizzare eventi, manifestazioni, feste, anche connesse al Carnevale, proiezioni cinematografiche, appuntamenti formativi che comportino un considerevole afflusso di persone in misura significativamente maggiore rispetto all'attività ordinaria, nonché la chiusura al pubblico dei musei cittadini e delle sale di rappresentanza di Palazzo Comunale.

Nell’ordinanza il Sindaco raccomanda, per quanto riguarda i luoghi generali caratterizzati da afflusso di pubblico, in linea con le indicazioni ministeriali, di garantire grande attenzione all'igiene degli ambienti e a fornire alle persone anche strumenti di pulizia delle mani. L’ordinanza emessa rimane in vigore sino a successiva revoca.

La decisione è stata presa sulla scorta delle valutazioni emerse in sede di Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica riunitosi nuovamente nel pomeriggio in Prefettura rispetto alla diffusione del nuovo cornavirus sul territorio della provincia di Cremona, nonché tenendo conto dell’opportunità di adottare misure precauzionali atte, a fronte di una situazione di natura straordinaria, a tutelare al massimo la salute dei cittadini.

Coloro che riscontrano sintomi influenzali o problemi respiratori non devono andare al pronto soccorso, ma devono chiamare il numero 112 che valuterà ogni singola situazione e spiegherà che cosa fare. Per informazioni generali si può chiamare il 1500, numero di pubblica utilità attivato dal Ministero della Salute.

Si consiglia inoltre i siti del Ministero della Salute, di Regione Lombardia e dell’ATS Val Padana dove è possibile trovare informazioni dettagliate.

--------------------------

CREMONA Nuovo coronavirus: aggiornati i capigruppo consiliari sulla situazione  Il Presidente del Consiglio Comunale Paolo Carletti con il Sindaco Gianluca Galimberti, dopo gli incontri tenuti in Prefettura e le riunioni straordinarie della Giunta comunale, nel tardo pomeriggio di oggi, hanno voluto informare direttamente tutti i capigruppo consiliari sulla situazione in città a seguito dei provvedimenti presi per evitare la diffusione del nuovo coronavirus, in modo da rappresentare l’esatto quadro della situazione.

Aggiornamento sabato 22 ore 18.30

Il Sindaco Gianluca Galimberti comunica le ultime DISPOSIZIONI CHE RESTANO IN VIGORE A CREMONA FINO A NUOVA ORDINANZA - aggiornamento delle 18.30 dopo un nuovo Cosp in Prefettura

1.)chiusura scuole e università

2.)annullamento di manifestazioni ed eventi pubblici in programma su aree pubbliche o all’interno di teatri

3.)annullamento di tutte le manifestazioni e attività sportive non professionistiche promosse da federazioni, enti associazioni e società sportive

4.)divieto di organizzare eventi, appuntamenti formativi, manifestazioni, feste, anche connesse al Carnevale, che comportino un significativo afflusso di pubblico, comprese proiezioni cinematografiche e funzioni religiose in accordo con la Diocesi

5.)chiusura al pubblico dei musei cittadini e delle sale di rappresentanza di Palazzo Comunale.

Per i luoghi caratterizzati da grandi afflussi di persone come i centri commerciali, si raccomanda una grande attenzione all’igiene degli ambienti e di fornire alle persone strumenti di pulizia delle mani.

Non ci sono al momento misure disposte da Regione Lombardia e Ministero che riguardano la chiusura di centri commerciali, esercizi pubblici e imprese. Su questo abbiamo appena incontrato Camera di commercio e sindacati con cui ci rivedremo insieme al Prefetto nelle prossime ore per un punto della situazione.

---------------------------

ASST L’OSPEDALE DI CREMONA E’ ATTIVO, GARANTITE TUTTE LE PRESTAZIONI IN URGENZA L’Ospedale di Cremona è attivo in tutte le sue funzioni e sta garantendo tutte le prestazioni in urgenza. A scopo cautelativo si consiglia ai visitatori di recarsi in Ospedale solo in caso di reale necessità.

DUE I CASI ACCERTATI NEL CREMONESE Come confermato nella conferenza stampa del primo pomeriggio dall’Assessore Giulio Gallera, sono due i casi di Coronavirus accertati della provincia di Cremona (Comuni di Pizzighettone e Sesto ed Uniti). Attualmente in Ospedale a Cremona sono ricoverati altri tre pazienti provenienti dal lodigiano. I pazienti si trovano presso l’Unità Operativa di Malattie Infettive. Le loro condizioni sono discrete e stabili.

