Mercoledì, 29 giugno 2022 - ore 00.20

Cr.Forma rilancia la Scuola di restauro

Restauro, liuteria, diagnostica e biblioteche Quattro nuovi corsi in partenza con Lombardia Plus

| Scritto da Redazione
Cr.Forma rilancia la Scuola di restauro Cr.Forma rilancia la Scuola di restauro

Cr.Forma rilancia la Scuola di restauro

Restauro, liuteria, diagnostica e biblioteche Quattro nuovi corsi in partenza con Lombardia Plus

Un corso triennale che si conclude e quattro nuovi corsi che partono, dando al territorio la possibilitaÌ€ di fruire di percorsi di formazione professionale specialistici inediti. Cr.Forma, Azienda speciale della Provincia di Cremona, ha ottenuto l’integrale finanziamento del progetto presentato a valere sul bando ‘Lombardia plus’ di Regione Lombardia. PuoÌ€, quindi, con soddisfazione rilanciare la sua Scuola di restauro, eccellenza del sistema culturale cremonese e del Distretto culturale della liuteria, ora Ufficio per l’Unesco, che negli anni ha formato tanti tecnici del restauro, oggi impiegati nel preservare la bellezza del nostro immenso e pregevole patrimonio culturale.

La prima importante novità è più una conferma. Il corso di Tecnico del restauro degli strumenti musicali ad arco, pizzico e archetti avviato nel 2019 si concluderà nei prossimi mesi con gli esami finali e a settembre partirà una nuova triennalità destinata a formare nuovi professionisti in grado di limitare i processi di degrado dei beni liutai ed operare per assicurarne la conservazione. Un corso che è destinato ad attirare a Cremona giovani provenienti dalle scuole di liuteria, cremonese e non solo, oltre che appassionati e professionisti nei settori della liuteria o delle lavorazioni del legno.

Grazie alla sinergia con CNA Cremona, inoltre, ad ottobre partiraÌ€ un corso di specializzazione sul “Metodo classico cremonese” utilizzato per la costruzione dei violini da due illustri maestri liutai che sono scomparsi, Simone Ferdinando Sacconi e Mario Bissolotti.

NovitaÌ€ anche sul fronte della Diagnostica. A settembre 2022 inizieraÌ€ un corso sulla Diagnostica per lo studio dei beni culturali. Un percorso laboratoriale realizzato grazie all’esperienza e alle dotazioni strumentali presenti nel Laboratorio di Diagnostica applicata di Cr.Forma a Palazzo Fodri, per approfondire e sperimentare le tecniche analitiche mirate a caratterizzare la natura dei materiali, a identificare le cause di degrado e a supportare scientificamente gli interventi di restauro. Una proposta rivolta a diplomati, universitari e laureati nell’area tecnico-scientifica, restauratori e tecnici del restauro, che potraÌ€ attuarsi anche grazie a nuove importanti sinergie con il Laboratorio Arvedi di Diagnostica non invasiva dell’UniversitaÌ€ di Pavia e con il sistema museale di Cremona.

Infine, il corso per operatore di biblioteca e catalogazione, mai attivato fino ad ora sul territorio cremonese e atteso da enti e istituzioni del settore. Si tratta di un percorso che forma una specifica figura professionale in grado di recuperare, organizzare, produrre e diffondere informazioni per valorizzare il libro e ogni strumento informativo cartaceo e multimediale. Opera all’interno delle biblioteche curando tutte le funzioni di base per la gestione dei servizi e collabora con le istituzioni sociali e culturali del territorio per svolgere la funzione di informazione continua, istruzione e crescita culturale della comunitaÌ€. Un corso che vuole anche essere a servizio e da stimolo alla Rete bibliotecaria cremonese bresciana con le sue 340 biblioteche e con i suoi collegamenti con i sistemi mantovani e bergamaschi.

“Si tratta di un risultato importantissimo che ci consente di guardare nuovamente al futuro – evidenzia la Presidente di Cr.Forma Maria Luise Polig, da due anni alla guida della scuola - Un risultato che premia la capacitaÌ€ di questo ente di fare squadra e di consolidare le sinergie con le altre realtaÌ€ impegnate a tutelare il nostro patrimonio culturale e che in tutti questi anni si sono tradotte in importanti progetti di recupero del patrimonio artistico del nostro territorio”.

“Questo progetto del valore di 340 mila euro - sottolinea la Direttrice di Cr.Forma Paola Brugnoli - va nella direzione di un ulteriore rafforzamento di una filiera formativa unica in Italia che vede oggi a Cremona, cittaÌ€ della musica, la possibilitaÌ€ di frequentare presso il nostro centro di formazione professionale il corso post diploma triennale di Tecnico del restauro di beni culturali – Strumenti musicali della liuteria classica, per il quale Cr.Forma nel 2009 eÌ€ stata riconosciuta dalla Regione Lombardia Centro di Eccellenza regionale oltre che la possibilitaÌ€ di fruire di percorsi specialistici in grado di favorire l’occupabilitaÌ€ dei giovani in ambito culturale. Fondamentali le sinergie attivate negli anni con il corso di laurea magistrale quinquennale a ciclo unico in conservazione e restauro dei beni culturali dell’UniversitaÌ€ di Pavia e con il Museo del violino, che hanno portato a collaborazioni di alto livello quale il recente restauro degli strumenti dell’Ospedale della PietaÌ€ di Venezia”.

Saranno circa 50 gli alunni coinvolti nei nuovi percorsi della Scuola di restauro e circa 40 i docenti di cui molti professionisti provenienti dal mondo del lavoro. Cinque i tutor che verranno messi in campo per seguire i percorsi e 11 le convenzioni con enti e realtaÌ€ che hanno contribuito alla progettazione e alla realizzazione dei corsi. Un progetto che vale appunto 340mila euro, portati sul territorio dall’Azienda provinciale per tutelare, reinterpretare e trasmettere il sapere, il saper fare liutario e i mestieri d’arte da una parte e immettere nel mercato del lavoro tecnici giovani e preparati di cui il settore delle biblioteche eÌ€ in continua ricerca. Innovazione e saperi tradizionali legati all'eccellenza artigianale del nostro territorio per preservare e creare bellezza.

415 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online