Domenica, 23 gennaio 2022 - ore 03.41

Crema Report incontro Andrea Luigi Casero, storico dell'arte e connoisseur.

Tutti conosciamo la rivoluzione nella pittura portata da Giotto (Vespignano Mugello, 1267 circa - Firenze, 1337) che secondo le parole di Cennino Cennini “rimutò l’arte di pingere di greco in latino e ridusse al moderno”. Ma cosa avvenne dopo la sua morte?

| Scritto da Redazione
Crema Report incontro Andrea Luigi Casero, storico dell'arte e connoisseur.

Crema Report incontro Andrea Luigi Casero, storico dell'arte e connoisseur.

Sabato 24 ottobre 2018 alle ore 16,30 nella Sala Rossa del Palazzo Vescovile (piazza Duomo, 27 - 26013 Crema) si terrà l'ultimo appuntamento della sessione autunnale della rassegna Storici dell'arte in Palazzo Vescovile organizzata dalla Libreria Cremasca in collaborazione con la Diocesi di Crema. Ospite dell'incontro sarà Andrea Luigi Casero, storico dell'arte e connoisseur.

Tutti conosciamo la rivoluzione nella pittura portata da Giotto (Vespignano Mugello, 1267 circa - Firenze, 1337) che secondo le parole di Cennino Cennini “rimutò l’arte di pingere di greco in latino e ridusse al moderno”. Ma cosa avvenne dopo la sua morte? Chi furono i continuatori del suo linguaggio pittorico? Getta uno sguardo su questo tema la monografia di Andrea Luigi Casero dedicata a Giusto de’ Menabuoi. Con la modestia che lo contraddistingue, lo studioso definisce il pittore un Carneade, ma in realtà si tratta di una delle figure chiave per la comprensione della pittura italiana del Trecento, già oggetto delle ricerche di storici dell’arte del calibro di Roberto Longhi e Mina Gregori.

[leggi tutto] 

Allegati Pdf:

Allegato PDF 1

430 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online