ALLESTITA LA TENDA DA CAMPO PER IL PRE-TRIAGE DI PRONTO SOCCORSO In collaborazione con la Protezione Civile, davanti all’ingresso principale dell’Ospedale di Cremona è stata allestita una tenda da campo che fungerà da punto di accoglienza (pre-triage di Pronto Soccorso) gestito da operatori sanitari dell’ASST di Cremona. Ciò al fine di potenziare la zona filtro e diversificare correttamente i percorsi di assistenza in sicurezza.

A SCOPO CAUTELATIVO SONO STATE TEMPORANEAMENTE SOSPESE (A DATA DA DEFINIRE) LE SEGUENTI ATTIVITÀ: Lezioni e tirocini dei Corsi di Laurea delle professioni sanitarie, Corsi di Formazione Continua,     Convegni, Asilo nido Aziendale, Attività ambulatoriale di Pneumologia,Attività chirurgica in elezione (Programmata), Attività di Day Surgery

Si ricorda che le norme comportamentali da adottare sono quelle divulgate in questi giorni anche da Regione Lombardia: per coloro che riscontrino sintomi influenzali o problemi respiratori l’indicazione perentoria è di non recarsi in Pronto Soccorso, ma di contattare direttamente il numero 112 che valuterà ogni singola situazione e attiverà percorsi specifici per il trasporto nelle strutture sanitarie preposte.

Per le informazioni è attivo a livello nazionale un numero dedicato: 1500

Si invitano i cittadini a dare credito alle sole fonti ufficiali, in questo caso è bene consultare il sito di Regione Lombardia www.regione.lombardia.it  o il sito del Ministero della Salute www.salute.gov.it

UOS Comunicazione | ASST di Cremona

------------------------------------------

Aggiornamento sabato 22 ore 16.30

CORONA VIRUS L’OSPEDALE DI CREMONA E’ ATTIVO  : consigliato l’accesso solo in caso di reale necessità. Si entra esclusivamente dall’ingresso principale (Largo Priori 1) L’Ospedale di Cremona è attivo in tutte le sue funzioni e sta garantendo tutte le prestazioni in urgenza. A scopo cautelativo si consiglia ai visitatori di recarsi in Ospedale solo in caso di reale necessità. Attualmente si accede all’Ospedale di Cremona solo dall’ingresso principale di Largo Priori 1, ciò allo scopo di garantire la migliore gestione possibile del flusso di persone in entrata e uscita. Questo vale sia per gli automezzi che per i pedoni. Si ricorda che le norme comportamentali da adottare sono quelle divulgate in questi giorni anche da Regione Lombardia: per coloro che riscontrino sintomi influenzali o problemi respiratori l’indicazione perentoria è di non recarsi in Pronto Soccorso, ma di contattare direttamente il numero 112 che valuterà ogni singola situazione e attiverà percorsi specifici per il trasporto nelle strutture sanitarie preposte. Per le informazioni è attivo a livello nazionale un numero dedicato: 1500

Si invitano i cittadini a dare credito alle sole fonti ufficiali, in questo caso è bene consultare il sito di Regione Lombardia www.regione.lombardia.it  o il sito del Ministero della Salute www.salute.gov.it

Un ringraziamento particolarmente sentito dalla Direzione strategica a tutti gli operatori sanitari, tecnici e amministrativi che si stanno prodigando per far fronte alla situazione con professionalità e instancabile dedizione.

UOS Comunicazione | ASST di Cremona

------------------------ 

Sindaco Gianluca Galimberti: Terminata anche la riunione in Prefettura. La situazione è grave. Estendiamo la sospensione degli eventi anche a quelli privati e disponiamo la chiusura dei Musei cittadini.

Per eventuali altre misure che riguardano centri commerciali, pubblici esercizi, imprese, abbiamo chiesto di avere a brevissimo una precisa indicazione dalla Cabina di Regia costituita da Regione Lombardia e Ministero.

L’attenzione e l’impegno sono massimi. Per evitare allarmismi ed essere efficaci nella prevenzione e nella tutela della salute, servono misure e risposte ai cittadini che siano coordinate e che tengano in considerazione il quadro regionale e nazionale.

Tra mezz’ora un’altra Giunta straordinaria. Poi incontriamo Camera di commercio e sindacati e riuniamo i capigruppo in Consiglio comunale.

Condividiamo le disposizioni prese in accordo con Ats, Prefettura, Regione e Ministero. È importante essere compatti per ottenere i massimi risultati pensando innanzitutto alla salute dei cittadini!

