Mercoledì, 22 gennaio 2020 - ore 09.47

Biciplan Cremona. La telefonata con Filippo Bonali

Bonali, consigliere comunale incaricato, al coordinamento del lavoro sul Biciplan ci illustra le tappe del progetto che a marzo andrà in commissione.

| Scritto da Redazione
Biciplan Cremona. La telefonata con Filippo Bonali

ll lavoro iniziato alla fine del 2014 proseguirà nei prossimi mesi su queste proposte che riguardano i 3 aspetti principali di un biciplan:

1- una "rete di forza" di piste ciclabili che coprano i percorsi abituali dei ciclisti, in modo da incentivare l'utilizzo della bici nei percorsi giornalieri, per le quali si stanno approntando delle schede descrittive per meglio comprendere le proposte e le ipotesi da valutare;

2- il miglioramento dei servizi connessi alla ciclabilità: parcheggi, bike sharing, pompe pubbliche, cartellonistica dedicata ecc..

3- una massiccia campagna di comunicazione per vari target e argomenti: sicurezza, rispetto delle regole, incentivo all'uso della bici ecc...

Per quanto riguarda la partecipazione l'intenzione è quella di aprire il confronto sulla bozza di biciplan in divenire che contiene delle proposte concrete. Abbiamo scelto la strada della concretezza e su questo aspetto ci attendiamo il confronto.

L'idea è quella di un primo passaggio in commissione ambiente a marzo e poi un confronto con i quartieri soprattutto per le ciclabili di competenza, per poi giungere ad una configurazione finale condivisa.

Intervista Gian Carlo Storti

Welfarecremonanetwork

Ascolta la telefonata

Allegati audio:

Audio 1:

1827 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

La telefonata con Laura Valenti (Flc-Cgil Cremona)  A che punto siamo  con il confronto con il Governo sulla Scuola?

La telefonata con Laura Valenti (Flc-Cgil Cremona) A che punto siamo con il confronto con il Governo sulla Scuola?

In questa breve telefonata Laura Valenti, segretaria generale FLC-Cgil Cremona) fa il punto della situazione del confronto con il governo a seguito della revoca dello sciopero del 17 maggio indicando i problemi aperti: No alla regionalizzazione del sistema istruzione, questione dei precari e ulteriori risorse economiche da garantire al personale di ogni ordine e grado