Martedì, 19 ottobre 2021 - ore 06.43

Alla Scala ''Madina'', violenza sulle donne e fanatismo

Prima assoluta da romanzo de Villepin. Bolle cattivo e con barba

| Scritto da Redazione
Alla Scala ''Madina'', violenza sulle donne e fanatismo

"Questo per me è un ruolo davvero nuovo, diverso da tutti quelli finora interpretati, cattivo, violento, crudele, ma è una grande sfida che ho accettato subito". Lo ha detto Roberto Bolle alla presentazione di 'Madina', appuntamento del balletto della Scala, in cartellone da venerdì 1 ottobre.

Una prima assoluta, coreografia di Mauro Bigonzetti, composizione di Fabio Vacchi su libretto di Emmanuelle de Villepin, tratto dal romanzo La ragazza che non voleva morire. .

    Tra i protagonisti l'étoile della Scala (che per il ruolo si è fatto crescere anche la barba) nella parte di Kamzan, capo dei ribelli di un Paese invaso e zio di Madina, giovane violentata dalle truppe di occupazione, che lui spinge a diventare una kamikaze. Dal romanzo originale, ambientato in Cecenia, sono stati tolti quasi tutti i riferimenti temporali e geografici, ha spiegato Vacchi, "per rendere la storia più emblematica e universale".

    "Può essere qualunque luogo del mondo dove le inciviltà si scontrano e la violenza chiama altra violenza e ancora altra violenza - ha detto -. Ci sono fanatismo di tipo politico, religioso, ma anche estetico. E poi il tema della violenza sul corpo femminile è di grande attualità anche nella nostra civiltà che si ammanta di valori democratici". Nel ruolo di Madina, la giovane donna che alla fine sceglierà di non uccidere, Antonella Albano.

    L'allestimento non è solo un lavoro di danza, come ha spiegato il sovrintendente Dominique Meyer. "Questo spettacolo così importante è una novità assoluta per quanto riguarda musica e coreografia - ha detto -. Non si può classificare come balletto o pezzo di opera o di teatro. E' un oggetto non identificato". "È stato dato movimento, un corpo al mio libro", ha aggiunto la scrittrice. Sul palcoscenico risuona infatti la voce narrante dell'attore Fabrizio Falco e quella dei cantanti Anna Doris Capitelli e Chianti Wang. (ANSA).

 

 
127 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria