Sabato, 25 maggio 2024 - ore 18.52

Bergamo APERTURA DI CASA SUARDI: CHE LA FESTA ABBIA INIZIO

Lo spettacolo in Piazza Vecchia venerdì 15 marzo alle 17.00. A seguire, un weekend alla scoperta degli archivi storici

| Scritto da Redazione
Bergamo APERTURA DI CASA SUARDI: CHE LA FESTA ABBIA INIZIO

Bergamo APERTURA DI CASA SUARDI: CHE LA FESTA ABBIA INIZIO.

Lo spettacolo in Piazza Vecchia venerdì 15 marzo alle 17.00. A seguire, un weekend alla scoperta degli archivi storici.

 E’ (quasi) tutto pronto per l’apertura di Casa Suardi. Una festa della città e per i cittadini che l’Amministrazione ha voluto realizzare per condividere l’importanza e la bellezza ritrovata di questo luogo.

 LA FESTA E IL PROGRAMMA DEL WEEKEND

La cerimonia prevede uno spettacolo curato dal Teatro tascabile di Bergamo e, dopo il taglio del nastro, l’opportunità di visitare le sale espositive della sede, i locali di fruizione dei servizi e, eccezionalmente, i locali-deposito nei quali è conservato il patrimonio di documenti dell’Archivio storico comunale dal 1100 al 1950, quello proveniente dagli archivi di alcuni architetti, da materiali iconografici e testimonianze della storia di Bergamo.

Animano la visita alcune incursioni musicali a cura degli studenti del Conservatorio Gaetano Donizetti del Politecnico delle Arti di Bergamo.

 Affidato al Teatro tascabile di Bergamo, l’evento, che prenderà il via alle 17.00 di venerdì 15 marzo, consiste in uno spettacolo-festa di piazza dal ritmo allegro e incalzante, un momento di “gioia pubblica” per salutare la nuova destinazione di Casa Suardi.

Lo spettacolo prevede la partecipazione diretta dei cittadini, adulti o bambini, presenti in Piazza Vecchia. Una festa collettiva che intende celebrare la funzione pubblica di Casa Suardi e recuperare il senso di appartenenza alla comunità.

 Un Arlecchino ospite in città racconterà, dalle finestre delle Biblioteca Angelo Mai, la storia di Casa Suardi e dell’Archivio storico mentre, dal cielo, pioveranno “stampe antiche” che uniranno simbolicamente i due palazzi inondando la piazza e gli spettatori.

Sarà uno spettacolo magico che vedrà il coinvolgimento attivo del pubblico presente e la partecipazione straordinaria di Claudia Contin Arlecchino, de Il circolo dei Narratori. Associazione Il Cerchio di Gesso APS, del Gruppo Scout Torre Boldone - reparto Pegaso, di Luca Piallini, Stefano Ulivieri, Teatrandum Associazione Culturale, Teatro Potlach, Teatro tascabile di Bergamo.

La regia è affidata al Teatro tascabile di Bergamo

Un ringraziamento speciale alle bambine, ai bambini e agli abitanti di Città Alta; al Conservatorio Gaetano Donizetti; al personale della Biblioteca Angelo Mai; all’Associazione Amici della Mai; alla Commissione biblioteca ed i volontari individuati dal CSV Bergamo tramite una call specifica.

 Il programma proseguirà con l’apertura al pubblico di Casa Suardi anche sabato 16 e domenica 17 marzodalle 10 alle 17, con l’esposizione di alcuni tra i pezzi più significativi conservati.

L’accesso sarà libero sia in Casa Suardi sia a Palazzo Nuovo.

 Nella giornata di sabato 16dalle ore 9.30 alle 12.30, il Salone Furietti in Palazzo Nuovo ospiterà una Giornata di studi dal titolo Casa Suardi. Gli Archivi storici comunali. La conservazione e la fruizione delle fonti archivistiche, con interventi della Soprintendenza archivistica e bibliografica della Lombardia, di storici dell’Università di Bergamo e di giornalisti, coordinati dalla responsabile della Biblioteca.

 UNO SCRIGNO PREZIOSO CHE CUSTODISCE LA STORIA DELLA CITTÀ

Casa Suardi sarà principalmente sede dell’Archivio storico del Comune di Bergamo; qui sono conservati documenti che risalgono al 1100 fino al 1950 riguardanti la storia di Bergamo.

La struttura dispone di 1500 metri di moderne scaffalature che consentono finalmente di riunire l’Archivio che, per motivi di spazio, da quasi 20 anni è stato diviso in due sedi - Palazzo Nuovo e un deposito esterno.

 Le operazioni di trasferimento, effettuate da una ditta specializzata, che sono durante quasi un mese sotto l’attenta sorveglianza degli archivisti in forza alla Mai, hanno riguardato non solo l’Archivio storico comunale, ma anche altre raccolte documentarie e iconografiche, preziose testimoni della nostra città: la Raccolta di pergamene, la Raccolta dei disegni di Giacomo Quarenghi, gli archivi degli architetti Virginio Muzio, Luigi Angelini, Pino Pizzigoni, Camillo Galizzi, Abramo Bugini, Nestorio Sacchi e, recentissime donazioni pervenute dagli eredi, Sandro Angelini e Giuseppe Gambirasio.

