Lunedì, 27 maggio 2024 - ore 12.47

CONCORRENZA: ONLIT (BALOTTA), CONDANNA DELLA CASSAZIONE ALLE FFS

Sono state messe in atto condotte anticoncorrenziali da parte del gruppo FS che finalizzate a ostacolare alla società Arenaways di operare sul mercato

| Scritto da Redazione
CONCORRENZA: ONLIT (BALOTTA), CONDANNA DELLA CASSAZIONE ALLE FFS

CONCORRENZA: ONLIT (BALOTTA), CONDANNA DELLA CASSAZIONE ALLE FS CONFERMA PRATICHE SCORRETTE

La Cassazione, con sentenza n. 4291 del 13 f3bbraio scorso, ha dichiarato inammissibile il ricorso delle società Trenitalia e Rfi (gruppo FS) contro la decisione del Consigio di Stato che, nel 2021, aveva confermato le sanzioni dell’Autorità garante del Mercato (per complessivi 300 mila euro) ai danni delle suddette società per un abuso consistente nel “frapporre ostacoli, fornendo le informazioni a loro esclusiva disposizione in ritardo e con metodo volutamente non corretto”. https://www.ferrovie.info/index.php/it/13-treni-reali/25379-ferrovie-cassazione-trenitalia-e-rfi-penalizzarono-arenaways L'ingresso sul mercato ferroviario della compagnia ferroviaria Arenaways, quindi non erano dovute a sue inefficienze dell’azienda, quanto a “informazioni di difficile interpretazione e contraddittorie fornite dal gestore”. In pratica si trattò di abuso di posizione dominante del monopolista FS contro Arenaways, società fondata da Giuseppe Arena che aveva tentato di sfidare, tra il 2008 e il 2010, sui collegamenti di Milano, Torino e Genova. "Con la Sentenza, il CodS ha accolto l’appello presentato dall’AGCM (soccombente in primo grado), mettendo il punto finale ad un contenzioso iniziato nel 2012 a seguito della sanzione – pari a 300.000 euro – irrogata nei confronti di Trenitalia e RFI per abuso di posizione dominante.

Secondo l’Antitrust sono state messe in atto condotte anticoncorrenziali da parte delle società del gruppo FS che attraverso una serie di azioni finalizzate a ostacolare e, infine, di impedire, alla società Arenaways di operare sul mercato ferroviario da poco liberalizzato (sulla tratta tra Milano e Torino). I Giudici amministrativi hanno accolto la tesi dell’antitrust che ciò sarebbe avvenuto attraverso l’avvio strumentale di una procedura di consultazione con le due regioni interessate (Piemonte, Lombardia), con il Ministero per le Infrastrutture e i Trasporti (MIT) nonché con l’Ufficio per la regolazione dei servizi ferroviari (URSF) oggi Autorità per i Trasporti. Con la sentenze viene riconosciuto il diritto a chiunque lo chieda di effettuare servizi non sussidiati anche se ciò può togliere passeggeri a chi ha ottenuto un contratto di servizio con l'affidamento diretto.

Da allora il processo di concorrenza nei servizi di trasporto regionale si è arrestato e lo si vede dalla scarsa qualità dei servizi ferroviari per i pendolari, dalla bassa puntualità, la regione Lombardia, quella più importante ha la peggiore puntualità con l' 82%, e dai crescenti costi di esercizio. Rispetto alle ferrovie nord europee quelle italiane hanno costi più alti, ricavi più bassi, produttività inferiore del 20%, velocità commerciali e livelli di digitalizzazione modesti". Tutte le regioni italiane, anche su pressione del gruppo FS, il lupo perde il pelo ma non il vizio, non hanno mai indetto le gare per l'affidamento dei servizi tranne in Emilia Romagna dove, però, alla gara ha corso solo un vettore ferroviario TPER partecipato da Regione, enti locali e Ferrovie dello Stato. L'esperienza di Arenaways è servita invece da “apripista” alla libera concorrenza per i treni al Alta Velocità. In quel caso Italo, a differenza di Arena, ha potuto contare su azionisti di rilievo come Montezemolo, Punzo, Della Valle e Sciarrone.

Dario Balotta ,   presidente ONLIT  Osservatorio Nazionale Liberalizzazioni Infrastrutture e Trasporti

Milano 21 febbraio  2023

676 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online