Venerdì, 23 agosto 2019 - ore 16.21

Carotti Giampiero. Il Referendum su acqua non va svuotato

| Scritto da Redazione
Carotti  Giampiero. Il Referendum su acqua non va svuotato

Il Referendum su acqua non va svuotato. Ascolta.
Abbiamo sentito  Giampiero Carotti portavoce del Comitato Referendario 2 Si Acqua Bene Comune di Cremona che ci ha illustrato le preoccupazioni inerenti il comportamento della Giunta Salini circa lo svuotamento del voto Referendario.
Il  Comitato ha inviato una lettere ai Sindaci  di tutta la provincia di Cremona.
Egregio Signor Sindaco,
il Comitato Referendario Provinciale 2 sì per l’Acqua Bene Comune di Cremona le indirizza questa lettera aperta per ribadire la necessità di rendere efficaci e concreti nel nostro territorio i risultati dei referendum nazionali del 12 e 13 giugno nel completo rispetto della volontà dei cittadini che in modo forte e netto si è espressa in quella votazione. Ventotto milioni di Italiani hanno detto Sì alla gestione pubblica del servizio idrico e Sì alla sottrazione del profitto dalla gestione del servizio. Non si tratta di una interpretazione demagogica o estensiva dell’esito referendario: questa lettura del voto referendario è stata riconosciuta e anticipata mesi fa dalla Corte Costituzionale nella sua sentenza di ammissione dei quesiti referendari .

per leggere l’intera lettera clicca qui
https://www.welfarenetwork.it/acqua-pubblicail-comitato-scrive-ai-sindaci-20110824/

A cura di Gian Carlo Storti
www.welafarecremona.it
Cremona agosto 2011

Per ascoltare l’intera intervista clicca qui:

3985 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

La telefonata con Laura Valenti (Flc-Cgil Cremona)  A che punto siamo  con il confronto con il Governo sulla Scuola?

La telefonata con Laura Valenti (Flc-Cgil Cremona) A che punto siamo con il confronto con il Governo sulla Scuola?

In questa breve telefonata Laura Valenti, segretaria generale FLC-Cgil Cremona) fa il punto della situazione del confronto con il governo a seguito della revoca dello sciopero del 17 maggio indicando i problemi aperti: No alla regionalizzazione del sistema istruzione, questione dei precari e ulteriori risorse economiche da garantire al personale di ogni ordine e grado