---------------------

Aggiornamento sabato 22 ore 14.30

Riunione in Prefettura di Cremona Come in programma,  alle ore 12.00 di oggi,  22 febbraio 2020,  si è svolto, presso questa Prefettura,  il preannunciato vertice per fare il “punto della situazione” ed acquisire gli ultimi aggiornamenti in merito ai casi sospetti del nuovo Coronavirus 2019-nCov che, nella giornata di ieri, hanno destato allarme e preoccupazione  anche nella provincia di Cremona: infatti, l’attenzione è  soprattutto rivolta ad alcuni Comuni  delle zone limitrofe del comune Capoluogo e  del cremasco che risultano ad una distanza ravvicinata dall’area lodigiana interessata da situazioni sanitarie di contagio  da parte di alcuni cittadini di quella provincia.

Alla presenza del Prefetto, Dott. Vito Danilo Gagliardi, sono stati convocati nuovamente i rappresentanti delle Forze dell’Ordine, dei Vigili del Fuoco, delle Autorità Sanitarie delle aree cremonesi (con competenza anche per Casalmaggiore) e cremasca, nonché il responsabile del Servizio Emergenza 118, il Vice Dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale e il Vice Comandante del X° Reggimento Genio Guastatori di Cremona. Convenuti anche i Sindaci dei Comuni di Cremona, Crema e Casalmaggiore, nonché altri primi cittadini, quali in particolare, il Sindaco di Pizzighettone.

Il responsabile della Task Force ha comunicato che sono due finora i casi accertati nel cremonese: una donna di Sesto Cremonese e un uomo di Pizzighettone.

A tale proposito, il Dott. Piro ha assicurato che la loro attività sta procedendo da questa notte e sta continuando in maniera incessante.

Il suddetto Dottore ha ribadito che è possibile inviare un’e-mail di richiesta informazioni all’indirizzo: sorveglianza.sanitaria@ats –valpadana.it.

Sempre il dott. Piro ha comunicato la stessa ATS Valpadana è in procinto di aggiornare nuovamente la nota già inviata a tutti i medici, come per quelli di medicina generale, dove si danno tutte le indicazioni del caso, fermo restando quanto già previsto dalle circolari del Ministero della Salute del 3 febbraio 2020 e la disposizione dello stesso Dicastero presa d’ Intesa con il Presidente della Regione Lombardia in data 21 febbraio 2020.

Il Sindaco di Cremona ha emesso, nella tarda serata di ieri, un’apposita ordinanza che prevede la chiusura delle scuole, di ogni ordine e grado, almeno per un periodo di 14 giorni; a seguire ha, altresì, sospeso, a titolo precauzionale le manifestazioni sportive locali, tutti gli eventi pubblici, anche quelli organizzati per festeggiare il Carnevale, nonchè il mercato settimanale.

A Crema, il Sindaco ha sospeso il Carnevale cremasco e ogni altra manifestazione sportiva locale. Per le scuole si riserva una successiva valutazione.

Al riguardo, il Vice Dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale  comunicherà che tutte le scuole di ogni ordine e grado dell’intero territorio cremonese saranno interdette all’accesso, non solo per gli studenti ma anche per tutto il personale che presta ivi servizio.

Il messaggio, condiviso da tutti i presenti - che deve arrivare alla popolazione dell’intero territorio cremonese -  deve essere chiaro: la situazione è sotto controllo da parte di tutte le autorità, soprattutto quelle sanitarie, che hanno rassicurato e garantito di aver preso tutte le precauzioni, adottati i dispositivi  di sicurezza, nonché  applicati  i protocolli sanitari operativi allo scopo di fronteggiare l’emergenza in parola e di evitare situazioni di pericolo o di rischio per le comunità. 

L’invito, si ribadisce ancora una volta, al momento è rivolto alle persone provenienti dai territori in cui sono stati accertati casi di Coronavirus, ovvero quelle persone devono evitare di spostarsi sul nostro territorio.

L’indicazione  perentoria, fino a quando non si avranno ulteriori direttive o informazioni da parte della Regione Lombardia, è quella di non recarsi in Ospedale anche se si avvertono sintomi influenzali e respiratori, ma di contattare per informazioni generiche il numero telefonico 1500 e il 112 solo per emergenze, affinché possa essere valutata, telefonicamente ogni singola situazione e gli operatori del 112 valuteranno ogni singolo caso e attiveranno percorsi sanitari specifici  per  trasportare, con  ambulanze speciali,  le persone “sospette” nelle strutture sanitarie ad hoc oppure al fine di eseguire a domicilio i test necessari. Il personale medico è stato dotato di appositi indumenti protettivi.

E’ importante, dunque, evitare allarmismi e attenersi alle indicazioni della Regione Lombardia, dell’ATS-Valpadana e della Prefettura dove, dalla giornata di ieri, è stata costituita una Task Force, coordinata dal Prefetto con lo scopo di fornire indicazioni utili ai cittadini e a tutti coloro che abbiano necessità di informazioni.

Il Prefetto ha evidenziato che per quanto riguarda l’Ospedale di Cremona agli accessi dalle ore 19.00 di oggi e sine die verrà garantito un servizio di assistenza sanitaria ampliata ed idonea per evitare intasamenti creati da cittadini colti da panico e ansia senza reali motivazioni sanitarie. Questo servizio sarà supportato a garanzia della sicurezza degli operatori dalla presenze di Forze di Polizia qualificate.

Il Presidente della Provincia al riguardo informa che presso l’Ospedale di Cremona, antistante al parcheggio, sono state allestite dalla Protezione Civile apposite tende a supporto di tutta la popolazione che abbia bisogno di qualsiasi necessità:

Alle ore 15.30 ci sarà un ulteriore aggiornamento al fine di fornire ulteriori indicazioni alla luce di quanto deciso dalla Regione Lombardia dove è in corso una conferenza stampa.

Aggiornamento sabato 22 ore 14

Gianluca Galimberti ci aggiorna: “Ho finito la riunione con i sindaci del Distretto cremonese in Comune per coordinare - per ciò che compete ai sindaci - le azioni di prevenzione sul Coronavirus. La chiusura delle scuole e la sospensione degli eventi verrà estesa al territorio. Ora vado in Prefettura per una nuova riunione. In quella sede valuteremo insieme a Ats, Regione Lombardia e Ministero eventuali altre misure. E oggi pomeriggio altra Giunta straordinaria. Resta valida questa indicazione: per coloro che riscontrino sintomi influenzali o problemi respiratori l’indicazione perentoria è di non recarsi in Pronto Soccorso, ma di contattare direttamente il numero 112 che valuterà ogni singola situazione e attiverà percorsi specifici per il trasporto nelle strutture sanitarie preposte”.

Seconda Ordinanza Sindaco Cremona Questa mattina Gianluca Galimberti ha emesso una seconda ordinanza contingibile ed urgente con la quale dispone l'annullamento delle manifestazioni e di eventi pubblici in programma su aree pubbliche o all'interno di musei e teatri, nonché di tutte le manifestazioni e le attività sportive non professionistiche promosse da federazioni, enti, associazioni e società sportive fino a successiva revoca.

Il provvedimento è stato preso tenendo conto degli sviluppi e delle notizie relative alla diffusione del nuovo coronavirus nei territori dei Comuni di Codogno, Casalpusterlengo e di altri Comuni di cintura, distanti pochissimi chilometri da Cremona, nonché nel Comune di Sesto ed Uniti, e naturalmente sulla base delle valutazioni emerse in sede di Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica del 21 febbraio.

L’ordinanza è stata predisposta inoltre a seguito dei contatti avuti, e tutt'ora in corso, con la Prefettura di Cremona, l'Assessorato Regionale alla Sanità e la Direzione di ATS Val Padana rispetto alla situazione attuale, attenendosi alle indicazioni ricevute, nonché alle interlocuzioni informali, in particolare con l'Assessorato alla Sanità di Regione Lombardia, a seguito delle quali è stata prefigurata l'opportunità di adottare misure precauzionali in modo da porre immediato rimedio ad una situazione di natura straordinaria per tutelare al massimo la salute dei cittadini.

Terminata la riunione in corso in Comune dei sindaci del Distretto Cremonese, alle 12 il Sindaco parteciperà in Prefettura al Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica.

Aggiornamento sabato 22 ore 12:

Altri quattro casi sospetti sono attualmente in fase di verifica

Il secondo contagiato risulta residente a Pizzighettone. La contagiata di Sesto Cremonese è invece una donna che lavora in una azienda della città, che è stata chiusa.

