Domenica, 24 febbraio 2019 - ore 04.06

Como No al rimpatrio del migranti Il nostro non è semplicemente buon cuore. (PRC )

Noi stiamo aiutando i migranti in stazione per difendere il loro diritto di circolare liberamente e per garantire loro la possibilità , adesso e qui, di una vita dignitosa, negata nei loro paesi sconvolti dalla guerra e devastati dalla fame.

| Scritto da Redazione
Como No al rimpatrio del migranti Il nostro non è semplicemente buon cuore. (PRC )

Noi rifiutiamo le  aberranti affermazioni  dei neofascisti e dei leghisti che vorrebbero rimpatriare , e condannare ad una fine quasi certa, migliaia di persone colpevoli solo di essere nate nella 'parte sbagliata' del pianeta.

Noi invitiamo tutti a non cadere nella trappola della ' guerra tra poveri ' che i razzisti di casa nostra vorrebbero scatenare tra gli ultimi ( i profughi) e i penultimi ( i cittadini italiani che vivono in condizioni di difficoltà e povertà).

 Aiutare i migranti per rendere dignitosa la loro esistenza e rivendicare , come  lavoratori italiani, i diritti e i salari che sono stati cancellati dal Jobs Act, sono per noi due aspetti della stessa battaglia per una società più giusta.

Siamo anche coscienti che gli effetti dell' austerità che impoveriscono i pensionati, che rendono precari a vita i giovani e che tagliano a tutti  servizi pubblici essenziali come la sanità e l' istruzione, siano  espressione della stessa volontà di arricchire  le grandi banche e i gruppi finanziari e industriali  ( anche italiani) che fanno affari  d'oro  grazie alle guerre  in corso in numerosi paesi del terzo e del quarto mondo.

Noi continueremo  a partecipare concretamente alla solidarietà ai profughi che arrivano a Como perchè pensiamo non basti costruire dei contenitori per non far dormire per terra i migranti, ma che occorra realizzare a  Como un luogo di transito accogliente.

Come si è dimostrato in queste sei settimane le associazioni e i singoli volontari hanno saputo fare , da subito, quello che le autorità e gli amministratori  locali hanno invece fatto male, in ritardo e solo dopo innumerevoli sollecitazioni.

L' informazione legale ai migranti, la raccolta delle loro istanze individuali e collettive, la relazione sociale e la mediazione culturale e linguistica, la partecipazione a momenti di festa e di confronto con la città e il territorio  ma anche, semplicemente, la relazione umana individuale sono cose che non possono essere affidate alla croce rossa, alla protezione civile o alle forze armate.

Per questo sosteniamo che , per il futuro, a fianco di un impegno di risorse economiche e materiali da parte dello stato, vada assolutamente mantenuta  la presenza  della ' Como accogliente e solidale', di quanti cioè hanno saputo dimostrare notevoli competenze ed una insostituibile carica di umanità.

Pensiamo anche che il nostro compito, come forza politica sia quello di spingere le istituzioni locali, nazionali ed europee verso la realizzazione di accordi che prevedano il riconoscimento della libera circolazione di tutte le persone e pongano fine ai soprusi, alle minacce e alle deportazioni di massa che sono all'ordine del giorno , verso i migranti , nei paesi della civilissima Europa.

Questo  obiettivo è pienamente integrato nel disegno di una società più giusta per la quale lottiamo da sempre e sarà quindi perseguito con tutti i mezzi disponibili"

La Segreteria Provinciale Prc/SE Como

1205 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online