Martedì, 09 agosto 2022 - ore 13.13

Cgil-Cisl-Uil Incontro del 2 maggio con Draghi positivo ..ma giudizio sospeso

I sindacati chiedono più risorse da destinare al nuovo decreto aiuti per famiglie ed imprese.

| Scritto da Redazione
Cgil-Cisl-Uil  Incontro del 2 maggio con Draghi positivo ..ma giudizio sospeso

Cgil-Cisl-Uil  Incontro del 2 maggio con Draghi positivo ..ma giudizio sospeso

I sindacati chiedono più risorse da destinare al nuovo decreto aiuti per famiglie ed imprese.

È quanto emerge dalle dichiarazioni dei segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Maurizio Landini, Luigi Sbarra e Pierpaolo Bombardieri, dopo l'incontro a Palazzo Chigi con il premier Mario Draghi.

Landini: "Incontro con Draghi importante ma giudizio su dl aiuti sospeso"

"Incontro importante che viene dopo le manifestazioni del primo maggio, il governo condivide che la priorità oggi è tutelare il potere d'acquisto dei salari e delle pensioni però non abbiamo avuto i contenuti dei provvedimenti oggi in esame quindi il nostro giudizio rimane sospeso".

Lo ha detto Maurizio Landini al termine dell'incontro a Palazzo Chigi tra il Presidente del consiglio Mario Draghi e i segretari generali di CGIL, CISL, UIL. Presenti al tavolo anche Daniele Franco, Andrea Orlando e Giancarlo Giorgetti; ministri dell'Economia, del Lavoro e dello Sviluppo economico.

DL aiuti. Sbarra a Radio Anch’Io: “Ancora margini per il recupero di ulteriori risorse. Draghi renda permanente il confronto con le parti sociali”

“Abbiamo apprezzato tantissimo la disponibilità del Governo di condividere le nostre proposte avanzate nell’incontro che abbiamo fatto ieri mattina, le nostre priorità che abbiamo visto poi recuperate ieri sera nel provvedimento approvato dal CdM. Importante, non scontato, l’incremento delle risorse che dopo l’incontro con il sindacato il governo ha raddoppiato, facendole passare da 7 a 14 miliardi, recuperando come indicato dalle parti sociali questi stanziamenti da una ulteriore tassazione degli extraprofitti delle aziende“. Così il Segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra, intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Anch’io.

“Pensiamo che ci siano ancora margini di recupero sia sulla tassazione degli extraprofitti che sul reinvestimento degli introiti Iva, che stanno arrivando in maniera copiosa come entrate a seguito dell’aumento dei prezzi dovuto all’inflazione. Abbiamo espresso la necessità di sostenere i salari e le pensioni erose dall’inflazione e abbiamo apprezzato questo primo intervento importante del bonus di 200 euro per fronteggiare le perdite di potere di salari e pensioni. Il bonus riguarda i redditi inferiori ai 35 mila euro: è destinato a dipendenti, pensionati e autonomi. Sia chiaro noi stiamo aspettando il testo del provvedimento per analizzarlo in profondità perchè bisogna fare un lavoro tecnico: l’ipotesi è che ai lavoratori dipendenti anticipino con le mensilità di giugno e luglio i datori di lavoro che poi li portano a compensazione, per i pensionati interviene l’INPS.

 Il segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri, infine, ha sostenuto di aver ribadito la necessità di "intervenire su salari, lavoro e pensioni e costo energia". "Il governo ha recepito le nostre richieste e le condivide. Nel decreto che si appresta a fare terrà conto delle nostre proposte e richieste. Vedremo le scelte che farà", ha concluso Bombardieri.

----------------

    Hanno partecipato all'incontro il ministro dell'Economia Daniele Franco, del Lavoro Andrea Orlando e dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti ed il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Roberto Garofoli. 

   

 

561 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online