Intanto il sindaco Luca Moggi di Pizzighettone ha emesso il seguente comunicato: "In virtù delle notizie apprese dai canali ufficiali e dai media, rispetto al focolaio di Coronavirus sviluppatosi nel territorio lodigiano, mi sono immediatamente attivato nella giornata di ieri per contattare i colleghi sindaci, Francesco Passerini di Codogno e Dante Sguazzi di Maleo, nonchè la Prefettura di Cremona per avere aggiornamenti. Nel pomeriggio di ieri, sentiti i funzionari prefettizi, non si sono disposte prescrizioni particolari per il nostro territorio, anche se alle ore 17.00 è stato convocato un incontro al quale sono stati invitati i principali Comuni della Provincia di Cremona (Cremona, Crema e Casalmaggiore) alla presenza di ATS Valpadana e delle autorità competenti in materia di salute”

STOP al Carnevale I rispettiivi sindaci cancellano  le sfilate di carnevale di  Crema, Soresina e Catelleone di domenica 23

Anche il vescovo di Cremona esorta ad adottare prudenza per  il Coronavirus. In via precauzionale sono stati chiusi gli oratori di Sant’Ilario, Sant’Agostino e Sant’Agata. E’ stata inoltre inviata ai parroci la disposizione di tenere una certa prudenza durante le celebrazioni: vietato lo scambio della pace, e verrà tolta l’acqua benedetta dalle acquasantiere. Anche i festeggiamenti di Carnevale sono stati sospesi.

Chiuso il mercato di Cremona L’allarme Coronavirus, che ha travolto la città dopo la conferma del primo caso accertato, mentre altri quattro casi sospetti sono attualmente in fase di verifica. Il pronto soccorso cittadino è costantemente preso d’assalto da cittadini preoccupati, così come le farmacie, dove ormai sono esaurite mascherine e disinfettante per le mani. Intanto le autorità sanitarie stanno prendendo i contatti con tutti i colleghi della ragazza contagiata a Sesto, che lavorava in un’azienda di Cremona, per sottoporli alle analisi di prassi.

Aggiornamento sabato 22 febbraio  ore 11.

Il sindaco Gianluca Galimberti scrive su sui profilo fb: ‘Stamattina abbiamo fatto una riunione straordinaria di Giunta in Comune. A seguito dell’evolversi della situazione, a scopo prevenivo e cautelare, in accordo e in contatto con Regione Lombardia, Ats e Prefettura, abbiamo deciso di sospendere gli eventi sportivi e culturali in programma sul nostro territorio fino a nuova ordinanza di revoca.Alle 12 abbiamo un’altra riunione in Prefettura e in sinergia con gli enti preposti valuteremo altre eventuali misure sempre a tutela dei cittadini’.

Assemblea AVIS  rinviata In relazione all’emergenza sanitaria del momento, si informa che è stata rimandata, a data da destinarsi, l’assemblea Ordinaria dell’AVIS DI Cremona, in programma per Domenica 23 febbraio 2020.

Aggiornamento sabato 22 febbraio  ore 7: 

Il sindaco Gianluca Galimberti scrive su FB :”In merito al caso di Coronavirus a Cremona sono in contatto costante con Ats e Regione Lombardia (ho già parlato con l’Assessore Giulio Gallera) che stanno verificando la situazione e si stanno coordinando con il Ministero per adottare anche qui in città eventuali altre misure preventive alla luce dell'evoluzione degli eventi e in coerenza con le indicazioni del Ministero stesso. L’invito in ogni caso è sempre quello di seguire i comportamenti preventivi suggeriti dal Ministero. Resta valida l’indicazione in caso di emergenza di non recarsi al Pronto Soccorso ma di rivolgersi al 112.”

Chiusura tutte le scuole: Questa mattina il Sindaco Gianluca Galimberti ha emesso una Ordinanza contingibile ed urgente (allegata) con la quale dispone la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado ed università, sia pubbliche che private, fino a revoca del provvedimento. Il provvedimento è stato preso in considerazione delle valutazioni emerse in sede di Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica di ieri rispetto alla diffusione della patologia definita coronavirus sul nostro territorio per porre immediato rimedio ad una situazione di natura straordinaria, al fine di tutelare al massimo la salute dei cittadini.

Aggiornamento sabato 22 febbraio ore 1,30 :

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - Un nuovo caso di positività al coronavirus è stato registrato in Lombardia. E' il 16/mo nella Regione e il 18/mo accertato in tutta Italia, compreso il 78enne morto ieri sera in Veneto. Secondo quanto si apprende da fonti sanitarie, il nuovo positivo al virus è un paziente ricoverato da qualche giorno all'ospedale di Cremona.    