 Le raccolte Bergamo illustrata, Stampe, Cartografia, Manifesti, e tanti altri materiali hanno trovato posto in 13 cassettiere, per un totale di quasi 200 cassetti.

Le 12 vetrine espositive consentiranno ai visitatori di prendere visione dei documenti, mostrati a rotazione all’interno delle teche. Il primo piano dell’edificio, arricchito da uno spazio accoglienza, sala letture e spazi di consultazione per documenti di grandi dimensioni, è infatti aperto alla libera visita, durante l’intero arco di apertura della struttura. Il secondo resta invece riservato esclusivamente agli addetti ai lavori.

 I LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE

L’obiettivo dell’intervento di riqualificazione è stato recuperare il primo e il secondo piano dell’immobile fermando il lento degrado in corso, permettendo la messa in funzione del palazzo e consentendo di apprezzarne la storicità e la bellezza.

Trattandosi di un ambito vincolato dalla Soprintendenza, i lavori hanno previsto innanzitutto interventi di consolidamento strutturale (statico e sismico) e di conservazione degli apparati decorativi rimasti, migliorandone gli spazi attraverso minimi interventi di trasformazione e addizione. Infine, si è proceduto con i lavori per adeguare gli impianti, elettrici, di sicurezza e di riscaldamento e raffrescamento, garantendo il minor impatto sull’edificio.

 Il progetto, del valore di 2,3 milioni di euro, è stato finanziato in gran parte dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza: il Comune di Bergamo si è infatti aggiudicato, nell’ambito del bando per la rigenerazione urbana, un finanziamento di oltre 1,8 milioni di euro. L’Amministrazione è al lavoro per finanziare e realizzare anche il secondo lotto di restauro di Casa Suardi, quello che si concentra su facciate e spazi limitrofi.

 LE DICHIARAZIONI

Il ritorno di Casa Suardi alla città rappresenta un traguardo importante di cui sono molto soddisfatta. Un lavoro impegnativo realizzato in collaborazione con l’Assessorato al Patrimonio, in dialogo con la Soprintendenza, e condotto passo dopo passo con le professionalità di grande esperienza e competenza della Biblioteca Mai.

Riaprire questo luogo vuol dire molte cose. Prima di tutto restituire ai cittadini uno scrigno prezioso nel cuore di Piazza Vecchia che conserva e tutela la storia della città. Ma anche permettere al patrimonio archivistico e bibliografico tra i più importanti in Italia di avere finalmente una collocazione adeguata e di assoluto prestigio. In ultimo, significa dare nuovo impulso alla vocazione nazionale e internazionale della Biblioteca Mai che, attraverso questa nuova Casa, potrà accogliere al meglio cittadini e studiosi interessati a scoprire la storia di Bergamo attraverso una documentazione ricca e di valore inestimabile.” Nadia Ghisalberti, Assessora alla Cultura

 “Dalla possibile vendita ai privati alla restituzione alla città e alla collettività. È questo, in estrema sintesi, il significato vero del grande lavoro che abbiamo fatto in questi anni per rendere Casa Suardi una casa della cultura dei cittadini di Bergamo. Da un lungo confronto con la Soprintendenza sono nati i lavori di restauro di un edificio importante non solo per la sua collocazione, ma anche per la sua destinazione. E sono molto felice di poter sottolineare come l’inaugurazione di casa Suardi rappresenti la prosecuzione di un grande impegno di incremento degli spazi culturali della nostra città, mentre fervono i lavori di realizzazione della nuova GAMeC nell’ex palasport di via Battisti, mentre è imminente l’apertura dell’ex mercato ortofrutticolo – ampliamento della biblioteca Tiraboschi – e stanno per aprire i nuovi spazi dell’Accademia Carrara e di GresArt. Si sente ancora molto forte il ruolo di Capitale della Cultura della nostra città. In questo caso, parliamo anche di uno degli immobili storici di Bergamo Alta, destinato a ospitare mostre, esposizioni e parte del grande e straordinario patrimonio librario della Biblioteca Angelo Mai, uno dei fiori all’occhiello della Cultura della città.” Francesco Valesini, Assessore al Patrimonio

 “Lunedì 18 marzo alle ore 9, Casa Suardi aprirà le porte a studiosi, ricercatori e, non ultimo, a tutti coloro che hanno desiderio e curiosità di visionare i documenti che testimoniano la storia della città in un luogo di grande bellezza pari alla magnificenza del patrimonio in essa conservato. Al primo piano abbiamo pensato, infatti, ad uno spazio espositivo permanente nelle cui vetrine, a rotazione, in percorsi costruiti cronologicamente o tematicamente, verranno esposti gli esemplari che raccontano la città di Bergamo, che documentano i fatti e gli eventi di una città dalla storia secolare. Tutti noi della Mai siamo estremamente orgogliosi di essere i custodi di tale ricchezza ed il nostro impegno quotidiano sarà volto alla soddisfazione delle esigenze della ricerca ed alla promozione del patrimonio documentario, patrimonio culturale di una città che come mi piace pensare, può considerare, a buon ragione, Casa Suardi come la sua Casa.” Cristiana Iommi, Direttrice della Biblioteca civica Angelo Mai

 Fonte Comune di Bergamo

358 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online