Domenica, 17 dicembre 2017 - ore 22.36

Amnesty Velocizzare le procedure d’appello dei richiedenti asilo

Commentando la proposta di conclusione del Consiglio europeo sulla necessità di velocizzare le procedure d’appello dei richiedenti asilo in Grecia allo scopo di aumentare le espulsioni dalle isole greche verso la Turchia, ai sensi dell’accordo tra questo paese e l’Unione europea, Amnesty International ha dichiarato che siamo di fronte a un profondo disprezzo per la vita umana e a una minaccia alle procedure d’asilo nel loro complesso.

| Scritto da Redazione
Amnesty Velocizzare le procedure d’appello dei richiedenti asilo

“Se si trattasse di accorciare i lunghi periodi d’incertezza cui vanno incontro i richiedenti asilo, saremmo d’accordo. Ma l’obiettivo è solo di riempire più navi dirette in Turchia nella totale assenza di compassione. Si preferisce la quantità alla qualità mentre sarebbe necessario essere sicuri che nessuna persona la cui vita o i cui diritti siano a rischio venga rimandata in Turchia” – ha dichiarato Iverna McGowan, direttrice dell’ufficio di Amnesty International presso le istituzioni europee.

“Tutti concentrati sulla fretta di espellere un maggior numero di persone in tempi più rapidi, i leader europei omettono di menzionare le terribili condizioni, di cui sono stata testimone diretta, in cui i richiedenti asilo sono costretti a vivere negli hotspot delle isole greche” – ha aggiunto McGowan.

“L’inverno è alle porte e a causa del sovraffollamento e della mancanza di igiene, le condizioni sono destinate a peggiorare rapidamente se le cose non   cambieranno. Invece di pensare a rimandare rifugiati in Turchia, i leader europei dovrebbero destinare le loro energie alla condivisione delle responsabilità in materia di rifugiati e a ricollocarli nei paesi dell’Unione europea” – ha concluso McGowan.

511 visite

Articoli correlati