Martedì, 19 ottobre 2021 - ore 08.47

Casalmaggiore Gravissime le dichiarazioni di Salvatore su ddl Zan | ArciGay

Salvatore, nel suo ruolo istituzionale, dovrebbe rappresentare l’intera cittadinanza nel rispetto della laicità delle istituzioni

| Scritto da Redazione
Casalmaggiore Gravissime le dichiarazioni di Salvatore su ddl Zan | ArciGay

Casalmaggiore Gravissime le dichiarazioni di Salvatore su ddl Zan | ArciGay

Mozione consiglio comunale Casalmaggiore a sostegno del ddl Zan: gravi e inaccetabili le parole dell’assessore Salvatore Le dichiarazioni dell’assessore Salvatore, durante la discussione in consiglio comunale sulla mozione a sostegno del ddl Zan presentata da CNC-Vappina, sono gravi e inaccettabili, secondo Lupoli Lorenzo, Presidente del Comitato territoriale Arcigay “La Rocca”.

Salvatore, nel suo ruolo istituzionale, dovrebbe rappresentare l’intera cittadinanza nel rispetto della laicità delle istituzioni, comprese le persone lgbti denigrate dalle sue parole di intolleranza e ostilità. L’assessore, inoltre, ha mostrato scarsa conoscenza di un fatto storico avvenuto il 17 maggio del 1990, quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità cancellò l’omosessualità dall’elenco delle malattie mentali.

L’approvazione alla Camera dei Deputati della legge contro l'omobitransfobia, la misoginia e l’abilismo, avvenuta nel mese di novembre dello scorso anno, è stato un primo passo verso l'approvazione definitiva del provvedimento - continua Lupoli.

La legge, il cui relatore è l'onorevole Zan, deve essere approvata al Senato ma sappiamo non sarà un passaggio scontato per l'opposizione delle destre che si è già manifestata nel dibattito alla Camera.

In particolare i/le rappresentanti di Lega e FDI, negando l'esistenza dell'emergenza sociale causata dal fenomeno dell'omobitransfobia, hanno perso un'occasione per rendere la destra italiana più civile e rappresentare degnamente le persone lgbti del loro elettorato.

Un'occasione che ha perso anche la giunta Bongiovanni, durante l’ultimo consiglio comunale, utilizzando argomentazioni basate su fake news che qualsiasi cittadino/a casalasco è in grado di verificare.

Nel nostro Paese - prosegue Lupoli - viene denunciata una violenza di stampo omobitransfobico ogni tre giorni: questo è quanto emerge dal report che ogni anno Arcigay pubblica in occasione del 17 Maggio, Giornata internazionale contro l'omobitransfobia, con 120 casi censiti dalla rassegna stampa negli ultimi dodici mesi che emergono tra quelli denunciati e resi notiziabili.

Quest'anno, in particolare, se da un lato i mesi di lockdown hanno invisibilizzato o rarefatto gli episodi nei luoghi pubblici o nelle strade, dall’altro ci sono segnali drammatici che giungono dai contesti familiari, laddove il conflitto, esattamente come accade per le altre forme di violenza domestica, è stato compresso.

L’aspetto più drammatico di questo fenomeno è che di omobitransfobia si muore nel nostro Paese, lo dico con dolore e rispetto verso chi non ce l’ha fatta, perché si tratta di storie che oltrepassano i filtri complessi e opportuni che hanno i suicidi, nel racconto mediatico.

Per questo - conclude Lupoli - il mio pensiero va a tutte le persone che dell'omobitransfobia portano le ferite o che non ci sono più e l’impegno di Arcigay nel percorso del Cremona Pride è anche per riscattare loro.

Il Comitato Cremona Pride - dichiara il presidente Mario Feraboli - stante le dichiarazioni dell’assessore Salvatore, ribadisce con forza la necessità e l’urgenza della propria azione. Esserci per dimostrare l’inadeguatezza di posizioni come quelle espresse giustificandole con il mantra della libertà di pensiero che va coltivata e ricercata con la conoscenza e il rispetto. Il contrario di ciò che abbiamo ascoltato e visto durante l’ultimo consiglio comunale a Casalmaggiore.

Per questo, a gran voce, diciamo: via l’omobitransfobia dalle istituzioni.

176 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online