Mercoledì, 16 ottobre 2019 - ore 17.25

Cgil ALTRO MORTO SUL LAVORO UNA STRAGE QUOTIDIANA, BISOGNA INTERVENIRE CON URGENZA

Oggia Villa Poma (Mantova): un trasportatore di 50 anni è deceduto cadendo dal tetto del proprio camion. Ieri un lavoratore addetto alla consegna della posta di 41 anni, che è deceduto per un incidente stradale mentre svolgeva il servizio su uno scooter.

| Scritto da Redazione
Cgil ALTRO MORTO SUL LAVORO UNA STRAGE QUOTIDIANA, BISOGNA INTERVENIRE CON URGENZA

Cgil ALTRO MORTO SUL LAVORO UNA STRAGE QUOTIDIANA, BISOGNA INTERVENIRE CON URGENZA

Oggia Villa Poma (Mantova): un trasportatore di 50 anni è deceduto cadendo dal tetto del proprio camion. Ieri un lavoratore addetto alla consegna della posta di 41 anni, che è deceduto per un incidente stradale mentre svolgeva il servizio su uno scooter.

Solo due giorni fa un operaio di 65 anni moriva schiacciato da un macchinario in un’azienda in cui risultava assunto il giorno prima.

Da inizio anno sono ormai dodici gli infortuni mortali sui luoghi di lavoro, senza contare quelli in itinere: è un costo sociale altissimo. In una regione ad alto sviluppo economico come la Lombardia, è inaccettabile che si continui a morire di lavoro.

Bisogna intervenire con urgenza. Come CGIL CISL UIL, oltre a denunciare puntualmente il ripetersi di questi gravi fatti, abbiamo lavorato a una piattaforma rivendicativa a partire dai livelli territoriali. Non più tardi di lunedì scorso, nell’ambito di questo percorso, i lavoratori del settore meccanico hanno dato vita a un’affollata assemblea che ha avuto al centro i temi della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

La prevenzione efficace si realizza attraverso il pieno coinvolgimento di tutti i soggetti, a partire dai datori di lavoro, cui spetta il compito di guardare non solo al profitto ma a garantire un lavoro dignitoso, fino ai Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza.

Il ruolo delle istituzioni dev’essere altrettanto determinato nel perseguire questi obiettivi, destinando adeguate risorse, comprese quelle provenienti dalle sanzioni ai trasgressori, non limitandosi ad annunci di stampa nella campagna elettorale.

Uno dei primi impegni che chiediamo alla nuova Giunta regionale è di convocare il tavolo con le parti sociali, per individuare un piano di azioni concrete da mettere in campo subito per fronteggiare questo quotidiano stillicidio di vite umane.

Milano 20 marzo 2018

 

343 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online