Venerdì, 14 giugno 2024 - ore 07.47

Amri Investigatori tedeschi a Milano

Le indagini delle Procure di Milano e Monza cercano di far luce sull'arrivo in Italia dell'uomo ritenuto responsabile dell'attentato di Berlino. Nel capoluogo lombardo anche inquirenti arrivati dalla Germania

| Scritto da Redazione
Amri  Investigatori tedeschi a Milano

Proseguono a ritmo serrato le indagini su Anis Amri, il tunisino autore della strage di Berlino rimasto ucciso in un conflitto a fuoco con gli agenti di polizia a Sesto San Giovanni alle porte di Milano. A cercare di far luce sul suo arrivo in Italia e soprattutto su eventuali complici o appoggi nel nostro Paese, le procure di Milano e Monza. E oggi sono arrivati in Italia anche gli investigatori tedeschi che, nella Questura del capoluogo lombardo, hanno incontrato i dirigenti della Digos meneghina.

 Indagini sulla pistola - Al centro del vertice, in particolare, le verifiche sulla pistola calibro 22 con cui Amri ha sparato, ferendolo, all'agente Christian Movio che oggi è stato dimesso dall'ospedale San Gerardo di Monza dove ieri è stato operato per l'estrazione del proiettile.

Lo scopo degli accertamenti è quello di verificare se è la stessa che l'uomo aveva con sé in Germania e che ha colpito anche il camionista polacco al quale il tunisino ha sottratto il Tir utilizzato per la strage. Da capire anche come l'attentatore sia riuscito a varcare almeno due confini, armato e apparentemente senza documenti. All'attenzione degli inquirenti anche una scheda telefonica, inutilizzata, in possesso di Amri.

 Si indaga su eventuali complici -  E si cerca di capire se nei suoi spostamenti abbia potuto incontrare qualcuno o se avesse un appuntamento

989 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online