Mercoledì, 20 ottobre 2021 - ore 11.51

Cremona Conclusa la mostra sul Pakistan con la visita poeta pakistano Anwar Masood

Anwar Masood, al caffè di Piazza Stradivari, tra una battuta e un'altra, e pillole di vita, ha lanciato un ponte immaginario tra noi, dicendo: "ecco, ora io mi sento italiano e tu sei pakistana".

| Scritto da Redazione
Cremona Conclusa la mostra sul Pakistan con la visita poeta pakistano Anwar Masood Cremona Conclusa la mostra sul Pakistan con la visita poeta pakistano Anwar Masood Cremona Conclusa la mostra sul Pakistan con la visita poeta pakistano Anwar Masood Cremona Conclusa la mostra sul Pakistan con la visita poeta pakistano Anwar Masood

Una vera perla a conclusione della Mostra sul Pakistan a Cremona. Visita a sorpresa, ma non per Aftab Ahmed, che aveva organizzato lo straordinario evento, del più popolare poeta pakistano contemporaneo: Anwar Masood, già docente a Rawalpindi del nostro mediatore e giornalista, negli anni dal 1988 al '92. Il poeta, noto sia in Pakistan che in tutta l'area centro asiatica, multilingue, scrive in urdu, punjabi e persiano ed è in assoluto il più amato interprete dell'originale e pura cultura del Pakistan. La sua poesia sa raggiungere in modo empatico i sentimenti della gente, usando spesso uno stile burlesco e ironico, che tocca immediatamente le corde del lettore, sdrammatizzando le difficoltà della vita con una battuta comica o un inaspettato finale. Così Anwar Masood è stato accolto al palazzo comunale dalla vice sindaco Maura Ruggeri e l'Assessore Rosita Viola, nel corso della visita alla mostra: Pakistan, crocevia di storia e culture, al suo ultimo giorno Anche stavolta un incontro caloroso e umano, estremamente cordiale: un vero dono alla città e a noi che lo abbiamo ascoltato incantati dalla semplicità di un grande uomo di cultura. Con un sorriso incantevole, Anwar Masood, al caffè di Piazza Stradivari, tra una battuta e un'altra, e pillole di vita, ha lanciato un ponte immaginario tra noi, dicendo: "ecco, ora io mi sento italiano e tu sei pakistana".

Ti prendiamo in parola, Anwar: con la cultura, le frontiere sono sempre più invisibili. Grazie per la "lectio magistralis". A presto, Pakistan

A cura di Rossana Ciaceri 

1622 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online