La prima contagiata è di Sesto Cremonese : La ferale notizia è giunta alla mezzanotte e mezza con una telefonata al sindaco Francesca Maria Viccardi dal direttore generale dell'Ats: "Abbiamo rilevato un caso di Coronavirus sul territorio di Sesto". Il primo cittadino ha fatto stampare subito un avviso che ha pubblicato su Facebook e diffuso in bar e negozi invitando per precauzione la popolazione

Aggiornamento venerdì 21 febbraio ore 23

Nella notte di ieri, 21 febbraio 2020, è stato accertato un caso di Coronavirus su paziente ricoverato all’Ospedale di Cremona. Da subito sono state applicate le procedure di sicurezza per pazienti e operatori, attraverso il coordinamento sinergico di Direzione strategica, Direzione Medica, il DAPS (Direzione Assistenziale Professioni Sanitarie), i primari e le équipe medico infermieristiche del Dipartimento di Urgenza Emergenza e di Malattie Infettive.

L’OSPEDALE DI CREMONA E' ATTIVO. A SCOPO CAUTELATIVO, SI CONSIGLIA AI VISITATORI DI ACCEDERVI SOLO IN CASO DI REALE NECESSITA'.

Le norme comportamentali da adottare sono quelle divulgate in questi giorni anche da Regione Lombardia: per coloro che riscontrino sintomi influenzali o problemi respiratori l’indicazione perentoria è di non recarsi in Pronto Soccorso, ma di contattare direttamente il numero 112 che valuterà ogni singola situazione e attiverà percorsi specifici per il trasporto nelle strutture sanitarie preposte. Per le informazioni è attivo a livello nazionale un numero dedicato: 1500 Si invitano i cittadini a dare credito alle sole fonti ufficiali, in questo caso è bene consultare il sito di Regione Lombardia www.regione.lombardia.it o il sito del Ministero della Salute www.salute.gov.it

ASST di Cremona - Azienda Socio - Sanitaria Territoriale

https://www.asst-cremona.it/

Aggiornamento venerdì 21 febbraio ore 20 :

OBBLIGO DI RESTARE A CASA PER GLI STUDENTI DEI COMUNI LODIGIANI CHE FREQUENTANO GLI ISTITUTI SCOLASTICI CREMONESI La comunicazione del dirigente dell’Ufficio scolastico territoriale di Cremona, Fabio Molinari, dopo la riunione in Prefettura Il dirigente dell’Ufficio scolastico territoriale di Cremona, Fabio Molinari, a seguito della riunione che si è tenuta oggi presso la Prefettura di Cremona, comunica che gli studenti, i docenti ed il personale Ata delle scuole che risiedono nei comuni di Castiglione D’Adda, Casalpusterlengo, Codogno, Bertonico, Fombio, Maleo, Somaglia , Terranova de’ Passerini, San Fiorano  devono rimanere a casa fino a nuove indicazioni.

Riunione prefettura : E' terminato da poco in Prefettura il Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica sul nuovo Coronavirus. Le autorità sanitarie regionali e locali si stanno adoperando per approfondire i casi e circoscrivere eventuali fonti di contagio. Il Sindaco Gianluca Galimberti, che ha partecipato alla riunione, dichiara che il Comune di Cremona è al lavoro per informare su misure preventive necessarie a tutela dei cittadini. Domani si terrà una riunione con i sindaci del Distretto Cremonese per coordinare le azioni e si terrà di nuovo il Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica. D’accordo con ATS Val Padana, il Sindaco invita le persone provenienti dalle località in cui sono stati accertati casi di nuovo Coronavirus a non spostarsi sul nostro territorio. L’attenzione è e resterà molto alta anche nei prossimi giorni. Il Sindaco chiede a tutti di evitare allarmismi e di attenersi alle indicazioni di ATS, Regione Lombardia, Prefettura e Ministero della Salute. Per chi ha sintomi influenzali o problemi respiratori e ha bisogno di una diagnosi non deve in alcun caso recarsi al Pronto Soccorso, ma rivolgersi al 112. Il numero verde 1500 è utile per approfondire informazioni e conoscere adeguati comportamenti preventivi diffusi dal Ministero. Per dettagli sul nuovo Coronavirus si può consultare anche l'apposita sezione sul sito di Regione Lombardia:

https://www.regione.lombardia.it/wps/portal/istituzionale/HP/DettaglioRedazionale/servizi-e-informazioni/cittadini/salute-e-prevenzione/prevenzione-e-benessere/coronavirus-decalogo-ministero

(vedi in allegato comunicato Prefettura)

#cremonacoronavirus

 

Allegati Pdf:

Allegato PDF 1

7998 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online